Vai al contenuto
Manusco

Lavori rumorosi in mansarda

Buongiorno. Premetto che abitò all'ultimo piano di una palazzina di cinque piani. Sopra il mio appartamento vi sono cinque locali definiti dal regolamento condominiale "mansarde" nonostante non siano abitabili e vengano generalmente utilizzati come ripostigli. Da qualche anno un condomino ha trasformato uno di questi locali in una falegnameria/officina in cui esegue lavori rumorosi anche su parti di una piccola barca di sua proprietà. Il Signore in questione si fa forte del regolamento condominiale che vieta i lavori rumorosi in mansarda solamente dalle ore 21 alle ore 8 e dalle13 alle 17. Io ormai esasperato penso di rivolgermi ad un avvocato. Si può  contestare la definizione di "mansarda" e il fatto che di tratti di lavoro ad uso personale?

Grazie a chi risponderà.

Modificato da Manusco
Errore di battitura

se non è abitabile non ci può fare nemmeno il laboratorio, che più ancora di un'abitazione richiede certi requisiti soprattutto di areazione, sicurezza e altro ancora

l'amministratore non dice nulla?

 

Innanzitutto grazie per la risposta. Il problema è che da un mese a questa parte è cambiato l'Amministratore.  Il vecchio si rifaceva anche lui al regolamento dicendo di poter solo "chiedere" al condomino di limitare i rumori ma se lo ha fatto il tipo se ne è  fregato. Il nuovo Amministratore deve ancora presentarsi. Pare darà un nuovo regolamento ma temo ricalchera' il precedente.

Maledetti condomini, che incubo!

Io ho il terrore di mansarde e soffitte, e anche sottotetti, perché trovano sempre il modo di utilizzarli. Sopra di me, in soffitta, un proprietario aveva messo un letto matrimoniale e due lettini, dove la notte si ritiravano degli extracomunitari, producendo un baccano indicibile.

Sperare che l'amministratore proponga un regolamento più duro, è pura utopia. Quello che già avete, è ottimo, il nostro, per dirti, vieta lavori rumorosi dalle 24:00 alle 7:00, e non viene rispettato neanche quello.

 

Inviagli una lettera da parte dell'avvocato contestandogli l'utilizzo improprio dello spazio  e lamentati senza dargli tregua

Grazie. È esattamente quello che farò.  Innanzitutto una diffida a lui e poi ne parlerò in assemblea. Oltretutto il condomino in questione ora mi chiede di evitare le vie legali, segno che sa perfettamente di esagerare. La mia paura è che essendoci gli orari condominiali e dato che alla fine infastidisce solo me possa anche essergli data ragione. Al che i lavori diverrebbero quotidiani, se già  non lo sono.

Aggiungo per completezza di informazione che nell'atto di assegnazione degli alloggi (fu fatto per mio padre, io sono erede) si parla di locale cantina e non di mansarda. Può  cambiare qualcosa?

×