Vai al contenuto
PALuca90

ANAMMI, ARAI, ANACI o altro, quale consigliate a Palermo?

Buongiorno,

 

vi leggo da qualche mese e vi trovo un ottimo forum, volevo chiedere un consiglio sui corsi ed associazione migliori su quelli che ho scritto nel titolo. Sono di Palermo ed ho 24 anni.

Grazie molte a tutti.

Mio nipote è di Palermo. Ha frequentato il corso Anaci nel 2012, poi gli hanno detto di iscriversi così gli avrebbero dato qualcosa da amministrare. Morale: si sono presi i soldi e gli hanno fatto fare le fotocopie. Li portava alle assemblee e portava i documenti da uno studio all'altro e non gli hanno rimborsato nemmeno le spese. A dicembre ha deciso di lasciarli ed andare altrove.

Oggi come oggi qualsiasi corso tu possa scegliere NESSUNO può assicurarti che acquisirai condomini, ed eventuali risultati saranno, forse, possibili tra qualche anno.....se tutto va bene e ti impegnerai duramente, lo stesso nipote di AbOriginal dubito avrà miglior fortuna andando altrove essendo quasi nulle, ovunque possibilità di facili ed immediati guadagni. Detto ciò se il tuo interesse è quello di acquisire, per sola cultura personale (con qualche remota speranza di.....) una buona preparazione vanno bene sia ANAMMI che ANACI, ARAI non la conosco quindi no esprimo alcun giudizio

L'una vale l'altra... avrai solo una infarinatura sulla materia, il resto dovrai farlo facendoti le ossa, se sei fortunato, presso uno studio professionale.

Infatti io critico il metodo dell'Anaci di Palermo, promettere false speranze solo per avere i soldi delle iscrizioni, così di fatto si illude la gente.

  • Mi piace 1

In questo settore bisogna armarsi di tanta, tanta pazienza e, specialmente all' inizio, di molta umiltà. Come giustamente scrive Giovanni Inga, i corsi ti danno un' infarinatura ma è sul campo che si impara il mestiere. Bisogna poi tener conto che all' inizio i guadagni non si vedono e che, per alcuni anni, di profitti non ce ne sono. Però bisogna aver fiducia e non mollare: sulla distanza il risultato viene fuori.

a me i colleghi anaci hanno aiutato molto avviando l'attività, è grazie ai miei colleghi che sono arrivati i primi condomini (in pratica gli studi più grandi quando arrivano richieste di offerta specialmente da piccoli condomini dirottano le richieste ai novellini) però non è mica un obbligo dell'associazione; bisogna cominciare ed armarsi di tanta pazienza, lavorando sempre con serietà ed impegno, i risultati con il tempo arrivano

Grazie a tutti per le risposte.

 

Sapete dirmi i costi, la durata dei corsi e le rispettive sedi?

Ti posso raccontare la mia esperienza. Ho frequentato il corso Anaci nel 2014. La sede è in via marchese di villabianca 175, la durata mi pare fosse di 6 mesi. Ho pagato 800 euro iva esclusa.

Le lezioni sono bisettimanali, e ti danno qualche foglio ed una penna. Non mi hanno dato testi su cui studiare se non qualche dispensa, stampata solo su nostra richiesta e pure vecchia.

Spiegano senza appurare se si sono capite le lezioni e hanno fatto dei test che però tutti copiavano. Inoltre da metà corso in poi ci ricordavano l'importanza di iscriversi all'associazione. Ogni lezione c'era questo caldeggiato invito ad iscriversi.

In generale l'aria che si respirava in quella sede non mi è piaciuta ed anche parlando con dei frequentanti dei vecchi anni che ogni tanto erano lì, sconsigliavano di iscriversi ma di andare altrove. Specialmente un ragazzo mi raccontava che aveva superato esame anni prima ma non essendosi iscritto non gli avevano dato l'attestato di frequenza, dicendo che c'era un errore e doveva essere ristampato, e non gli è più stato dato. Alla fine quasi tutti non ci siamo iscritti ed almeno io cerco uno studio dove poter far pratica.

  • Mi piace 1
In questo settore bisogna armarsi di tanta, tanta pazienza e, specialmente all' inizio, di molta umiltà. Come giustamente scrive Giovanni Inga, i corsi ti danno un' infarinatura ma è sul campo che si impara il mestiere. Bisogna poi tener conto che all' inizio i guadagni non si vedono e che, per alcuni anni, di profitti non ce ne sono. Però bisogna aver fiducia e non mollare: sulla distanza il risultato viene fuori.

Sono perfettamente concorde con quanto affermi, io stesso invito mio nipote a non abbattersi, nulla viene regalato. E le esperienze anche quelle negative aiutano a capire di chi ci si può fidare.

Grazie per avermi raccontato le vostre opinioni ed esperienze.

 

Penso di valutare a questo punto Anammi e Arai, ho chiamato l'Anammi e mi hanno dato diverse info. Ora volevo contattare l'Arai.

 

Una volta concluso il corso, si deve fare tirocinio? come funziona precisamente il dopo corso?

Grazie per avermi raccontato le vostre opinioni ed esperienze.

 

Penso di valutare a questo punto Anammi e Arai, ho chiamato l'Anammi e mi hanno dato diverse info. Ora volevo contattare l'Arai.

 

Una volta concluso il corso, si deve fare tirocinio? come funziona precisamente il dopo corso?

Il tirocinio sarebbe consigliato presso qualche studio già avviato, ma tieni presente che non troverai nessuno disposto a fornirtelo, anche se ti offri gratuitamente, il mio cosiglio spassionato è quello di impegnarti al massimo mentre farai il corso a fare amicizia con qualcuno dei corsisti e concordare con essi di unire le vostre forze una volta ottenuto l'attestato: associatevi tra di voi come studio professionale, l'unione fa la forza, lavorando insieme avrete mille volte di più possibilità di riuscire, ognuno con le sue amicizie tramite passaparola potrà proporre condomini in cui presentare i preventivi ed altra cosa importante dividerete le spese, da soli è molto più difficile (per non dire impossibile)

Grazie per il consiglio alfonso. Leggendo in giro ho letto che se uno esce dall'associazione deve restituire l'attestato, è vero?

 

Che libri consigliate da studiare per iniziare?

Grazie per il consiglio alfonso. Leggendo in giro ho letto che se uno esce dall'associazione deve restituire l'attestato, è vero?

 

Che libri consigliate da studiare per iniziare?

Ecco un' altra cavolata/leggenda metropolitana che si legge spesso e volentieri su certi siti. Dato che non esiste un albo ufficiale di categoria, non vi è alcun obbligo riguardante la restituzione dell' attestato se si lascia l' associazione dove lo si è conseguito.

Ergo: non si è obbligati a iscriversi nell' associazione dove si fa il corso, quindi se una volta conseguito l' attestato, non ti iscrivi a quell' associazione, non devi ridare indietro un bel piffero.

E' un trucchetto che usano alcune associazioni per obbligarti a rimanere iscritto e spillarti la quota annuale, non cascarci e orecchie dritte sempre.

Questo non lo sapevo e non potevo immaginarlo Chicca.

Quindi volendo posso fare il corso e poi attendere ed iscrivermi l'anno dopo.

Certo che sì, così puoi prenderti un po' di tempo e valuti bene quale associazione è più adatta alle tue esigenze.

Secondo me, l' appartenenza a un' associazione è comunque utile, perché è più facile aggiornarsi tramite seminari e convegni molto spesso gratuiti.

Sarebbe opportuno visitare il sito del ministero e verificare quali associazioni sono riconosciute dallo stesso. io ho fatto così.

Buongiorno a tutti voglio raccontarvi ciò che mi è capitato qualche hanno fa. Ho frequentato il corso presso l'Anaci di Palermo nel 2011. L'esperienza è stata positiva per i ragazzi che gestivano la sede e per i frequentanti con cui ho legato e siamo ancora in contatto. Frequentato il corso che ha avuto un suo costo non indifferente ed avendolo superato siamo stati lasciati a noi stessi. Abbiamo chiesto di collaborare o avere un indirizzamento su come iniziare e non ci è stato dato nessun sostegno se prima non ci fossimo iscritti.

Sono andato a parlare direttamente con l'allora responsabile dei corsi mi pare un certo ragioniere e mi è stato fatto capire con tono poco amichevole che se volevamo fare gli amministratori dovevamo piegarci alle loro richieste.

Io ed altri capito che volevano solo i nostri soldi senza garantirci nulla sul ruolo e sul tipo di collaborazione che sarebbe potuto nascere in seguito non ci siamo iscritti ed ora amministriamo una ventina di palazzi insieme ed associati ad un'altra associazione.

Paolo se il ragioniere di cui parli ha il cognome che inizia con la "C", allora è lo stesso che ci faceva lezione a noi. Lui insieme agli altri ci invitavano a fine lezione o con battute inserite nei discorsi ad iscriverci a fine corso. Diceva che poi avremmo fatto parte del centro studi e che saremmo diventati indispensabili per l'associazione.

Come detto non ho avuto una buona impressione e parlando con altri ragazzi dei vecchi corsi che si sono iscritti ma non hanno potuto fare nulla ci hanno sconsigliato di rimanere lì. Per il discorso attestato, devi superare l'esame, ed anzi ad un ragazzo come avevo scritto non gli è stato mai dato. Io l'ho ricevuto, è in formato A4, non mi sono iscritto e l'ho ancora.

Paolo se il ragioniere di cui parli ha il cognome che inizia con la "C", allora è lo stesso che ci faceva lezione a noi. Lui insieme agli altri ci invitavano a fine lezione o con battute inserite nei discorsi ad iscriverci a fine corso. Diceva che poi avremmo fatto parte del centro studi e che saremmo diventati indispensabili per l'associazione.

Come detto non ho avuto una buona impressione e parlando con altri ragazzi dei vecchi corsi che si sono iscritti ma non hanno potuto fare nulla ci hanno sconsigliato di rimanere lì.

Si ai miei tempi era il direttore del centro studi e responsabile del sito, Rag. C., non so se lo è ancora e spero di no visto l'atteggiamento che aveva.

L'attestato anche io l'ho ancora ma è quello della frequenza del corso, infatti, se ti iscrivi te ne danno un altro ed è quello che rivogliono indietro. Lo so perchè un mio socio si era iscritto e quando è uscito dall'anaci gli hanno richiesto attestato e timbro, lui li ha consegnati alla sede di palermo che poi li invia a Roma.

Sarebbe opportuno visitare il sito del ministero e verificare quali associazioni sono riconosciute dallo stesso. io ho fatto così.

L'Anaci è riconosciuta, il problema sono le persone che la gestiscono.

Poi ogni sede è un discorso a se, io posso parlare solo dell'esperienza fatta a Palermo. Pessima e detto anche da altri, giusto una settimana fa ho incontrato un ragazzo che lavorava per lo studio del presidente provinciale che era deluso dal fatto che non era stato pagato ed ha lavorato mesi e mesi. Promesse e promesse di co-gestioni e poi nulla.

Forse vedono nei giovani degli avversari? Io poi ho trovato uno studio dove fare pratica, solo rimborso spese ma a me sta bene, sono associati con un altra associazione e per me è meglio così.

×