Vai al contenuto
DLF

Amministratore in prorogatio, compenso si o no?

Buongiorno,

se un amministratore non viene confermato e non viene scelto nessun altro amministratore va in prorogatio imperii.

Nel periodo di prorogatio spetta comunque un compenso?

E se non viene nominato un nuovo amministratore magari per 1 anno o due?

Come si deve comportare?

Grazie

Art. 1129

Alla cessazione dell'incarico l'amministratore è tenuto alla consegna di tutta la documentazione in suo possesso afferente al condominio e ai singoli condomini e ad eseguire le attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi.

 

Il legislatore ha voluto creare un "prorogatio gratuito" nel periodo che va dalla data della nomina del nuovo amministratore alla data del passaggio di consegne, quindi, se la nomina del nuovo amministratore è contestuale alla revoca del vecchio, quest'ultimo, fatti salvi gli accordi risultanti dal preventivo di nomina, fino alla data del passaggio di consegne dovrà provvedere "gratuitamente" ad amministrare e pagare utenze e servizi in modo che questi non siano interrotti.

 

Se, invece, conseguentemente alla revoca non avviene una nuova nomina, l'amministratore continuerà ad amministrare ed a percepire un compenso, a meno che l'assemblea non manifesti e verbalizzi l'intenzione di rinunciare al "prorogatio imperi" (che è un diritto del condominio e non un dovere) ed indichi all'amministratore la persona a cui consegnare tutta la documentazione in suo possesso manlevandolo da eventuali pregiudizi.

 

Se, invece, conseguentemente alla revoca non avviene una nuova nomina, l'amministratore continuerà ad amministrare ed a percepire un compenso, a meno che l'assemblea non manifesti e verbalizzi l'intenzione di rinunciare al "prorogatio imperi" (che è un diritto del condominio e non un dovere) ed indichi all'amministratore la persona a cui consegnare tutta la documentazione in suo possesso manlevandolo da eventuali pregiudizi.

Corretto ed esaustivo quanto spiegato da Kurt Cobain, nessuno lavora gratis.....

Grazie Kurt come sempre.

Grazie anche a te Sasà per la conferma.

Si, ma al passaggio delle consegne non può pretendere quanto fu pattuito al primo ingaggio, perché al termine dell'incarico si azzerano gli accordi precedenti.

Se l'italiano non è una opinione revoca = cessazione dell'incarico (con sterilizzazione dei compensi ulteriori, ossia se l'amministratore viene revocato al 10° mese gli si riconoscono 10 mesi e non 12 se con giusta causa) quindi inizio del periodo di prorogatio (sia che sia stato eletto o meno il nuovo amministratore) gratuito...

Avete ripreso una discussione di quasi 3 anni fa.

se volete discutere di cose nuove aprite una nuova discussione.

Leonardo, a me la discussione interessa perché anche noi abbiamo un amministratore in ormai da tre anni, non convoca assemblee e non redigi i bilanci e all'ultima assemblea non è stato confrmato per mancanza del quorum, ora siamo in fase di attesa di nomina giudiziaria dell'amministratore e tra pochi giorni c'è udienza . Così sapremo se sarà nominato un nuovo amministratore, come richiesto o se il giudice riconferma quello in ( a volte accade anche questo).

Vorrei risalire alla discussione di 3 anni fa per capire alcuni cose:

La domanda : come si chiama la discussione di 3 anni fa e con quale nome cercarla?

So che durante il prorogatio non è consentito di auto stipendiarsi, affinnchè l'assembea non conferma i consuntivi in assemblea, perchè di fatto uno che è in non è più nominato, ed è decaduto dall'incarico e anche suoi compensi come anche il mandato è annullato. Se i suoi compensi durante il prorogatio non hanno avuto un approvazione che avviene solo alla nuova nomina, no può prelevare dal C/C condominale nessun compenso. Come sa la sua posizione rimane sospesa e diventa ratificata solo dopo la conferma all'incarico, ma solo una volta. La situazione della prorogatio imperii che dura da 3 anni come considerarla, dato che l'incarico può essere confernato solo una volta e poi amministratore deve presentare un nuovo preventivo, come fosse la prima volta, e ogni tal volta che si ricandida di essere nominato amministratre il condominio.

La domanda : come si chiama la discussione di 3 anni fa e con quale nome cercarla?

Mi riferivo proprio a questa discussione che è vecchia di quasi 3 anni.

Se ci fai caso, il primo post scritto da DLF è stato postato il 17/09/2014 alle ore 13.12

Per Garant

Un amministratore al giudice lo potreste proporre voi, per orientarsi ci si può rivolgere ai fornitori di servizi (manutenzione ascensori, imprese di pulizia ecc.) chiedendo qual'è quello che svolge nel miglior modo l'attività amministrativa.

Impossibile che sia riconfermato, il Giudice deve applicare la legge e pur considerando la revoca un contenzioso (volontaria giurisdizione) non può adire contra legem come le gravi irregolarità

 

http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2015-03-17/per-revoca-basta-giudice-084831.shtml?uuid=ABnWBQAD

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×