Vai al contenuto
Mark9

Chiedo i vostri aiuti e consigli - macchie nel muro alto

Salve a tutti Gentili utenti e professionisti,

 

Scrivo per chiedervi un consiglio, ci tengo ad avere la vostra opinione e sono disposto a fare una donazione


Io sono proprietario di un appartamento sito in un condominio.


Qualche anno fa, la Signora di sotto ha avuto delle macchie sul muro del bagno, dopo alcune verifiche abbiamo capito che il problema era la colonna di scarico condominiale.

 

Il vecchio amministratore ha mandato degli operai a casa mia e dopo che ho accettato, li ho fatti entrare.

 

Hanno rotto nel mio bagno, accanto al gabinetto, le piastrelle e il cemento dietro di esse.

 

Hanno messo un sigillante nella colonna e dopo hanno chiuso tutto.


Dopo qualche giorno la signora si lamentava di nuovo.


In pratica, questi operai hanno fatto un lavoro orribile e non hanno aggiustato nulla in pratica.

 

Io, arrabbiato, ho parlato col vecchio amministratore, perché sapevo che purtroppo si doveva di nuovo, rompere il mio bagno.

 

Lui ha detto che avrebbe mandato una nuova ditta per il lavoro.


Morale della favola, il problema è stato aggiustato perché questa volta hanno cambiato un lungo pezzo del tubo sito nella colonna.


Però, da me hanno rotto due volte le piastrelle e il cemento.


Avrei voluto denunciare l'amministratore e il condominio, per il modo scarso e schifoso nel quale hanno gestito la faccenda.


Qualche tempo dopo noi condomini, abbiamo licenziato quella sottospecie di amministratore.


ANDIAMO AD OGGI, e qui chiedo la vostra opinione, che posso compensare anche con una donazione, per piacere.


Il mese scorso, vado nel bagno e vedo delle macchie grigi e gialle nella parte alta del muro, al confine con il mio soffitto.

 

Dopo qualche giorno le macchie sono aumentate.

 

Sono sicuro che da quello che abita sopra, si è rotto qualcosa, credo sia la colonna di scarico condominiale.


Vi dico la verità, a me onestamente non me ne frega nulla, nel senso che, ho già abbastanza casini nella mia vita, figuriamoci se mi interessa se il muro ora è quasi nero.


Non l'ho toccato, ma non sembra bagnato.


Ora vi state chiedendo dove sia il problema.

 

Ovviamente il problema c'è, ma visto i problemi personali che ho nella mia vita, me ne frego del muro nero.


Però ho pensato una cosa, e vi chiedo aiuto.


Prima o poi questo colare di acqua di scarico dentro la colonna, arriverà da quella che abita sotto di me?

 

 

Calcolate che, il mio muro di sopra è tipo colore grigio scuro giallo, e che adesso ci sono le piastrelle, quindi la macchia è adesso dietro le piastrelle, quindi sta avanzando verso il piano di sotto, anche se non si può vedere perché adesso ci sono le piastrelle che rivestono il muro.

 

 

Che cosa devo fare signori?


Prima o poi arriverà al piano di sotto, no?

 

E dato che a me questo pensiero non mi piace proprio, ho pensato una cosa:


posso mandare una pec al nuovo amministratore.

 

 

Gli scrivo che da me ci sono queste macchie e gli dico che il muro però è asciutto.

 

 

Poi racconto quello che è successo quando la colonna si è rotta al mio piano e gli dico che:

 

Nella mia proprietà non si entra, per il motivo che, cosi come quando la colonna si è rotta nel mio appartamento, loro non hanno rotto dalla signora di sotto, quindi per lo stesso principio SE vogliono aggiustare il problema devono rompere a casa di quello che abita sopra di me e quindi non ce bisogno che vengono a casa mia.


Poi gli dico che io ai tempi, avrei dovuto denunciare il vecchio amministratore e il condominio e gli dico che io questa volta non ne voglio sapere niente di questo problema, perché appunto, il problema è la colonna di scarico di quello di sopra, secondo me...e che se lui, amministratore, dovesse, disturbarmi per questa faccenda, io lo denuncio e denuncio anche il condominio.


Tanto la pec ha valore legale.


E inoltre potrei mostrare il contenuto della pec al pubblico ministero.


Se quello sotto di me vuole risolto il problema, allora che vadano da quello sopra di me a rompere accanto al gabinetto, come fecero da me anni fa quando il problema era da me.


Io che c'entro?


Se ho le macchie nel muro alto significa che il problema viene da sopra, mica da me, altrimenti le macchie nel mio muro non c'erano.


All'amministratore scrivo che se vuole mi può contattare via pec e basta.

 

Non voglio rotture di scatole, già ci bastano i miei problemi personali.


Se vogliono risolvere il problema, allora che vadano a casa di quello di sopra dato che il problema è suo.


Che ne dite signori, ho analizzato bene la situazione?

 


Mi aiutate, mi consigliate, per piacere?

 

Inoltre mi potete dire, qualche articolo del codice condominiale, che dice che io mi posso rifiutare di fare rompere a casa mia, dato che il problema non viene dal mio appartamento, bensì dalla casa di quello di sopra?

 

Esiste un codice condominiale, giusto?

 

Un po come esiste il codice penale.


Mi aiutate Signori?

 

Voglio scrivere una pec a prova di bomba, con riferimenti ad articoli di legge e inoltre qualche velata minaccia di denuncia, nel caso non venga rispettata la mia proprietà privata.

 

Signori, grazie per avere letto

 

Vi rinnovo la mia richiesta di aiuto e sono disposto a fare delle donazioni.

 

Grazie distinti saluti

 

Mark9 dice:

Salve a tutti Gentili utenti e professionisti,

 

Scrivo per chiedervi un consiglio, ci tengo ad avere la vostra opinione e sono disposto a fare una donazione


Io sono proprietario di un appartamento sito in un condominio.


Qualche anno fa, la Signora di sotto ha avuto delle macchie sul muro del bagno, dopo alcune verifiche abbiamo capito che il problema era la colonna di scarico condominiale.

 

Il vecchio amministratore ha mandato degli operai a casa mia e dopo che ho accettato, li ho fatti entrare.

 

Hanno rotto nel mio bagno, accanto al gabinetto, le piastrelle e il cemento dietro di esse.

 

Hanno messo un sigillante nella colonna e dopo hanno chiuso tutto.


Dopo qualche giorno la signora si lamentava di nuovo.


In pratica, questi operai hanno fatto un lavoro orribile e non hanno aggiustato nulla in pratica.

 

Io, arrabbiato, ho parlato col vecchio amministratore, perché sapevo che purtroppo si doveva di nuovo, rompere il mio bagno.

 

Lui ha detto che avrebbe mandato una nuova ditta per il lavoro.


Morale della favola, il problema è stato aggiustato perché questa volta hanno cambiato un lungo pezzo del tubo sito nella colonna.


Però, da me hanno rotto due volte le piastrelle e il cemento.


Avrei voluto denunciare l'amministratore e il condominio, per il modo scarso e schifoso nel quale hanno gestito la faccenda.


Qualche tempo dopo noi condomini, abbiamo licenziato quella sottospecie di amministratore.


ANDIAMO AD OGGI, e qui chiedo la vostra opinione, che posso compensare anche con una donazione, per piacere.


Il mese scorso, vado nel bagno e vedo delle macchie grigi e gialle nella parte alta del muro, al confine con il mio soffitto.

 

Dopo qualche giorno le macchie sono aumentate.

 

Sono sicuro che da quello che abita sopra, si è rotto qualcosa, credo sia la colonna di scarico condominiale.


Vi dico la verità, a me onestamente non me ne frega nulla, nel senso che, ho già abbastanza casini nella mia vita, figuriamoci se mi interessa se il muro ora è quasi nero.


Non l'ho toccato, ma non sembra bagnato.


Ora vi state chiedendo dove sia il problema.

 

Ovviamente il problema c'è, ma visto i problemi personali che ho nella mia vita, me ne frego del muro nero.


Però ho pensato una cosa, e vi chiedo aiuto.


Prima o poi questo colare di acqua di scarico dentro la colonna, arriverà da quella che abita sotto di me?

 

 

Calcolate che, il mio muro di sopra è tipo colore grigio scuro giallo, e che adesso ci sono le piastrelle, quindi la macchia è adesso dietro le piastrelle, quindi sta avanzando verso il piano di sotto, anche se non si può vedere perché adesso ci sono le piastrelle che rivestono il muro.

 

 

Che cosa devo fare signori?


Prima o poi arriverà al piano di sotto, no?

 

E dato che a me questo pensiero non mi piace proprio, ho pensato una cosa:


posso mandare una pec al nuovo amministratore.

 

 

Gli scrivo che da me ci sono queste macchie e gli dico che il muro però è asciutto.

 

 

Poi racconto quello che è successo quando la colonna si è rotta al mio piano e gli dico che:

 

Nella mia proprietà non si entra, per il motivo che, cosi come quando la colonna si è rotta nel mio appartamento, loro non hanno rotto dalla signora di sotto, quindi per lo stesso principio SE vogliono aggiustare il problema devono rompere a casa di quello che abita sopra di me e quindi non ce bisogno che vengono a casa mia.


Poi gli dico che io ai tempi, avrei dovuto denunciare il vecchio amministratore e il condominio e gli dico che io questa volta non ne voglio sapere niente di questo problema, perché appunto, il problema è la colonna di scarico di quello di sopra, secondo me...e che se lui, amministratore, dovesse, disturbarmi per questa faccenda, io lo denuncio e denuncio anche il condominio.


Tanto la pec ha valore legale.


E inoltre potrei mostrare il contenuto della pec al pubblico ministero.


Se quello sotto di me vuole risolto il problema, allora che vadano da quello sopra di me a rompere accanto al gabinetto, come fecero da me anni fa quando il problema era da me.


Io che c'entro?


Se ho le macchie nel muro alto significa che il problema viene da sopra, mica da me, altrimenti le macchie nel mio muro non c'erano.


All'amministratore scrivo che se vuole mi può contattare via pec e basta.

 

Non voglio rotture di scatole, già ci bastano i miei problemi personali.


Se vogliono risolvere il problema, allora che vadano a casa di quello di sopra dato che il problema è suo.


Che ne dite signori, ho analizzato bene la situazione?

 


Mi aiutate, mi consigliate, per piacere?

 

Inoltre mi potete dire, qualche articolo del codice condominiale, che dice che io mi posso rifiutare di fare rompere a casa mia, dato che il problema non viene dal mio appartamento, bensì dalla casa di quello di sopra?

 

Esiste un codice condominiale, giusto?

 

Un po come esiste il codice penale.


Mi aiutate Signori?

 

Voglio scrivere una pec a prova di bomba, con riferimenti ad articoli di legge e inoltre qualche velata minaccia di denuncia, nel caso non venga rispettata la mia proprietà privata.

 

Signori, grazie per avere letto

 

Vi rinnovo la mia richiesta di aiuto e sono disposto a fare delle donazioni.

 

Grazie distinti saluti

 

Non c'è nulla a far denuncia, perchè non c'è nessun reato, qui si deve agire legalmente ma nelle norme civilistiche, avvisa l'amministratore a che si provveda ad ricercare tramite perizia tecnica l'origine dell'inconveniente odierno e poi si decida di intervenire con una ditta seria, cerca di metterti il cuore in pace se le cose andranno per il verso giusto, come mi auguro sarai risarcito.
p.s. qui in questo Forum si suggeriscono rimedi e soluzioni in maniera gratuita perciò dimentica pure la donazione 😉

Tullio01 dice:

Non c'è nulla a far denuncia, perchè non c'è nessun reato, qui si deve agire legalmente ma nelle norme civilistiche, avvisa l'amministratore a che si provveda ad ricercare tramite perizia tecnica l'origine dell'inconveniente odierno e poi si decida di intervenire con una ditta seria, cerca di metterti il cuore in pace se le cose andranno per il verso giusto, come mi auguro sarai risarcito.
p.s. qui in questo Forum si suggeriscono rimedi e soluzioni in maniera gratuita perciò dimentica pure la donazione 😉

Ciao, come va?

 

Ti ringrazio per avere risposto.

 

Parlo di denuncia, solo nel caso l'amministratore si comportasse come un pagliaccio incompetente e in malafede, cosi come fece il vecchio amministratore.

 

Difatti, la denuncia è una cosa che voglio dire nella pec che manderò, cosi l'amministratore capisce che se ha voglia di comportarsi male, ha sbagliato persona.

 

Nella prima parte della pec scriverò quello che è successo anni fa, cosi facendo, l'amministratore capisce che, io ho già subito un torto amministrativo in passato e che non sono disposto a subirne altri. Inoltre, in questo modo, gli faccio capire che il condominio è in debito con me, dal punto di vista dell'accaduto, e che questa volta non voglio saperne niente di questa storia. Raccontare il passato mi giustificherà nella mia minaccia velata di denuncia, appunto perché, anche se lui non era amministratore all'epoca dei fatti, il condominio è stato responsabile e il condominio c'e tutt'ora.


Signori mi potete dire dove trovo il codice del condominio, dove sono scritti gli articoli dei diritti dei proprietari e i doveri degli amministratori, per piacere? È importante.


La perizia la possono fare da quello che abita sopra di me, io non faccio entrare nessuno nella mia proprietà. Anni fa, sono venuti a fare la perizia solo da me, io allora ero quello "di sopra", questa volta non sono piu quello "di sopra", quindi posso dimenticarsi di disturbarmi.

L'unica perizia che gli fornisco è che gli scrivo che ho delle macchie anche sul soffitto, poi se vogliono risolvere devono rompere il bagno di quello di sopra, anzi già il fatto che ci sono delle macchie sul mio soffitto significa che il problema è proprio sopra, quindi secondo me, rompendo solo da quello di sopra e cambiando una sezione del tubo, risolvono il problema.


Il risarcimento non mi interessa, ripeto che ho gia problemi nella mia vita, figurati se posso attaccarmi al fatto che ho una parte del muro grigio. Non mi interessa, l'unica cosa che mi interessa è stare in pace e dato che conosco la signora di sotto e ricordo che anni fa rompeva le scatole per due macchie, allora mando la pec e racconto tutto all'amministratore, soprattutto perché sono un uomo impegnato e gia il fatto che la signora mi può disturbare per queste stupidaggini mi da fastidio. Tanto prima o poi queste macchie dell acqua che cola arriveranno anche giu, dico bene? Quindi forse è meglio affrontare la situazione fin da ora.

 

La pec la sto gia scrivendo, devo aggiungere ancora delle cose, perché appunto deve essere una pec a prova di bomba che mi permetta di tirarmi fuori da questa storia, dato che non c'entro niente, anzi ho il muro grigio e non mi lamento, dovrebbero dirmi grazie, però l'unica cosa che mi da fastidio è il possibile disturbo che potrei avere dalla signora che abita sotto se e quando le macchie arrivano anche da lei, mi da fastidio il fatto che poi può dire che è colpa mia, come successe anni fa, e che dice che il tubo si è rotto di nuovo, quando invece non è cosi. Credo che la strategia migliore sia anticipare tutti e mandare la pec all'amministratore, però deve essere una pec a prova di bomba.


Signori, capite cosa intendo dire?

 

Grazie per il vostro nobile tempo e aiutatemi per piacere, soprattutto perché vorrei sapere i numeri degli articoli del codice che manifestano i diritti della mia proprietà privata, inoltre se volete darmi altri aiuti ve ne sono grato.


Grazie

Mark9 dice:

Signori mi potete dire dove trovo il codice del condominio, dove sono scritti gli articoli dei diritti dei proprietari e i doveri degli amministratori, per piacere? È importante.

Il condominio è regolato dagli articoli del codice civile e dalle disposizioni attuative che trovi a questo link:

https://www.amministratorecondominiotaranto.it/normativa-amministrazione-condominio-taranto/

 

Se vuoi approfondire, anziche fare donazioni che, come ti è stato già detto, non sono necessarie perchè chiunque interviene lo fa in modo gratuito, puoi scegliere di acquistare i libri sul condominio che più ti interessano al link in calce, tra cui, nel tuo caso:

- "Attribuzioni e responsabilità amministratore"

- "Danni da infiltrazioni in condominio"

https://www.condominioweb.com/ebook/

 

Parlate per voi, a me piacerebbe un bel panettone rhum e cioccolato 😃

Detto ciò, si deve denunciare la perdita all’amministratore e questo puoi farlo sia tu con la pec, ma limitata a denunciare le infiltrazioni, senza rivangare il passato, oppure la signora di sotto quando l’acqua raggiungerà anche la sua abitazione. 
Io opterei per la prima, informando a voce la signora di sotto in modo che anche lei solleciti l’amministratore. 
Per la riparazione, al 90% servirà rompere di sopra ma non ti costa nulla farli entrare per 5 minuti a casa tua, sia per assicurare la regolarità delle operazioni, sia per fare qualche foto ai tuoi danni, così che il risarcimento ti venga magari defalcato dagli oneri condominiali che paghi mensilmente, oppure per aggiustare la tua parete. 

Modificato da Luca980
Luca980 dice:

Parlate per voi, a me piacerebbe un bel panettone rhum e cioccolato 😃

Detto ciò, si deve denunciare la perdita all’amministratore e questo puoi farlo sia tu con la pec, ma limitata a denunciare le infiltrazioni, senza rivangare il passato, oppure la signora di sotto quando l’acqua raggiungerà anche la sua abitazione. 
Io opterei per la prima, informando a voce la signora di sotto in modo che anche lei solleciti l’amministratore. 
Per la riparazione, al 90% servirà rompere di sopra ma non ti costa nulla farli entrare per 5 minuti a casa tua, sia per assicurare la regolarità delle operazioni, sia per fare qualche foto ai tuoi danni, così che il risarcimento ti venga magari defalcato dagli oneri condominiali che paghi mensilmente, oppure per aggiustare la tua parete. 

Scusa Luca, quando dici "denuncia", intendi quella penale oppure una "denuncia/avviso a voce"?

Tullio01 dice:

Scusa Luca, quando dici "denuncia", intendi quella penale oppure una "denuncia/avviso a voce"?

Credo che Luca intendesse di fare denuncia del fatto all'amministratore (erroneamente scritto "all'amo") e non al Tribunale

Leonardo53 dice:

Credo che Luca intendesse di fare denuncia del fatto all'amministratore (erroneamente scritto "all'amo") e non al Tribunale

Bhe se è così cambia tutto 😉

×