Vai al contenuto
fero

è troppo tardi per recuperare denaro rubato da un amministratore?

Il nostro condominio si trova in questa situazione.

nel 2011 facciamo dei lavori per conversione posti auto in box (tutto in regola), i condomini pagano il dovuto, l'amministratore rilascia un attestato a ciascun condomino.

nel 2014 l'amministratore è revocato e sostituito

nel 2016 arrivano due decreti ingiuntivi di pagamento per i lavori box e per ditta pulizie. entrambe le ditte dichiarano di non aver ricevuto soldi. noi condomini veniamo a sapere di questa situazione solo a decreto ingiuntivo emesso. quando non possiamo far altro che ripagare sul pagato. nessuna possibilità di verificare, né di ricorrere in giudizio.

in pratica tutto l'iter giudiziario andava a notificare tutte le convocazioni, sentenze, ecc al domicilio del vecchio amministratore che si è guardato bene dal comunicare il cambio di amministratore.

Vista questa situazione, è molto probabile che il vecchio amministratore abbia rubato quei soldi.

 

chi mi sa dire qual è la cosa migliore da fare e se ci sono speranze per recuperare o comunque ottenere giustizia a livello personale o condominiale?

L'attuale amministratore ci dice che possiamo solo pagare nuovamente, obbedento al decreto esecutivo, per poi provare la strada della denuncia.

esiste un ente di rappresentanza degli amministratori dove poterlo denunciare?

Pur non essendo un legale, ritengo la risposta del vostro amministratore sensata. Pensate ad onorare quanto richiesto tramite d.i. e al contempo contattate un avvocato che vi consiglierà, spero, per il meglio.

Non esiste un ente di rappresentanza. Se il vecchio amministratore era associato a qualche associazione amministratore potreste tentare qualcosa...

... in pratica tutto l'iter giudiziario andava a notificare tutte le convocazioni, sentenze, ecc al domicilio del vecchio amministratore che si è guardato bene dal comunicare il cambio di amministratore...

Non spettava al vecchio amministratore comunicare la variazione di rappresentanza ma era compito del nuovo.

Se il nuovo amministratore all'atto della sua nomina (nel 2014?) ha comunicato all'agenzia delle Entrate il nuovo domicilio del rappresentante, potrebbero essere impugnate tutte le notifiche arrivate al vecchio amministratore per vizio di forma.

 

Sicuro che il nuovo amministratore abbia fatto la variazione alla data del suo insediamento?

E' facilmente verificabile chiedendo copia del documento presentato all'Agenzia delle Entrate.

Concordo con quanto ben detto sopra. In questi casi i diritti di terzi sono fatti salvi ovviamente, e al condominio (truffato) non rimane altro che rivalersi su chi l'ha (male) rappresentato.

×