Vai al contenuto
giancarlo9080

Amministratore obbligatorio 8 unità o 8 proprietari?

Nel caso specifico sarebbero 10 unità ma alcune unità sono di proprietà della stessa persona. Si è obbligati ad avere amministratore in tale caso?

Inoltre vi chiedo per unità si intende appartamento o anche box , negozio ecc.

Esempio:

Appartamento+ box una unità o due unità?

 

Spero di essere stato chiaro

L'obbligo di amministratore scatta in base al numero di proprietari

 

dai 9 proprietari in su di deve per forza avere un amministratore

 

Articolo 1129 – Nomina, revoca ed obblighi dell’amministratore

Quando i condomini sono più di otto, se l’assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore è fatta dall’autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell’amministratore dimissionario.

dariolampa dice:

dai 9 proprietari in su di deve per forza avere un amministratore

ciao

leggi quello che hai postato.   Con 9 condomini non si è obbligati ad avere l'amministratore, anche questi fossero 50.    L'obbligo nasce quando uno dei condomini lo richiede ed la precondizione per renderlo obbligatorio è che siano più di otto.

dariolampa dice:

ok

mi scuso per l'indicazione errata.

non è necessario scusarsi.  Il forum c'è ed è frequentato tra l'altro, proprio per questo.

dariolampa dice:

Articolo 1129 – Nomina, revoca ed obblighi dell’amministratore

Quando i condomini sono più di otto, se l’assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore è fatta dall’autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell’amministratore dimissionario.

questo articolo tuttavia è interpretato estensivamente e si applica anche se i condomini sono meno di otto. Basta che uno ne faccia richiesta e pure se sono sette, il Giudice accoglie e nomina

 

giancarlo9080 dice:

Nel caso specifico sarebbero 10 unità ma alcune unità sono di proprietà della stessa persona. Si è obbligati ad avere amministratore in tale caso?

Inoltre vi chiedo per unità si intende appartamento o anche box , negozio ecc.

Esempio:

Appartamento+ box una unità o due unità?

 

Spero di essere stato chiaro

come già detto si contano i "condomini"  cioè il numero dei proprietari

 

Se non siete piu' di otto a rigore non vi è un obbligo di dotarsi di amministratore, ma se un condomino facesse ricorso per la nomina giudiziale potrebbero accoglierla

  • Mi piace 1
giancarlo9080 dice:

Cioè anche se fossimo 10 e tutti d'accordo per non averlo potremmo non averlo? 

Certo.

 

  • Grazie 1
SisterOfNight dice:

questo articolo tuttavia è interpretato estensivamente e si applica anche se i condomini sono meno di otto. Basta che uno ne faccia richiesta e pure se sono sette, il Giudice accoglie e nomina

quindi sarebbe a discrezione del giudice ?      Proviamo ad applicarlo al condominio minimo(2 condomini) ?  Quindi il ricorrente che ha solo 10 mm.  mentre 990 mm sono contrari, avrebbe giustizia ?   La spesa graverà per il 90% su l'altro condomino ?   Permettendo a chi non ha bisogno di giustizia per qualche sopruso, ma vuole solo dare fastidio di .... godere ... della interpretazione di qualche giudice!         Perchè il legislatore è passato a normare passando da 4 a 8 ?  Quindi non c'era alcun bisogno tale innalzamento.   

 

camillo50 dice:

quindi sarebbe a discrezione del giudice ?   

E' sempre stato a discrezione del Giudice, sia con 4 condòmini (prima della riforma) che con 8 condòmini (dopo la riforma) perchè l'articolo 1105 del codice civile è sempre rimasto uguale. Quello che è cambiato è solo l'OBBLIGO per il Giudice.

Prima della riforma il Giudice aveva l'OBBLIGO alla nomina quando i condòmini erano più di 4 mentre ora  ha l'OBBLIGO quando i condòmini sono più di 8.

Ad oras, se l'autogestione diventa impossibile, nei condominii fino ad 8 condòmini il Giudice, a propria discrezione, può dirimere il singolo contenzioso tra condòmini ma può ANCHE nominare un amministratore.

 

Articolo 1105 c.c.

...Se non si prendono i provvedimenti necessari per l’amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere all’autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore.

Nel calcolo dei condomini sono considerati anche chi ha solo le botteghe?

Esempio 8 proprietari di appartamenti + 2 proprietari di botteghe sono da considerarsi 10 condomini oppure 8 condomini. Scusate il giro di parole

giancarlo9080 dice:

Nel calcolo dei condomini sono considerati anche chi ha solo le botteghe?

Esempio 8 proprietari di appartamenti + 2 proprietari di botteghe sono da considerarsi 10 condomini oppure 8 condomini. Scusate il giro di parole

SI, il proprietario di una bottega è considerato un condòmino,

Solo nel caso in cui un condòmino sia proprietario di più unità iimobiliari, ad esempio 2 appartamenti oppure un appartamento + una bottega, il condòmino è considerato solo uno.

10 proprietari diversi = 10 condòmini, indipndentemente che siano proprietari di appartamenti piuttosto che di botteghe o di box o di cantine.

  • Grazie 1
camillo50 dice:

Perchè il legislatore è passato a normare passando da 4 a 8 ?  Quindi non c'era alcun bisogno tale innalzamento. 

Spulciando due resoconti stenografici, in particolare il n° 27

357ª seduta: martedì 13 novembre 2012

www.senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/289465.pdf

 

Sembra che alcuni volessero ripristinare 4

 

Hanno discusso maggiormente ...

... sulla detenzione di determinati animali ...

... mo che famo: quali animali ?

 

Sia nel resoconto stenografico n° 27 ...

Sia nel resoconto stenografico n° 26 ...

351ª seduta (pomeridiana): martedì 23 ottobre 2012

www.senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/289633.pdf

 

Personalmente ricordavo altre questioni ...

www.bluerosso.it/index.php?option=com_content&view=article&id=838&Itemid=110

No al registro degli amministratori di condominio
In particolare, l'Aula di Montecitorio ha cancellato la norma – introdotta dalla commissione Giustizia – che prevedeva l'istituzione, presso ogni ufficio provinciale dell’Agenzia del Territorio, del Registro degli amministratori di condominio. Restano invece le disposizioni che disciplinano i requisiti per l’esercizio della professione: godimento dei diritti civili, assenza di specifici carichi penali, titolo di studio, formazione, assicurazione professionale. L'esercizio della professione di amministratore di condominio è consentito anche in forma societaria.

 

Salta il Repertorio dei condominii
L'Aula della Camera ha anche soppresso la norma che istituiva, presso ogni ufficio provinciale dell'Agenzia del Territorio, il Repertorio dei condominii, che avrebbe dovuto contenere l’anagrafe di ogni condominio comprensiva di tutte le principali delibere condominiali, i regolamenti, i bilanci e gli atti di contenzioso.

 

Del repertorio ho già scritto ...

.../estranei-condominiali-in-assemblea-178051/?do=findComment&comment=1388813

(2) Che maligno è stato Franco Folli

... Con decreto legislativo luogotenenziale 23 novembre 1944, n. 369, recante soppressione delle organizzazioni sindacali fasciste e liquidazione dei rispettivi patrimoni, sono stati soppressi tutti gli organismi creati nel ventennio ed è stata quindi implicitamente eliminata la possibilità di attuare le disposizioni previste dai citati articoli 1129 e 1138 del codice civile, che non sono però state abrogate ...

E se le unità sono solo 6, ma una delle unità ha ben 5 proprietari? Sarebbero 6 unità per un totale di 11 proprietari, in questo caso l'amministratore è obbligatorio, anche se solo uno dei condomini lo richiede?

Silvyna82 dice:

E se le unità sono solo 6, ma una delle unità ha ben 5 proprietari?

Dei 5 (com)proprietari solo uno avrà diritto di votare in assemblea

Dunque si conteggia come UN condòmino

Si contano i condòmini NON i proprietari (oppure diverso diritto reale)
Quindi 5+1 = 6 (ovviamente minore di 11)

Anche nel caso di due coniugi che abbiano accquistato ...

... l'immobile con regime patrimoniale legale in comunione

La questione potrà complicarsi nel caso di doppia proprietà ...

... ovvero il singolo soggetto è proprietario di due immobili

Naturalmente è necessaria la corrispondenza dell'intestazione catastale

Se l'intestazione è diversa anche il conteggio sarà diverso

 

Nelle assemblee di condominio contano gli intervenuti
Nelle decisioni assembleari non è possibile fare riferimento solo al valore millesimale.

Lo ha precisato la Cassazione in merito al quorum necessario per deliberare,

ribadendo che le maggioranze necessarie variano da materia a materia e sono fissate dalla legge

Gianfranco Di Rago - ItaliaOggi Sette - Numero 286 - pag. 31 - del 05/12/2022
www.italiaoggi.it/news/nelle-assemblee-di-condominio-contano-gli-intervenuti ...

Modificato da Alberto.Cannaò
Silvyna82 dice:

se le unità sono solo 6, ma una delle unità ha ben 5 proprietari?

Tutti i comproprietari di una unità, fossero 6 o 60, contano sempre per 1 proprietario.

5 unità con un singolo proprietario + una unità con un proprietario formato da 10 comproprietari equivalgono sempre a 6 copndòmini

Leonardo53 dice:

Tutti i comproprietari di una unità, fossero 6 o 60, contano sempre per 1 proprietario.

5 unità con un singolo proprietario + una unità con un proprietario formato da 10 comproprietari equivalgono sempre a 6 copndòmini

Insomma contano le unità senza ulteriori verifiche. Se lo stabile ha 10 unità sono 10 condomini!

giancarlo9080 dice:

Se lo stabile ha 10 unità sono 10 condomini!

Solo se ogni unità ha una proprietà differente.

camillo50 dice:

ciao

leggi quello che hai postato.   Con 9 condomini non si è obbligati ad avere l'amministratore, anche questi fossero 50.    L'obbligo nasce quando uno dei condomini lo richiede ed la precondizione per renderlo obbligatorio è che siano più di otto.

Ciao Camillo50,una domanda,nel mio condominio essendo 8 u.i. è 7 proprietari secondo la legge non è obbligatorio la nomina dell'amministratore, infatti siamo in autogestione tipo facente funzione  la mia domanda è: abbiamo l'obbligo ( non se conviene o meno)di aprire  comunque un conto corrente postale o bancario che sia? Voglio dire cosa dice la legge? Grazie in anticipo.

Salvo1961 dice:

Ciao Camillo50,una domanda,nel mio condominio essendo 8 u.i. è 7 proprietari secondo la legge non è obbligatorio la nomina dell'amministratore, infatti siamo in autogestione tipo facente funzione  la mia domanda è: abbiamo l'obbligo ( non se conviene o meno)di aprire  comunque un conto corrente postale o bancario che sia? Voglio dire cosa dice la legge? Grazie in anticipo.

La Legge dice che il conto corrente condominiale è obbligatorio se nel condominio è stato nominato un amministratore perchè è solo l'amministratore ad avere questo obbligo..

Poichè non è vietato nominare un amministratore anche nei condòminii con meno di 9 condòmini, nel caso in cui in un condominio con meno di 9 condòmini si nomini un amministratore, diventa obbligatorio aprire un c/c.

Nel vostro caso, poichè non avete nominato un amministratore e siete in autogestione, non avete l'obbligo di aprire un conto corrente.

Ecco il riferimento Normativo (art. 1129 del codice civile):

 

Art. 1129 c.c.

...L’amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell’amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica...

Salvo1961 dice:

Grazie Leobardo53,come sempre per la celerità. 

Grazie a te

×