Vai al contenuto
sissi_sm

Uso esclusivo giardino condominiale e recinzione dello stesso

Buonasera a tutti, sono una nuova lettrice di condominioweb.

Ho cercato tra i forum l'argomento che vi ho proposto, ma ho bisogno di risposte più mirate.

Spiego la situazione.

Sono proprietaria di un appartamento in condominio, sito al piano terra, con giardino (privo di recinzione).

Il giardino si trova davanti all'ingresso di casa mia e si divide in due parti:

-una parte è condominiale ed è il vialetto che percorro per entrare in casa mia (ci passo solo io)

-una parte è di mia proprietà (come da rogito).

mappa.jpg

L'intera area del giardino confina lateralmente con altri giardini di altri condomini.

Sono quattro anni che vivo in questo appartamento e utilizzo -ovviamente per passare- ma anche per mettere vasi, fiori ecc, l'area condominiale (senza alcuna obbiezione da parte degli altri).

Ora dovendo "ristrutturare" il mio giardino mi piacerebbe dare una sistematina anche al vialetto, magari riportando della terra in quanto è un area scoscesa, e lastricando almeno dove calpesto per entrare in casa.In più vorrei recintare l'area condominiale e la mia per contrastare il fenomeno dei cani (randagi e non purtroppo) che hanno scambiato il giardino per un wc.

 

Il mio intento è quello di acquistare questa parte condominiale ma considerato che serve l'unanimità e successivamente un atto notarile, e dato che un propietario vive in altra città e di certo non si scomoderebbe mai per venire prima in assemblea e poi dal notaio, volevo optare per una richiesta più semplice: l'autorizzazione ad usare in modo esclusivo questo vialetto e recintarlo. Sono disposta ad apporre anche un cancelletto apribile da chiunque dall'esterno, in modo che se qualche condomino volesse passare per puro piacere personale sul vialetto che porta a casa mia, lo potrebbe fare.

 

Chiedo così il vs aiuto per capire meglio la disciplina che regola l'uso esclusivo della cosa comune, e soprattutto quanta maggioranza occorre in assemblea per essere autorizzata all'uso esclusivo del vialetto e alla recinzione dello stesso, che diventerebbe tutt'uno con il mio giardino.

 

Grazie per l'aiuto.

 

Silvia

mappa.jpg

Non devi fare nulla di tutto ciò che pensi.

 

L'art. 1102 del codice civile, che disciplina la comunione in generale, ma è applicabile anche al condominio negli edifici, stabilisce che: “Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa.”

 

Il singolo condomino, quindi, può trarre tutte le utilità possibili dalle cose comuni, indipendentemente da qualsiasi delibera assembleare o da una formale manifestazione di consenso da parte degli altri condomini, purché il suo comportamento non modifichi la destinazione della cosa comune, nè impedisca o limiti l'uguale diritto di uso spettante altri condomini.

 

 

 

Ciascun condomino può a proprie spese anche modificare le cose comuni per il miglior godimento delle stesse, sempre però rispettando i limiti sopra indicati e salvo eventuali ulteriori limiti previsti nel regolamento del condominio.

 

Il condomino non potrà mai, invece, apportate alla cosa comune modifiche tali da comportare una trasformazione della sua destinazione perché ciò comporterebbe una innovazione che è vietata al singolo condomino e che, secondo quanto stabilito dall'art. 1120 c.c., può essere decisa solo con il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti al condominio che rappresenti almeno i due terzi del valore dell'edificio.

 

Non avere timore!!! Buon vialetto condominiale e tanti auguri!!!

Alla prossima riunione informa i condomini sulle tue intenzioni, citando l'articolo del Codice.

Oppure, se vuoi iniziare subito ad intervenire, manda una lettera all'amministratore informandolo che "ai sensi e per gli effetti dell'art. 1102 del C.C. ho intenzione di procedere a.......(descrivere succintamente quanto intendi fare) allo scopo di migliorare il godimento del vialetto condominiale nell'interesse mio personale e di tutti condomini, ai quali non sarà impedito l'accesso e l'uso del bene comune.

×