Vai al contenuto
gianfrancotrinchillo

Amministratore in prorogatio - anche se trattasi di una assemblea straordinaria?

Nel presente verbale al punto 2 si evidenzia che a maggioranza l'amministratore è stato confermato. lo stesso ha dichiarato il regime di prorogatio. a mio avviso la prorogatio imperi non si addice a questo caso. Se qualcuno ha dei riferimenti normativi diversi........Ritengo una furbata dell'amministratore. anche se non ne vedo il motivo visto che è stato confermato.

Il mio questito però è questo:

trattandosi di prorogatio, l'amministratore deve nella successiva assemblea mettere all'ordine del giorno "la nomina del nuovo amministrartore", anche se trattasi di una assemblea straordinaria?

Altro quesito:

se nella successiva assemblea ordinaria, l'amministratore da le dimissioni, successivamente può avvenire la conta per la sua conferma oppure si deve ufficialmente ricandidare?

l'ordine del giorno deve riportare esplicitamente i punti 

1 dimissioni dell'amministratore

2 nomina del nuovo amministratore 

oppure va bene solo il punto due nell'ordine del giorno?

 

Nuova immagine bitmap.bmp

Modificato da gianfrancotrinchillo
Incompletezza
gianfrancotrinchillo dice:

Nel presente verbale al punto 2 si evidenzia che a maggioranza l'amministratore è stato confermato. lo stesso ha dichiarato il regime di prorogatio. a mio avviso la prorogatio imperi non si addice a questo caso. Se qualcuno ha dei riferimenti normativi diversi........Ritengo una furbata dell'amministratore. anche se non ne vedo il motivo visto che è stato confermato.

Il mio questito però è questo:

trattandosi di prorogatio, l'amministratore deve nella successiva assemblea mettere all'ordine del giorno "la nomina del nuovo amministrartore", anche se trattasi di una assemblea straordinaria?

 

Nuova immagine bitmap.bmp

Niente di preoccupante. Nel verbale è scritto che l'amministratore è confermato ed è irrilevante che abbia scritto che è in prorogatio. forse alcuni lo scrivono quando mancano i 500 millesimi perchè al Norma sulla conferma ha lasciato molti dubbi.

In ogni caso, l'amministratore non deve più mettere all'ordine del giorno la sua conferma.

Se e quando i condòmini vorranno revocargli l'incarico e nominare un nuovo amministratore, sarà sufficiente che i condòmini interessati chiedano la convocazione di un'assemblea straordinaria, in ogni tempo.

Sicuramente è irrilevante

ma purtroppo questa situazione ne ha tratto vantaggio l'amministratore, non facendo approvare i lavori di sistemazione del condominio e sta procedendo a fare cassa solo col la normale attività.

es. paga le bollette, chiama il giardiniere per tagliare l'erba e della manutenzione degli immobili lascia correre facendo letteralmente cadere a pezzi il condominio....

dimmi se pare una cosa normale.

gianfrancotrinchillo dice:

Sicuramente è irrilevante

ma purtroppo questa situazione ne ha tratto vantaggio l'amministratore, non facendo approvare i lavori di sistemazione del condominio e sta procedendo a fare cassa solo col la normale attività.

es. paga le bollette, chiama il giardiniere per tagliare l'erba e della manutenzione degli immobili lascia correre facendo letteralmente cadere a pezzi il condominio....

dimmi se pare una cosa normale.

La situazione la volete voi condòmini perchè siete voi che decidete se approvare o non approvare i lavori.

Che l'amministratore sia in carica perchè confermato e che sia in carica in "prorogatio imperii" ha gli stessi obblighi e gli stessi poteri.

Sui lavori straordinari è sempre l'assemblea che delibera e l'amministratore deve eseguire il deliberato dell'assemblea.

Non lasciatevi convincere che l'amministratore in prorogatio è obbligato a curare solo l'amministrazione ordinaria perchè è una leggenda metropolitana.

Fino a che l'amministratore non è sostituito da un altro amministratore che ne prende le consegne, resta in carica con tutti i poteri/doveri, nessuno escluso.

gianfrancotrinchillo dice:

Proprio li volevo arrivare. il problema che non abbiamo deciso nulla perchè non si è discusso il punto.

Nuova immagine bitmap.bmp

Nuova immagine bitmap (2).bmp

Per usare un francesismo, l'amministratore ha fatto una gran paraculata.

Io lo dico sempre; i peggiori nemici dei condòmini sono i condòmini stessi.

Dovete raggiungere una maggioranza di almeno 500 millesimi e poi chiedete una convocazione di assembla con all'ordine del giorno sia la nomina di un nuovo amministratore che dei lavori straordinari.

Se l'amministratore non convoca l'assemblea da voi richiesta, autoconvocatevi e decidete voi per il meglio. Potete anche deciderere sia per i lavori che per la sostituzione dell'amministratore.

Leonardo53 dice:

Io lo dico sempre; i peggiori nemici dei condòmini sono i condòmini stessi.

Dovete raggiungere una maggioranza di almeno 500 millesimi e poi chiedete una convocazione di assembla con all'ordine del giorno sia la nomina di un nuovo amministratore che dei lavori straordinari.

Se l'amministratore non convoca l'assemblea da voi richiesta, autoconvocatevi e decidete voi per il meglio. Potete anche deciderere sia per i lavori che per la sostituzione dell'amministratore.

Come faccio se non ho tutti i condomini da convocare, l'amministratore non fornisce i dati dell'anagrafica condominiale.

Leonardo53 dice:

Io lo dico sempre; i peggiori nemici dei condòmini sono i condòmini stessi.

Dovete raggiungere una maggioranza di almeno 500 millesimi e poi chiedete una convocazione di assembla con all'ordine del giorno sia la nomina di un nuovo amministratore che dei lavori straordinari.

Se l'amministratore non convoca l'assemblea da voi richiesta, autoconvocatevi e decidete voi per il meglio. Potete anche deciderere sia per i lavori che per la sostituzione dell'amministratore.

Per richiedere l'assemblea non basta un sesto del valore totale cioè 167 millesimi?

gianfrancotrinchillo dice:

Come faccio se non ho tutti i condomini da convocare, l'amministratore non fornisce i dati dell'anagrafica condominiale.

Per richiedere l'assemblea non basta un sesto del valore totale cioè 167 millesimi?

Se l'amministratore non fornisce i dati e la copia a pagamento a carico del richiedente, dell'anagrafe condominiale, commette una grave irregolarità e potrebbe essere revocato su ricorso alle vie legali iniziando dalla mediazione con la'ssistenza di un legale di parte e poi proseguire in tribunale.

Comunque si potrebbe forzare e convocare solamente i condomini di cui si hanno gli indirizzi, sarà eventualmente una delibera annullabile da chi non è stato convocato e non certo dall'amministratore che se non è un condomino non ha la facoltà d'impugnare.

Modificato da Tullio Ts
correzione errori di digitazione
×