Vai al contenuto
gianfri41

Detrazioni fiscale per riqualificazione centrale termica condominiale

Buona sera, quesito: chiedo che documentazione deve fornire l'amministratore ai condomini per richiedere il 65% delle detrazioni fiscali per riqualificazione centrale termica condominiale, ci risulta che abbia bonificato all'impresa due maxi rate nel 2015, resterebbe una mini rata per il 2016.

Ringrazio anticipatamente per le risposte.

Se avete posato una caldaia a condensazione vi spetta il 65% altrimenti il 50%. L'amministrstore vi deve dare una certificazione in carta libera dove siano evidenziati i costi totali bonificati dal condominio nel 2015 e la ripartizione sempre che l'amministratore abbia svolto le pratiche burocratiche adeguate. http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/agenzia/agenzia+comunica/prodotti+editoriali/guide+fiscali/agenzia+informa

Si condensazione, che pratiche burocratiche dovrebbe svolgere ? l'impresa che ha effettuato i lavori che documentazione dovrebbe dare al condominio (amministratore) ?

Si condensazione, che pratiche burocratiche dovrebbe svolgere ? l'impresa che ha effettuato i lavori che documentazione dovrebbe dare al condominio (amministratore) ?

Dal link postato precedentemente apri 'Le agevolazioni fiscali per risparmio energetico' e da pag. 17 trovi tutti i documenti e le istruzioni. Di solito ci si fa assistere da esegue i lavori trattandosi di parecchi documenti.

Ok, chiedo scusa ma è l'amministratore che deve trasmettere all'Enea la documentazione, datosi che nonostante i nostri solleciti continua a tergiversare e i 90 giorni dalla fine dei lavori sono passati da un pezzo ( fine lavori grosso modo a metà ottobre 2015) ??

Ok, chiedo scusa ma è l'amministratore che deve trasmettere all'Enea la documentazione, datosi che nonostante i nostri solleciti continua a tergiversare e i 90 giorni dalla fine dei lavori sono passati da un pezzo ( fine lavori grosso modo a metà ottobre 2015) ??

No................

Deve preoccuparsi che tale onere venga espletato e la relativa pratica e ricevuta telematica siano nelle sue mani a memore conservazione.

Per meglio chiarirmi le idee, l'impresa che ha effettuato i lavori deve prendersi l'onere di trasmissione della documentazione, l'amministratore deve darci un certificazione dei costi bonificati e ripartiti o sbaglio, ma i condomini come possono chiedere di beneficiare dell'agevolazione fiscale..........''

La trasmissione della documentazione all'Enea non spetta agli installatori, ma al beneficiario della detrazione, in questo caso il condominio. Poi che sia l'amministratore (che sarebbe la soluzione migliore) piuttosto che uno dei condomini a farlo, questo non ha importanza.

 

Nel caso di sostituzione della caldaia, dovrete:

1- Compilare l'Allegato E dopo essersi registrati sull'apposito sito dell'Enea per l'invio delle richieste (--link_rimosso--): i dati da inserire sono relativi all'anagrafica del beneficiario, dell'immobile, i dati tecnici delle caldaie nuove e dismesse e l'indicazione delle spese sostenute.

2- Rivolgervi ad un professionista per il calcolo del risparmio energetico stimato in fonti primarie e per farvi rilasciare l'asseverazione prevista che certifica la compatibilità dei requisiti del nuovo impianto alle disposizioni di Decreto (sempre che l'installatore non vi abbia già rilasciato una certificazione analoga)

3- Conservare la certificazione di collaudo e accensione della caldaia, fatture, asseverazione e bonifici parlanti

 

Anche se sono trascorsi i 90 giorni dalla data di collaudo, avete comunque possibilità di non perdere il bonus e di inserire la domanda, ricorrendo alla remissione in bonis e pagando una sanzione minima pari a 258 euro, così come specificato nella Circolare 38/E dell'Agenzia delle Entrate.

 

In ogni caso, qualora vi trovaste in difficoltà con tutte le suddette procedure, basterà rivolgervi ad uno studio di consulenza specializzato in questo genere di pratiche, che si occuperà di tutto.

Non mi sembra il luogo per farsi pubblicità, per cui non lascerò recapiti o riferimenti, ma per esempio il nostro studio si occupa di questi servizi.

L'amministratore ci ha inviato la dichiarazione per le detrazioni fiscali, nello prospetto di riparto vengono indicate le spese totali imputate a ciascun condomino, le cifre indicate in detrazione però sono diverse dall'effettivi versamenti effettuati, chiedo, in una fattura per lavori la spesa ammessa in detrazione non è il totale pagato.......non so se mi spiego.

scusate ma se non si cambia la caldaia la documentazione all'Enea non va fatta o sbaglio ?

L'amministratore ci ha inviato la dichiarazione per le detrazioni fiscali, nello prospetto di riparto vengono indicate le spese totali imputate a ciascun condomino, le cifre indicate in detrazione però sono diverse dall'effettivi versamenti effettuati, chiedo, in una fattura per lavori la spesa ammessa in detrazione non è il totale pagato.......non so se mi spiego.

Dipende da quanto è stato effettivamente bonificato (dall'amministratore) alla ditta entro il 31 dicembre 2015.

Probabilmente(è un'ipotesi) gianfri 41, le spese indicate a ciascun condomino, diverse dal totale versato da ognuno entro il 31/12/2015,scontano già la percentuale di detrazione ammessa per legge. Come evidenziato da altri colleghi, potrebbe essere indicata dall'amministratore la cifra ricavata dal 65% della cifra pagata da ognuno.

Se avete posato una caldaia a condensazione vi spetta il 65% altrimenti il 50%. L'amministrstore vi deve dare una certificazione in carta libera dove siano evidenziati i costi totali bonificati dal condominio nel 2015 e la ripartizione sempre che l'amministratore abbia svolto le pratiche burocratiche adeguate. http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/agenzia/agenzia+comunica/prodotti+editoriali/guide+fiscali/agenzia+informa

ho letto il link che hai postato, c'è un punto che dice che bisogna fare la comunicazione all'Asl di competenza di inizio lavori.

ma per la detrazione 50% bisogna effettuare anche quella comunicazione ?

e poi ripeto per la detrazione del 50% la documentazione all'Enea non va inviata o sbaglio ?

grazie

ho letto il link che hai postato, c'è un punto che dice che bisogna fare la comunicazione all'Asl di competenza di inizio lavori.

ma per la detrazione 50% bisogna effettuare anche quella comunicazione ?

e poi ripeto per la detrazione del 50% la documentazione all'Enea non va inviata o sbaglio ?

grazie

Se il tipo di intervento non prevede piùimprese non serve comunicare niente all'asl ma devi fare la comunicazione al comune o in alternativa un'autocerificazione. Per il 50%non serve la comunicazione ad enea

L'amministratore ha indicato sul prospetto di riparto i pagamenti delle fatture emesse dalll'impresa nel 2015......quindi ...ci stà.

L'amministratore ha indicato sul prospetto di riparto i pagamenti delle fatture emesse dalll'impresa nel 2015......quindi ...ci stà.

ci sta.... cosa??

"ci stà", nel senso che non poteva indicare le quote versate dai condomini ma i bonifici fatti all'impresa nel 2015.

Comma 1 art. 28 dellaLegge 10/91 DPR 412/93 e seguenti. Non essendo esperto mi sembra di capire che per la sostituzione del generatore di calore da gasolio a gas metano, non sia previsto l’invio della pratica all'enea, è così? Faccio presente che è stato praticato lo sconto in fatture del 50% e  l’invio della pratica all’ade è stata inviata prima del 12/11/2021 della entrata in vigore della Legge anti frodi, che non era previsto. In questo caso si deve comunque inviare l’asseverazione del tecnico  ed il visto di conformità del commercialista? 

A mio parere la comunicazione ad Enea è senz'altro da fare, considerando che sei passato da gasolio a metano.

Pero' il tecnico che ha installato il generatore è senz'altro piu' indicato a darti risposte certe.

×