Vai al contenuto
francesca40

Tettoia aperta su lastrico solare

Buonasera, 

 

sono nuova e vi chiedo, se possibile, un aiuto, ringraziandovi anticipatamente.

In un palazzo vincolato dalla soprintendenza, dove possiedo alcune unità immobiliari, da fine '800 esiste una tettoia aperta su tutti e 4 i lati che copre buona parte di un terrazzo/lastrico solare il quale, a sua volta, funge da parziale copertura del palazzo. La tettoia fu costruita dall'allora proprietario dell'intero edificio (forse per usarlo come stenditoio coperto).

Negli anni l'immobile è stato frazionato e le diverse unità immobiliari sono nella disponibilità degli attuali proprietari per successione o compravendita e uno di questi proprietari ha l'uso esclusivo del terrazzo. Il regolamento di condominio inserisce tale terrazzo tra le parti comuni senza citare in nessun modo la tettoia.

Considerando che la tettoia probabilmente necessiterà presto di alcuni interventi di manutenzione, in ambito condominiale ci stiamo chiedendo di chi sia la competenza: se totalmente del condomino che ha l'uso esclusivo del terrazzo/lastrico solare, o per i 2/3 del condominio.

Faccio presente che gli unici "atti" che hanno coinvolto il terrazzo in questione negli anni sembrano indirettamente attribuire la proprietà della tettoia a chi ha l'uso esclusivo del terrazzo stesso:

- negli anni '70 la tettoia è stata rifatta interamente a carico dell'allora proprietario dell'appartamento che ha l'uso esclusivo del terrazzo (e la relativa pratica in soprintendenza è stata fatta da lui e non dal condominio);

- i lavori sulla pavimentazione del terrazzo per l'impermeabilizzazione di quella parte di copertura del palazzo, realizzati in tempi recenti, sono stati a carico per 2/3 del condominio.

 

Da questo mi verrebbe da dedurre che è il terrazzo che funge da copertura del palazzo e non la tettoia, che è invece di proprietà esclusiva del condomino che ha l'uso esclusivo del terrazzo stesso. Che ne pensate?

 

Grazie ancora dell'aiuto che potrete darmi

francesca40 dice:

Da questo mi verrebbe da dedurre che è il terrazzo che funge da copertura del palazzo e non la tettoia, che è invece di proprietà esclusiva del condomino che ha l'uso esclusivo del terrazzo stesso. Che ne pensate?

Ritengo questa interpretazione sostanzialmente corretta: una tettoia aperta su quattro lati non comporta una modifica della volumetria dell'edificio e quindi non può essere considerata una nuova costruzione in sopraelevazione, quanto piuttosto un semplice e limitato riparo dagli agenti atmosferici. Per questo motivo la copertura dello stabile rimane rappresentata dal lastrico solare originario opportunamente e recentemente reimpermeabilizzato, e la cui spesa è stata correttamente (anche se il termine "parziale" potrebbe aprire un altro discorso) ripartita per 2/3 a carico del condominio e per 1/3 al condòmino con l'uso esclusivo dello stesso, che sopporterà anche per intero tutti i costi relativi alla manutenzione della tettoia, da doversi ritenere di sua sola proprietà esclusiva.

  • Mi piace 2
francesca40 dice:

Da questo mi verrebbe da dedurre che è il terrazzo che funge da copertura del palazzo e non la tettoia, che è invece di proprietà esclusiva del condomino che ha l'uso esclusivo del terrazzo stesso. Che ne pensate?

Concordo con Esmeralda. Che il lastrico solare sia di uso esclusivo o di proprietà esclusiva fa da copertura all'edificio per cui è giusto il cirterio di riparto  1/3 + 2/3

La tettoia non fa da copertura all'edificio per cui serve solo al proprietario e/o a chi ne ha l'uso esclusivo.

 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1
francesca40 dice:

Vi ringrazio infinitamente per le risposte che mi avete inviato

Di niente.

×