Vai al contenuto
Laura M

Lavori per risolvere problemi di infiltrazioni che non si sono risolti

Nel condominio in cui vivo e che amministro, nel 2013 l'appartamento sottostante un lastrico solare subiva delle infiltrazioni.

Perchè il lavoro fosse fatto per bene ci siamo rivolti ad un architetto per avere un capitolato, dal suo capitolato sono stati fattti i preventivi dalle ditte edili.

In seguito lo stesso architetto è stato nominato direttore dei lavori e responsabile per la sicurezza.

I lavori sono stati eseguiti nella primavera 2014.

Adesso dopo un unico inverno nell'appartamento sottostante il lastrico solare sono ricominciate le stesse infiltrazioni per le quali avevamo fatto i lavori.

C'è responsabilità dell'architetto che ha redatto il capitolato?

Come devo comportarmi nei confronti della ditta e dell'architetto?

Grazie

Salve, occorre informare il direttore lavori dell'attuale infiltrazione e far intervenire la ditta per un sopralluogo al fine di verificare la causa di quest'ultima infiltrazione. Se dipendente dal lavoro non effettuato in modo corretto da parte dell'impresa ne risponderà l'impresa; se dipendente da un capitolato lavori non corretto ne risponderà l'architetto. Così, a spanne, mi vien da pensare che non è stata individuata la causa effettiva dell'infiltrazione e quindi i lavori fatti non hanno evitato ulteriori infiltrazioni. Speriamo non sia così e che magari ci sia bisogno soltanto di un intervento di sistemazione da parte della ditta che ha fatto i lavori.

Salve, occorre informare il direttore lavori dell'attuale infiltrazione e far intervenire la ditta per un sopralluogo al fine di verificare la causa di quest'ultima infiltrazione. Se dipendente dal lavoro non effettuato in modo corretto da parte dell'impresa ne risponderà l'impresa; se dipendente da un capitolato lavori non corretto ne risponderà l'architetto. Così, a spanne, mi vien da pensare che non è stata individuata la causa effettiva dell'infiltrazione e quindi i lavori fatti non hanno evitato ulteriori infiltrazioni. Speriamo non sia così e che magari ci sia bisogno soltanto di un intervento di sistemazione da parte della ditta che ha fatto i lavori.

E' quello che ho fatto e lunedi saranno qui per il sopralluogo.

La mia preoccupazione è dovuta proprio al fatto che credo non sia stata individuata la causa dell'infiltrazione e che saranno necessari altri lavori per eliminarla.

Quando il capitolato era stato richiesto proprio per eliminare tale infiltrazione, allora in questo caso ne dovrebbe rispondere l'architetto, ma in che modo dovrò procedere?

Nel capitolato si era supposto che le infiltazioni provenissero dai piantoni della ringhiera del lastrico, per cui è stato rimosso il pavimento lungo tutto il perimetro esterno, sono stati trattati tutti i piantoni, è stata rimessa la guaina su tutto il perimetro esterno con cappotto sui piantoni e poi sono stati messi dei marmetti.

Con l'occasione dei lavori si è provveduto a fare una serie di altri interventi con un'esborso notevole da parte di ogni condomino, non vorrei che adesso se ne uscissero che dobbiamo rifare tutta la guaina e la pavimentazione sul lastrico.

Se dal sopralluogo dovesse emergere la necessità di nuovi lavori, ritengo che ci sia responsabilità dell'architetto. Ma a questo punto occorre verificare bene il tutto (contratti, delibera assembleare ecc) con l'aiuto di un avvocato e se necessario procedere con una azione legale partendo dalla mediazione se la controparte rifiuta ogni adddebito a suo carico. Prima di fasciarci la testa però vediamo cosa vien fuori dal sopralluogo. Eventualmente potrebbe essere necessario l'intervento di un altro tecnico che dia il suo parere in merito. Purtroppo le problematiche relative ad infiltrazioni non sono facili da risolvere, sovente la causa è difficile da individuare con precisione ed occorre quindi procedere a tentativi. Se questo è stato ad esempio ben chiarito dal direttore lavori non si può neanche addossargli colpe particolari.

Se dal sopralluogo dovesse emergere la necessità di nuovi lavori, ritengo che ci sia responsabilità dell'architetto. Ma a questo punto occorre verificare bene il tutto (contratti, delibera assembleare ecc) con l'aiuto di un avvocato e se necessario procedere con una azione legale partendo dalla mediazione se la controparte rifiuta ogni adddebito a suo carico. Prima di fasciarci la testa però vediamo cosa vien fuori dal sopralluogo. Eventualmente potrebbe essere necessario l'intervento di un altro tecnico che dia il suo parere in merito. Purtroppo le problematiche relative ad infiltrazioni non sono facili da risolvere, sovente la causa è difficile da individuare con precisione ed occorre quindi procedere a tentativi. Se questo è stato ad esempio ben chiarito dal direttore lavori non si può neanche addossargli colpe particolari.

Grazie per le esaurienti risposte. Aspetto il sopralluogo e poi magari aggiorno il thread

×