Vai al contenuto
Sjlva

Cedimento terreno sotto marciapiede

In un Condominio l'appartamento a piano terra ha il giardino privato; è ceduto il terreno in corrispondenza del marciapiede, per cui c'è una vistosa crepa tra quest'ultimo e il muro perimetrale, e inoltre il marciapiede è rotto "in due" a causa del dislivello. All'interno dell'appartamento c'è umidità da risalita.

Sotto al giardino e al marciapiede non ci sono unità, i garage sono completamente sotto l'edificio.

Credo che fin qui sistemazione esterna e interna sia da considerarsi a carico del singolo condòmino, e non del Condominio, essendo il giardino e quindi il marciapiede di sua proprietà (non è scritto nulla di diverso nel regolamento condominiale).

In questo giardino però c'è un pozzetto delle grondaie (condominiali); in seguito a un controllo per un ingorgo al pluviale abbiamo visto che il pozzetto è pieno di grosse crepe.

Certo il pozzetto potrebbe essersi rotto perché il terreno è ceduto, ma anche il terreno potrebbe aver ceduto (o aver ceduto di più) a causa del pozzetto rotto; l'acqua piovana che esce con il tempo erode il terreno tutt'intorno.

Non è un'ipotesi da scartare completamente, poiché problemi di questo tipo non si sono verificati in nessun altro punto dell'immobile (e giardini, privati e condominiali, ce ne sono parecchi).

Come risalire alla causa del cedimento e, quindi, a chi deve pagare la sistemazione di marciapiede, terreno e pozzetto?

O forse, invece di spendere soldi in ricerche "tecniche", conviene proporre in assemblea un "accordo" tra Condominio e privato per dividersi le spese?

 

Sjlva dice:

Come risalire alla causa del cedimento e, quindi, a chi deve pagare la sistemazione di marciapiede, terreno e pozzetto?

O forse, invece di spendere soldi in ricerche "tecniche", conviene proporre in assemblea un "accordo" tra Condominio e privato per dividersi le spese?

Per me, la seconda che hai detto.

Sjlva dice:

 

O forse, invece di spendere soldi in ricerche "tecniche", conviene proporre in assemblea un "accordo" tra Condominio e privato per dividersi le spese?

Ciao 

Non sono necessarie tante ricerche o perizie tecniche e da come Descrivi la cosa, la probabilità che fuoriuscita dell'acqua piovana dal pozzetto sia la causa dell'assestamento anche del marciapiede per dilavamento del terreno ed in questo caso la spesa è condominiale. Un occhio esperto vedendo sul posto sa valutare la cosa facilmente

camillo50 dice:

Ciao 

Non sono necessarie tante ricerche o perizie tecniche e da come Descrivi la cosa, la probabilità che fuoriuscita dell'acqua piovana dal pozzetto sia la causa dell'assestamento anche del marciapiede per dilavamento del terreno ed in questo caso la spesa è condominiale. Un occhio esperto vedendo sul posto sa valutare la cosa facilmente

Il titolare di un ditta edile che è stato sul posto mi ha dato il suo parere: secondo lui il pozzetto è stato posato già rotto, ma la crepa (lungo tutto il perimetro) si è fatta evidente con gli anni a causa del cedimento naturale del terreno; la parte inferiore del pozzetto si è abbassata, la parte superiore bloccata dal cemento allo scarico della grondaia è stata ferma al suo posto. Questo però, sempre a suo parere, non ha influito o ha influito molto poco nel cedimento del terreno, poiché la rottura è posizionata in alto e inoltre il pozzetto è posato nella ghiaia che fa da fondo al marciapiede.

Danielabi dice:

Per me, la seconda che hai detto.

Quindi, come suggerisce Danielabi, penso che la cosa più equa e corretta sia proporre un compromesso: sostituzione del pozzetto (con conseguente rifacimento del tratto di marciapiede demolito per il lavoro) a carico del Condominio e sistemazione della restante parte di marciapiede, se vuole, a spese della proprietaria.

Cosa ne dite?

Sjlva dice:

Cosa ne dite?

Per quanto mi riguarda è la soluzione migliore.

Ha ragione Camillo quando dice che un occhio esperto puo' capire, il problema è individuare l'occhio esperto; sono pronta a scommettere che ogni ditta/tecnico che si interpelli dirà la sua, sicuro che sia la soluzione corretta. Salvo che non vogliate chiedere una perizia asseverata o addirittuta giurata....alla fine meno dispendioso e piu' costruttivo l'accordo fra tutti. (sempre a mio parere)

  • Mi piace 1
  • Grazie 1
Danielabi dice:

Per quanto mi riguarda è la soluzione migliore.

Ha ragione Camillo quando dice che un occhio esperto puo' capire, il problema è individuare l'occhio esperto; sono pronta a scommettere che ogni ditta/tecnico che si interpelli dirà la sua, sicuro che sia la soluzione corretta. Salvo che non vogliate chiedere una perizia asseverata o addirittuta giurata....alla fine meno dispendioso e piu' costruttivo l'accordo fra tutti. (sempre a mio parere)

E' vero, credo anch'io succederebbe questo; se chiamassi un'altra ditta probabilmente avrei un parere diverso.

 

Ma mi sto chiedendo.... come fai ad essere sempre così veloce e online? Stacchi nemmeno per la pausa pranzo?!? 😉 

Sjlva dice:

Ma mi sto chiedendo.... come fai ad essere sempre così veloce e online? Stacchi nemmeno per la pausa pranzo?!?

Secondo me è un robot camuffato da forumista  😂

  • Haha 2
Leonardo53 dice:

Secondo me è un robot camuffato da forumista  😂

esaaaaaaaaaaaaatttttto!!!!! 😂

 

Evidentemente Sjlva abbiamo gli stessi orari, passo molto tempo, purtroppo al computer, per lavoro....ma spesso non bazzico il forum, sono in linea ma faccio altro e spesso non ci sono....😉

  • Mi piace 1
×