Vai al contenuto
nannifer10

Come evitare di revocare un bravo amministratore

Buongiorno Signori,

il quesito che di seguito descrivo, ponendolo alla vostra attenzione, è finalizzato per EVITARE CHE L'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO SIA REVOCATO dall'assemblea ( su giusta convocazione assembleare).

 

Premesso che la nomina è stata votata dal quorum dei presenti 890 millesimi, ed il regolamento di condominio non fà riferimento alla revoca o la nomina, integrando decisioni assembleari rispetto alle norme già previste dal codice civile;

 

Vi chiederete, come mai volete revocare un buon amministratore che gestisce bene il vostro condominio? Semplice per ripicca di un paio di condomini che, con prepotenza cercono di dissuadere anche gli altri condomini anzianotti, sperando che alla prossima assemblea ( quella di fine anno di gestione condominiale ) possano avere la maggioranza per revocarlo;

 

Non esistono motivi di gravi irregolarità condominiali nella gestione del suo operato sia chiaro, anzi negli ultimi anni abbiamo elaborato il nuovo regolamento di condominio e le nuove tabelle millessimali approvati da tutti i condomini. I bilanci consuntivi e preventivi sono a posto sempre approvati dall'assemblea;

 

Le domande da porvi sono le seguenti:

 

a) possono revocare l'amministratore con la maggioranza dei presenti nella prossima assemblea?

io penso di no, perchè come ben sapete, la revoca può avvenire "con lo stesso quorum previsto per la nomina dell'amministratore nominato ( ovverosia quello di cui art. 1136, comma 4, cc) giusto? quindi il voto dello scrivente non l'avranno mai.

 

b) Se la maggioranza volesse revocarlo a fine mandato, perchè, per esempio uno dei condomini porterebbe in assemblea un preventivo di spesa inferiore all'importo con il quale l'attuale amministratore due anni fa si è aggiudicato il mandato, possono farlo? possono revocarlo?. In quest'ultimo caso come evitare cha accada? Con il nuovo preventivo da parte dell’ amministratore in carica?;

 

c) Se esiste un modo legale per evitare la revoca , per blindare il mandato dell’attuale amministratore, potete consigliarmelo? visto che oggi NON E' FACILE TROVARE GENTE SERIA come il nostro amministratore.

 

Grazie ancora

Saluti

a) per revocare l'amministratore è necessaria la stessa doppia maggioranza utile alla sua nomina. Quindi, si deve vedere se tale doppia maggioranza ci sia.

 

b) vale sempre lo stesso discorso. Se poi c'è un preventivo inferiore, potrebbe essere un motivo valido di revoca.

 

c) non esiste la blindatura del mandato. Tutto è lasciato alla volontà dell'assemblea.

Buongiorno,

mi inserisco in questa discussione sperando che sia la sezione giusta...

Tre giorni fa si è svolta l'Assemblea Ordinaria dell'esercizio conclusosi il 31.12.2017.

Al momento della discussione del 2° punto all'ordine del giorno "Nomina consiglieri anno 2018 - conferma/revoca amministratore anno 2018 "eravamo presenti:

9 condomini su 18 e mill. 445,04 - votazione 8 favorevoli e 1 contrario.

Nel verbale pervenutoci ieri l'amm.re ha scritto:

Riepilogo votazione: 9 favorevoli (495,45 mil) - 0 contrari (0 mil) - 1 astenuto (56 mil).

In pratica ha fatto un po' di pasticci col nr. dei favorevoli (che sono stati 8 e non 9) ed ha definito "astenuto" quello che invece è "contrario" e i millesimi che non sono 495,45 bensì solo 445,04.

In ogni caso nel rigo sotto la votazione ha scritto ha scritto: "Delibera non approvata".

E sotto ancora ha scritto: "Consiglieri per l'anno 2018: Sig. X e Sig. Y"

In realtà quelli che si sono proposti e che hanno accettato sono stati 3 e non 2.

Poi, senza nessun commento in merito all'esito della votazione, ha portato la discussione sul successivo punto all'ordine del giorno "Disamina e delibera preventivo gestione 2018". Appena iniziata questa discussione è pervenuto un altro condomino e dopo un po' ancora un altro. Quindi ora siamo in 11 condomini presenti, compresi n. 3 per delega.

Poi si è passati al 4° punto successivo "Disamina e delibera piccoli lavori di manutenzione" e poi al 5° e ultimo punto "Varie ed eventuali". E qui è arrivato anche un altro condomino. In tutto alla fine ed in tempi diversi siamo arrivati a 12 condomini di cui 3 per delega.

Quindi "Alle ore 21.55 non avendo altri argomenti il Presidente dichiara chiusa l'Assemblea".

FINE

Il giorno dopo troviamo il verbale nella buca delle lettere e nella bacheca un avviso dell'amministratore in cui informa che "per un refuso, nel verbale è stato inserito il condomino X al posto del condomino Y e che ha già provveduto a modificare il verbale originale e si scusa per lo scambio". Nessun'altra delucidazione.

A questo punto leggo attentamente il verbale ed ho trovato il "refuso" che ho descritto sopra.

Ora la mia domanda è la seguente: l'amministratore è ancora legittimamente in carica o è solo in carica provvisoria fino a che non si eleggerà un nuovo amministratore?

E quale deve essere l'iter per procedere alla nomina?

Insomma qua dentro per interessi diversi sono tutti a favore di questo amm.re. E' stato solo per puro caso che stavolta non ci siano stati almeno 501 millesimi (o 500?).

Se dobbiamo chiedergli di convocare un'assemblea per la nomina di un amm.re dobbiamo presentarci in assemblea con un preventivo di un altro amm.re? Questo preventivo deve essere già stato approvato con riunione interna dei condomini o va sottoposto all'assemblea?

Insomma non ho capito come ci dobbiamo muovere... anche perché ripeto ho timore che anche stavolta non si riuscirà a mandarlo via nonostante ne abbia combinate più di Bertoldo... (se avete tempo e voglia andate a rileggere i mie precedenti commenti al riguardo).

Ringrazio moltissimo fin d'ora chi mi potrà dare qualche consiglio valido!

Se nessuno impugna entro il termine di trenta giorni dalla data della delibera per i dissenzienti e astenuti, dal ricevimento del verbale per gli assenti, la situazione non cambia.

 

Per chiedere la convocazione di una assemblea di revoca/nomina amministratore dovete seguire quanto disposto dall'--link_rimosso--

 

Ciascun condòmino può produrre uno o più preventivi da sottoporre all'assemblea.

×