Vai al contenuto
Martinez

Verbale modificato dopo essere stato firmato

Chiedo urgentemente il da farsi in questa strana situazione venutasi a creare: una decina di giorni fa ho fatto il segretario nell'assemblea di fine anno, quindi ho redatto il verbale in forma sintetica, come prescritto, alla fine lo abbiamo firmato insieme al presidente ed un altro condomino. Dopo averlo redatto a macchina fedelmente e firmato ancora, è stato consegnato all'amministratore (un condomino) a cui non andava bene la forma sintetica che ho adottato e che trascrivo: "dopo ampia discussione viene approvato il consuntivo 2015-2016 con 615 mm; votano contro Tizio, Caio e Sempronio" . L'amministratore ha preteso che venisse messo a verbale tutta la discussione -peraltro sterile- che ha portato comunque alla approvazione del bilancio. Gli ho fatto presente che non ero d'accordo e che non mi sembrava il caso di modificare il verbale ma il presidente, su input dell'amministratore, lo ha modificato senza dirmi piu nulla ; oggi ricevendo il verbale firmato dal solo presidente ho notato le differenze anche in altri punti all'odg e frasi e concetti che non sono stati mai dette in assemblea. Chiedo , a chi vorra cortesemente rispondermi, cosa posso fare? Anzi cosa devo fare?

Se vuoi avere ragione e conservi ancora il verbale originale o una copia, cioè quello scritto durante l'assemblea e firmato da te ed il Presidente (quello è il verbale), dovresti impugnare iniziando dalla mediazione con l'assistenza di un legale.

Grazie Tullio, ti confermo che ho conservato tutto ed ho pensato pure ad una bella denuncia-querela per falsità ideologica visto che si sono stravolti anche alcuni fatti, però lo farei contro il quasi incolpevole presidente che è stato soggiocato dall amministratore che ha voluto in questo modo occultare i suoi errori di contabilizzazione. Pensi non sia una strada percorribile?

Credo che sarà molto difficile, comunque senti un legale e leggi questo;

 

Discusso è, invece, se integri il reato de quo colui che, nel redigere il verbale di un’assemblea, attesti essersi verificati fatti (o essere state rese dichiarazioni) mai verificatesi (o mai rese) oppure dichiari essere avvenuti fatti (o essere state rese dichiarazioni) diversi da quelli effettivamente verificatisi (o da quelle effettivamente rese).

La S.C., partendo dall’opposta premessa che l’art. 485 c.p. non prevede come reato il c.d. falso ideologico in scrittura privata e riconoscendo al verbale di assemblea condominiale la natura di scrittura privata, ha escluso che siano punibili le eventuali false attestazioni contenute in un verbale di assemblea (Cass., 20 novembre 1986, – nella specie: stesura dopo la conclusione dei lavori; difforme indicazione degli argomenti trattati o discussi, asserita, ma non effettuata notificazione a tutti i condomini del consuntivo della gestione. Nello stesso senso GIP Genova, 21 luglio 2004, secondo cui l’esposizione di fatti non rispondenti al vero nei verbali di assemblee condominiali integra una falsità ideologica in scrittura privata, penalmente non rilevante ai sensi dell’art. 485 c.p., che sanziona esclusivamente le falsità materiali in scrittura privata).

--link_rimosso--

Impugnare il verbale può avere un senso solo se in esso risultano alterate le presenze o i millesimi in modo da fare figurare non approvata una delibera che invece lo sarebbe stata o viceversa, altrimenti si tratta di dare lavoro agli avvocati e intasare di cause le aule giudiziarie.

Impugnare il verbale può avere un senso solo se in esso risultano alterate le presenze o i millesimi in modo da fare figurare non approvata una delibera che invece lo sarebbe stata o viceversa, altrimenti si tratta di dare lavoro agli avvocati e intasare di cause le aule giudiziarie.
Infatti quello è il nocciolo del verbale, le decisioni assembleari, il volere dei condomini, quello deve essere chiaro e non modificato successivamente alla chiusura dell'assemblea.

Ok grazie Tullio e Madly siete stati molto eloquienti. In ora sono un po piu tranqullo ma estremamente deluso da questo amministratore che non ammette rilievi al suo operato ed ai suoi conti ma soprattutto con chi hli da corda. Grazie a tutti

×