Vai al contenuto
Roberto di Ostia

Vetrate frangivento: modalità per l'ottenimento del consenso degli altri condomini

Salve, desideravo avere alcune delucidazioni in merito all'installazione delle vetrate frangivento da installare sul balcone. Mi sono già attivato con l'ufficio tecnico di Roma che mi ha indicato quale strada perseguire per chiederne l'installazione. Ma prima mi è stato consigliato di ottenere una sorta di consenso da parte degli altri condomini oltre a vari permessi qualora ci fossero dei vincoli tipo quello paesaggistico. La mia domanda è la seguente: se questa sorta di consenso lo posso far firmare passando porta a porta e poi registrarlo sul verbale alla prima assemblea condominiale oppure devo richiederlo durante la prima assemblea condominiale? Di che tipo di maggioranza necessito? Ringrazio anticipatamente tutti coloro che volessero fare luce.

Se non vietate dal RdC l'installazione di queste vetrate, puoi posarle senza nessun permesso condominiale, a meno che non ledano il decoro dello stabile, ma in questo caso l'assemblea non è competente e dovranno ricorrere al Giudice per stabilirlo, inoltre il Comune se non esiste nessun divieto sul Regolamento Edilizio Locale o di carattere paesaggistico dovrebbe concedere l'autorizzazione con la menzione "salvo diritti di terzi", senza richiedere nessuna delibera assembleare;

 

CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE EDILIZIA - NON È NECESSARIO L'ASSENSO DEI CONDOMINI AI FINI DEL RILASCIO DELLA CONCESSIONE O DELL'AUTORIZZAZIONE EDILIZIA PER LE OPERE NELLE PARTI COMUNI DEL CONDOMINIO

(Consiglio di Stato, Sezione V, 23 giugno 1997, n. 699)

 

In molti uffici tecnici comunali è diffusa l'abitudine di chiedere, in presenza di domande di concessione o autorizzazione edilizia interessante in qualche modo il condominio o le parti comuni, atti di assenso da parte degli altri condomini, verbali di assemblea, controfirme sui disegni da parte dell'amministratore e così via, a seconda della fantasia o dell'umore del momento. Malgrado l'evidente arbitrarietà di tali richieste, al limite della vessazione e comunque censurabili in linea di principio anche ai sensi dell'articolo 1 della legge n. 241 del 1990 (l'amministrazione non può aggravare il procedimento se non per straordinarie e motivate esigenze imposte dallo svolgimento dell'istruttoria), si ritiene opportuno rendere nota una conclusiva decisione sul punto, del massimo organo di giustizia amministrativa (contro il Comune di Milano, si noti, non contro il Comune di Roccacannuccia).

A prescindere dalla banalità dell'oggetto trattato in causa (una canna fumaria) e fermi restando, ovviamente, i rapporti condominiali come regolati dalle norme civilistiche, risulta evidente che la pubblica amministrazione non è competente a "conoscere" i rapporti tra privati e non può imporre al privato la dimostrazione dell'assenza di pretese da parte di terzi.

La lettura della sentenza, una volta tanto chiarissima, non necessita di altri commenti.

Vedi sentenza integrale

http://www.ancebrescia.it/?p=476

Grazie per la celere risposta. Vorrei comunque lo stesso chiedere il consenso per una sorta di rispetto condominiale. Se volessi richiederlo di che tipo di maggioranza avrei bisogno?

Grazie per la celere risposta. Vorrei comunque lo stesso chiedere il consenso per una sorta di rispetto condominiale. Se volessi richiederlo di che tipo di maggioranza avrei bisogno?
Secondo il mio parere è necessaria l'unanimità, perchè qualsiasi condomino potrebbe adire al giudice per lesione al decoro dello stabile, invece ottenendo l'unanimità (1000/1000) magari con firma d'approvazione si scongiurano eventuali azioni

Ciao, l'unanimità di quelli presenti all'assemblea o devo pretendere che tutti ci partecipino perché possano votare? Posso ovviare alla consuetudine di non partecipare alle assemblee passando porta a porta e poi far ratificare il documento sottoscritto?

Ciao, l'unanimità di quelli presenti all'assemblea o devo pretendere che tutti ci partecipino perché possano votare? Posso ovviare alla consuetudine di non partecipare alle assemblee passando porta a porta e poi far ratificare il documento sottoscritto?
Secondo il mio parere a te serve la firma di tutti i condomini, ad evitare che un giorno uno di loro si rivolga al Giudice per lesione del decoro, per cui sarebbe sufficiente l'assenso extra assembleare.
×