Vai al contenuto
Ingegneregestionale

Guasto e consumi anomali

Salve,

ho in locazione un bilocale e pago 110 euro al mese di spese condominiali, per un totale di 1320 euro all'anno.

Tali spese, come da contratto, includono anche riscaldamento e condizionamento, oltre alle altre spese generali e sono soggette a conguaglio annuale.

Il 4 Luglio 2017 ho ricevuto un conguaglio di 1207 euro, dovuto soprattutto a Spese di riscaldamento contabilizzato e Condizionamento contabilizzato.

Pertanto il totale 2016/2017 ammonta a 2527 Euro(1320 + 1207).

Premetto che abito al primo piano e l'appartamento è dotato di Fancoil e che non sto mai in casa, infatti esco la mattina e rientro la sera tardi intorno alle 21 per lavoro.

Con il proprietario abbiamo fissato un incontro con l'amministratore (fine luglio 2017), il quale ci ha illustrato le modalità di ripartizione e le letture, ma stranizzato anche lui dei notevoli consumi

e del mio stile di vita, ha suggerito di far intervenire un tecnico per verificare il corretto funzionamento dell'impianto nell'appartamento.

Il 25 Luglio, giorno dell'intervento del tecnico, lo stesso ha dichiarato un guasto nel motorino del conta calorie posto all'esterno dell'appartamento

e di competenza del locatore, che non consentiva la chiusura della valvola. Pertanto l'acqua oltrepassava la valvola (dato che era sempre aperta)

picchiando sul conta calorie e facendo registrare consumi anomali.

Il proprietario non contento del riscontro, ha richiesto l'intervento della ditta che ai tempi ha costruito l'impianto in questo condominio (Bitcino).

Il 7/09, la Bitcino ha ri-confermato quanto già indicato dal primo tecnico a fine luglio, consigliando la sostituzione del dispositivo a carico del locatore.

Premesso che il 31/10 lascerò l'appartamento e che avevo versato un deposito cauzionale di 1500 euro, ieri mi ha chiamato il proprietario affermando che pretende ugualmente il pagamento

per intero del congualio e pari a 1207 euro.

Io ho già comunicato che non intendo pagare dato che si tratta di un guasto di cui non potevo mai notare la presenza se non a valle della ricezione del conguaglio.

Gli ho suggerito di trovare un compromesso (anche se non è corretto dato che ho già versato la bellezza di 1320 euro) ma non intende trattare e ha aggiunto che se non pagherò,

si tratterà la caparra il 31 ottobre.

Secondo voi è corretto pagare il conguaglio, data la presenza del guasto di competenza del locatore? Mi consigliate di rivolgermi ad un avvocato, anche se le spese da sostenere saranno il triplo del conguaglio stesso?

 

Vi ringrazio anticipatamente e sicuro di un vostro cortese riscontro.

 

Saluti,

Ivan

Innanzitutto, se le verifiche hanno avuto un seguito per iscritto, ti consiglio di chiederne subito copia, sempre per iscritto. Prima di chiederla al proprietario, puoi provare a chiederla alla seconda ditta. Se una l'avesse l'amministratore, potrebbe essere obbligato a dartela, sulla scorta delle disposizioni del codice.

Contemporaneamente, contatterei un sindacato inquilini.

Per fortuna, il dispositivo è ancora dentro casa. Alle brutte, lo stacchi o commissioni tu una seconda perizia scritta. Ma meglio se la fanno con l'apparecchio montato.

Con la perizia, se si trattiene la caparra, il proprietario rischia l'addebito di appropriazione indebita e forse pure aggravata.

Puoi anche chiederla solo alla ditta e non dire niente a lui e all'amministratore e calare l'asso se insiste, magari assieme alla lettera dell'avvocato.

Ovviamente, fatti mettere per iscritto il motivo della mancata restituzione.

Ciao,

Grazie per la risposta e i consigli.

Purtroppo non ho una perizia scritta e non ho i contatti della ditta e del tecnico che hanno fatto gli interventi di verifica.

Posso provare a contattare un tecnico per la perizia scritta o contattare il sindacato

inquilini che sinceramente non conoscevo l'esistenza. Sapresti darmi qualche indicazione in merito?

Vorrei evitare di chiedere all'amministratore perché hanno un rapporto troppo confidenziale e ho l'impressione che tiri per il proprietario.

Quando parli di addebito di appropriazione indebita e forse pure aggravata, cosa intendi?

 

Grazie mille per la tua risposta preziosissima.

Ciao.

Ivan

Ciao.

--link_rimosso--

 

Per la perizia/verifica la dovrebbe fare il tecnico dell'assistenza. Ma se la commissioni tu, non chiedere una perizia. Spaventa. Chiedi un controllo/diagnosi/verifica per presunto malfunzionamento.

Poi, ci sono i centri di verifiche metriche a carattere legale. Ma in questo caso penso sia sufficiente quella di un tecnico fiduciario della casa costruttrice.

Hai scritto che sono venuti i tecnici della casa madre. Quanti ce ne saranno in zona? Qualche telefonata e magari li ritrovi. Sono passate solo due settimane.

 

https://www.condominioweb.com/il-locatore-deve-restituire-al-termine-del-contratto-di-locazione-la-cauzione.2174

×