Vai al contenuto
dolphin srl

Culpa in eligendo di amministratore reticente in assemblea.

Buongiorno.

in una vertenza legale tra due condomini il CTU nominato dal tribunale ha proposto una mediazione per chiudere la questione consensualmente.Il CTP nominato dal condominio dopo aver partecipato a tute le sessioni e ispezioni in loco con il CTU, ha verbalmente esposto e anche fisicamente certificato che nessun onere fosse a carico del condominio in quanto la vicenda dei danni da infiltrazione erano di stretta comperenza dei due litiganti e basta, senza che il condominio ne dovesse venir coinvolto.

L'amministratore ha scientemente sottaciuto la perizia firmata del CTP condominiale ma ha puntualmente ripartito la spesa della parcella del nostro CTP a tutti i condomini, tranne al litigante che aveva azionato l'ATP, da cui poi è escaturita la nomina del CTU.

Ora i termini di legge per impugnare l'assemblea sono scaduti e l'assemblea è valida, ma se in assemblea fosse stata letta la relazione del CTP che attestava che le spese non dovevano essere neppure in minima quota a carico del condominio...certamente il voto sarebbe stato diverso, o comunque si sarebbe meglio dibattuto ed approfondito l'argomento

alla presenza degli ignari condomini, che proprio per questa grave reticente omissione...hanno approvato il suggerimento dell'amministratore di accettare la mediazione x evitare ulterioi spese di causa.

Può l'unico condomino che non ha votato a favore della delibera di accettazione della mediazione, chiedere al tribunale in base al principio della CULPA IN ELIGENDO che l'amministratore sia responsabile dell'omissione di informazione, e risponda lui del danno che il dissenziente deve subire x l'addebito (definito dal CTP non dovuto) relativo alla propria quota millesimale?

Con questo però senza invalidare la Mediazione elaborata dal CTU e approvata a maggiranza con un solo dissenziente.

Si precisa che L'amministratore e ed il contendente che ha azionato l'ATP sono in affari insieme, per altre situazioni di cantieri pubblici e privati extra condominio....

ciao

 

il CTP è stato nominato da condominio ed ha svolto la sua perizia nell'interesse del condominio. Quindi il suo onorario è a carico del condominio, a prescindere dal suo parere espresso in perizia.

ci mancherebbe!

è un professionista preparato e molto stimato!.

la culpa in eligendum va ricercata non nella ripartizione della spesa del nostro CTP regolarmente nominato, il problema è che dietro il comodo usbergo della paura di affrontare una causa, atteso che il condomino che ha intrapreso l'ATP in assemblea ha drasticamente affermato che sarebbe andato avanti con la causa se non si fossero accettate tutte le sue pretese....e così l'assemblea a maggioranza ha deliberato la Mediazione proposta dal CTU.

Però l'amministratore si è guardato bene dal leggere la relazione del CTP nè di allegarla alla raccomandata ai condomini col bilancio da approvare, è stato l'unico dissenziente a renderLa pubblica dopo averla avuta dal tecnico, solo dopo l'assemblea.

questa reticenza credo possa di diritto rientrare nella classificazione di Culpa in eligendum...salvo prova contraria, e sono curioso di leggere quale potrebbe essere.....utile a dimostrare la buona fede.....

ciao

 

ma perchè nella discussione è non è stata fatta leggere ? Non è questa una colpa dell'amministratore, ma di chi, prima di deliberare non ha accertato il tutto.

Probabilmente non è stata letta e forse neppure forse riassunta solo perchè difronte al dictat del condomino che ha detto che sarebbe andato avanti, molti hanno pensato che molto spesso (troppo) "è meglio un pessimo accordo che una causa vinta", e quindi hanno deciso di superare la cosa.

×