Vai al contenuto
levis75

Recesso anticipato, contratto chiuso all'AdE e mancata restituzione caparra

Salve a tutti,

Sono un inquilino che per motivi molto gravi non può più pagare un canone di affitto molto alto.

Ho comunicato disdetta verbalmente alla padrona di casa, dicendole, a giugno, che sarei andato via ad agosto.

Sempre verbalmente, la padrona di casa mi ha chiesto di restare almeno fino a settembre. Cosa che io ho accordato.

 

Il 15 di agosto, avrei dovuto pagare il canone di affitto fino al 15 settembre ma non sono riuscito a farlo.

Il 18 di settembre ho liberato l'appartamento, e il 20 ho pagato la cifra di 67 euro per il recesso anticipato.

La padrona di casa ha visto l'immobile in buono stato salvo i normali segni di usura.

 

Ma alla consegna delle chiavi non mi vuole restituire la caparra, dicendo di tenerla per il mese di settembre fino al mese di ottobre. O in alternativa di darle i 6 mesi di preavviso.

 

Premesso che sono sempre stato molto preciso e che i motivi per cui vado via sono realmente gravi, che la casa mi piace e mai l'avrei lasciata, questo comportamento della signora mi stupisce e mi fa rabbia.

 

Può dopo che il contratto è stato chiuso con il pagamento della tassa, le utenze distaccate, e con un accordo verbale rimangiarsi la parola data?

 

Il contratto era un 3+2.

 

Io non vorrei discutere, ma nemmeno perdere i miei soldi. Sulla disdetta anticipata, sarei rimasto nella casa, con difficoltà per i dovuti sei mesi, se me lo avesse detto, ma così, dopo aver dato l'ok verbalmente, e io fatto il trasloco e chiuso le utenze, lo trovo ingiusto e da profittatore.

Salve a tutti,

Ho comunicato disdetta verbalmente alla padrona di casa, dicendole, a giugno, che sarei andato via ad agosto.

Sempre verbalmente, la padrona di casa mi ha chiesto di restare almeno fino a settembre. QUOTE]

 

Verba volant, scripta manent !

 

Mi spiace per te, ma oggigiorno e nonostante le apparenze, mai fidarsi di nessuno!

La prossima volta attieniti alla procedura contrattualmente prevista, che è meglio spendere qualche eurino in raccomandate piuttosto che esser "signorilmente" raggirati in questa maniera.

E, se posso permettermi, dovesse ricapitarti una circostanza di disdetta anticipata sempre per iscritto (se ne hai necessità) chiedi una riduzione del periodo di preavviso contrattualmente previsto con richiesta di risposta scritta.

Saluti 🙂

Personalmente ritengo che la questione andava risolta seguendo le previste regole, il comportamento della proprietaria è ineccepile.

Infatti la mancata comunicazione della disdetta dà diritto alla richiesta delle previste mensilità (ossia i sei mesi) anche se l'appartamento è stato riconsegnato.

Pertanto la proprietaria, trattenendosi la cauzione, ti ha abbuonato la bellezza di quattro mensilità... se ti sembra raggiro questo...

A mio avviso nessuno dei contraenti si è attenuto ai patti contrattuali.

Ma Levis75 fidandosi di sole parole alla fine paga lo scotto di una proprietaria furba che sfruttando al meglio le parole è riuscita ad ottenere un prolungamento della locazione per poi intascarsi legalmente parte del mancato preavviso che in apparenza sembrava pienamente abbuonato.

In questa ottica un raggiro a danno del malcapitato è stato consumato.

Salve,

Ho parlato con un avvocato della questione.

Mi ha detto che, la padrona di casa, accettando la disdetta anticipata, ed addirittura incaricando l'agenzia immobiliare che le dovrà riaffittare la casa, di redigere le lettere di consegna chiavi e il mod F23 per la cessazione anticipata, non può appellarsi ai sei mesi che avrebbe invece dovuto chiedere.

Ma mi ha anche detto che per riavere indietro la mia somma, dovrei farle causa, con dispendio economico non indifferente e con la possibilità che un giudice non riconosca l'accordo verbale.

ps: Le chiavi le ho ancora io, se non le consegno tenendole per due mesi, (i due mesi della cauzione, non un giorno in più) a cosa andrei incontro?

 

- - - Aggiornato - - -

 

Personalmente ritengo che la questione andava risolta seguendo le previste regole, il comportamento della proprietaria è ineccepile.

Infatti la mancata comunicazione della disdetta dà diritto alla richiesta delle previste mensilità (ossia i sei mesi) anche se l'appartamento è stato riconsegnato.

Pertanto la proprietaria, trattenendosi la cauzione, ti ha abbuonato la bellezza di quattro mensilità... se ti sembra raggiro questo...

Incaricando l'agenzia di redigere le lettere di chiusura anticipata del contratto, ha rinunciato ai 6 mesi. Poi però si tiene i miei soldi. Tu come chiami questo comportamento?

×