Vai al contenuto
maccori

Accesso ai contatori del metano

Ciao a tutte/i, pongo un problema per me serio e spero possiate darmi una mano.

Ho ereditato un appartamento in una palazzina dei miei cari nonni che purtroppo sono deceduti e a mio padre ed ai suoi fratelli è stata assegnata una palazzina dove loro hanno sempre abitato.

Ho ristrutturato l'appartamento per potermelo godere il più possibile, ma purtroppo ci sono due cose che lo impediscono, la principale è quella del vano contatori del metano al quale da un paio di anni (dallo scioglimento della comunione dei beni) non possiamo accedere perchè vi è stata una ripartizioni dei beni non troppo chiare.

Infatti i contatori del metano, sono tutti alloggiati in un cortile dove da sempre sono stati accessibili per le varie letture.

Purtroppo un paio di anni fa, sono mancati i proprietari di quel cortile che ospita i contatori e l'erede con la complicità del geometra che ha redatto la divisione e scioglimento della comunione dei beni, si è arrogato il diritto di non far più accedere nessuno al vano contatori per le letture di rito. Da tantissimi anni, finchè erano vivi i proprietari di quella proprietà compreso il cortile, il cancello d'ingresso e il vano contatori, erano sempre accessibili, ora gli eredi, con la complicità di chi ha effettuato le pratiche di scioglimento della comunione dei beni (i proprietari dell'intera palazzina erano fratelli) si son visti assegnare in proprietà esclusiva il cortile ove son alloggiati i contatori e impediscono l'accesso per la lettura agli altri eredi dichiarando che la "servitù" è solo tecnica e quindi non permettono l'accesso per la lettura dei misuratori del metano.

Come mi devo comportare? Premetto che vorrei risolvere il tutto molto bonariamente, ma se la mia volontà non dovesse essere presa in considerazione, son disposto ad andare avanti per le vie legali, cosa mi consigliate? Grazie a tutte/i

Mai sentito che esista una servitù tecnica...

Oltre agli articoli del c.c. che disciplinano la servitù c'è anche l'art. 843 c.c.

Se continuano ad impedire l'accesso, non vi rimane che il legale.

  • Grazie 1

Non so se è lo stesso caso e se può esserti utile, ma io ho una situazione analoga. Ho i contatori del gas, di due condomini della palazzina,  nel mio giardino privato e io ho l'antenna televisiva sul terrazzo privato di un condomino. Non ci sono stati problemi per diversi anni, io ho sempre permesso ai condomini di entrare a fare le letture. Negli ultimi anni la condomina che abita sopra a me ha dato diversi problemi, come ho scritto anche qui sul forum, tanto che non solo non la  voglio, ma ho motivi fondati per non volerla far accedere nella mia proprietà, si è resa protagonista di azioni al limite dell'illecito nei confronti miei e dei miei genitori, che vivono con me. Mi sono rivolta ad un legale e così come io non ho diritto di entrare ogni tre per due nel suo terrazzo per "controllare" l'antenna, ma ho il diritto di far intervenire un tecnico in caso di necessità, così lei ha il diritto di far effettuare la lettura dagli incaricati dell'azienda del gas, che io devo far entrare, ma non può pretendere di essere lei stessa ad entrare, tanto più che a suo carico c'è un esposto e due diffide legali a causa dei suoi comportamenti. Non so se si intende questo per servitù tecnica, ma questo è quello che mi ha spiegato l'avvocato. 

Tra l'altro gli altri condomini continuano a venire a fare le letture senza problemi, oppure mi chiedono di farla io e mettergli un biglietto nella cassetta delle lettere. Le difficoltà sono solo con questa condomina.

  • Mi piace 1

purtroppo ti capisco e non è bello ad avere a che fare con persone che non sanno vivere, il consiglio che mi sento di darti è quello di permettere l'accesso ai soli addetti alla lettura mandati dalla società fornitrice di gas.

Nel mio caso, da quando hanno installato i contatori del metano, c'è stata la servitù e tutto ha sempre filato liscio per decenni, poi improvvisamente la conduttrice del locale a piano terra che comprende anche il cortile dove sono i contatori, ha deciso di non far più entrare nessuno per le letture, pena la disdetta del contratto di locazione, ASSURDO!!!! 

×