Vai al contenuto
Ipero

Rampicante su muro del Vicino

Buongiorno a tutti, innanzitutto mi presento al forum e vi ringrazio per i consigli che da sempre mi date leggendo i vostri topic.

Mi registro solo ora per una questione scaramantica in quanto per fortuna ad oggi (e ripeto ad oggi) non ho mai avuto problemi..

Pero da qualche giorno ho un problema, vado al dunque.

Sono proprietario e vivo in un palazzo costuito da mio bisnonno nel 1930.

Negli anni 60 un vicino (di un altro palazzo) ha costruito un muro alto 5/6 metri sul confine, dalla sua parte non invadendo la mia proprieta (all'epoca ovviamente non era mia).

Con questo muro ha collegato la sua casa creando una stanza e un terrazzino.

Essendo un muro abusivo come costruzione i miei avi hanno piantato un rampicante sotto il muro che con il tempo si è sviluppato e ha invaso il muro del vicino rendendo la vista meno obrobriosa.

Sono susseguite liti e avvocati per molti anni ma recentemente da un po' di tempo (7/8 anni) si è stati tranquilli.

Fino a qualche giorno fa quando il vicino mi ha sradicato l'edera (che ha quasi 60 anni) e minacciando cause e avvocati se non l'avessi tolta.

Il muro dalla mia parte NON è smaltato e l'edera entra nei mattoni e crea danni all'interno della sua casa.

Ora io sono alla quarta generazione e sinceramente non ho voglia di sprecare tempo, soldi e salute in queste cose come hanno fatto i miei avi pero mi rendo conto che ci deve essere una sorta di giusto equilibrio tra le parti.

 

Chiedo quindi:

- ho qualche diritto per far rimanere li dov'è l'edera di modo che non debba essere costretto a vedere un muro schifoso sul mio confine e sul mio giardino? (considerate che il mio giardino è tenuto maniacalmente, sempre curato e pettinato, nonè una selva oscura).

- il mio vicino ha diritto a togliere la mia edera (pianta di oltre 60 anni) anche se è sul suo muro ma dalla mia parte?

- potrei eventualmente costruire dalla mia parte attaccandomi al suo muro?

 

Grazie anticipatamente per i vostri preziosi consigli

A presto

Ipero

Se l'edera è stata piantata più di 20 anni fa il proprietario (tu) ha acquisito l'usucapione ed il vicino non può pretendere di far toglierla, comunque questa edera non deve provocare danni al muro e se li provoca tu proprietario dell'edera devi ripararli d'accordo con il vicino o risarcire il danno.

Ciao Tullio, grazie per la risposta.

Considerando che l'edera cresce su un muro abusivo e non condonabile e che quindi non dovrebbe esistere, posso avere qualche possibilità di lasciare tutto com'è e che il mio vicino non si possa lamentare?

In fin dei conti l'edera non ci sarebbe se non ci fosse il muro che non ci deve essere (dovrebbe essere ad almeno 3 metri dal confine).

Ciao Tullio, grazie per la risposta.

Considerando che l'edera cresce su un muro abusivo e non condonabile e che quindi non dovrebbe esistere, posso avere qualche possibilità di lasciare tutto com'è e che il mio vicino non si possa lamentare?

In fin dei conti l'edera non ci sarebbe se non ci fosse il muro che non ci deve essere (dovrebbe essere ad almeno 3 metri dal confine).

No sbagli il muro non è una costruzione che deve rispettare le distanze;

 

cc Art. 878. Muro di cinta.

Il muro di cinta e ogni altro muro isolato che non abbia un'altezza superiore ai tre metri non è considerato per il computo della distanza indicata dall'articolo 873.

Esso, quando è posto sul confine, può essere reso comune anche a scopo d'appoggio, purché non preesista al di là un edificio a distanza inferiore ai tre metri.

Tra l'altro se dici che questo muro è stato costruito negli anni 60 e trascorsi più di 20 anni, il proprietario ha acquisito l'usucapione del muro, quindi non è abusivo.

Io ho una situazione simile alla tua, ho anche io un muro alto più di quattro metri che costeggia parte del mio giardino, con la differenza che questo muro non è abusivo, ma di contenimento dato che la palazzina vicina la mia è costruita su un livello più alto rispetto alla mia. Anche io ho piantato un rampicante per coprire il muro, che effettivamente è brutto a vedersi così spoglio. Anche da me, come è successo a te, la pianta aveva "camminato" troppo e si era estesa sull'orto del mio vicino e le radici si erano infilate in alcune fessure del muro. Io non me ne ero accorta perchè stando più in basso non avevo visto quanto era effettivamente cresciuta la pianta, quando il vicino me lo ha detto ho controllato e ho visto che aveva ragione e ho drasticamente potato la pianta eliminando le parti che causavano problemi. Tra l'altro il mio vicino me lo ha chiesto con cortesia e dopo che ho tagliato i rami incriminati mi ha pure regalato dei limoni del suo albero.

Da te probabilmente la faccenda è più spinosa per i vecchi contrasti che ci sono stati tra le vostre famiglie, però andargli incontro in questa occasione potrebbe essere un modo per recuperare un rapporto più sereno.

×