Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
114270 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Un baluardo difensivo contro le frodi in materia di detrazioni per bonus edilizi: il nuovo reato di "false informazioni in asseverazioni del tecnico abilitato"

In allegato due "preziosi documenti" contenenti le riflessioni della Cassazione e della Rete Nazionale delle Professioni dell'area tecnica e scientifica sulla nuova figura di reato
Redazione Condominioweb Redazione Condominioweb 

L'art. 28-bis, comma 2, lett. a), D.L. 27 gennaio 2022, n. 41 ha introdotto all'art. 119, comma 13 bis-1 del D.L. 19/05/2020, n. 34 la nuova fattispecie incriminatrice di "false informazioni in asseverazioni del tecnico abilitato".

La disposizione in esame - nata per combattere il vertiginoso incremento delle frodi in materia di detrazioni per bonus edilizi (in particolare correlati all'opzione della cessione del credito) - prevede che:

"Il tecnico abilitato che, nelle asseverazioni di cui al comma 13 e all'articolo 121, comma 1-ter, lettera b), espone informazioni false o omette di riferire informazioni rilevanti sui requisiti tecnici del progetto di intervento o sulla effettiva realizzazione dello stesso ovvero attesta falsamente la congruità delle spese, è punito con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da 50.000 euro a 100.000 euro. Se il fatto è commesso al fine di conseguire un ingiusto profitto per sé o per altri la pena è aumentata".

Come osserva la CASSAZIONE (relazione n. 31 del 7 giugno 2022) la struttura della nuova norma incriminatrice, denota una chiara volontà di anticipazione della tutela ed è espressiva di un'opzione di rigore, l'avere costruito un elemento di dolo specifico - il fine di conseguire un ingiusto profitto per sé o per altri, che nella larghissima maggioranza dei casi è l'unico elemento determinativo del mendacio - quale elemento integrativo di una specifica circostanza aggravante.

In ogni caso quando non ricorre l'elemento soggettivo del dolo, cioè la consapevolezza e volontà del mendacio, e la infedeltà di quanto asseverato o attestato sia imputabile a negligenza od imperizia "entra in gioco" la sanzione amministrativa: infatti ferma restando l'applicazione delle sanzioni penali, ove il fatto costituisca reato, ai soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni infedeli si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000 a euro 15.000 per ciascuna attestazione o asseverazione infedele resa (comma 14 dell'art. 119 del D.L. 19/05/2020, n. 34).

Come viene precisato nell'interessante Vademecum (OSSERVAZIONI E RACCOMANDAZIONI SUL NUOVO REATO DI FALSE ATTESTAZIONI DEL TECNICO ASSEVERATORE NEL PROCEDIMENTO PER L'OTTENIMENTO DEI C.D. BONUS EDILIZI . Circolare n. 23/2022 - Prot. n. 259/2022 del 22/06/2022) predisposto dalla RETE NAZIONALE DELLE PROFESSIONI DELL'AREA TECNICA E SCIENTIFICA la nuova fattispecie incriminatrice di "false informazioni in asseverazioni del tecnico abilitato" costituisce un reato proprio, vale a dire che può essere commessa esclusivamente da tecnici abilitati. La definizione della categoria può ricavarsi dal Decreto 6 agosto 2020 del Ministero dello Sviluppo economico, che lo individua nel «soggetto abilitato alla progettazione di edifici e impianti nell'ambito delle competenze ad esso attribuite dalla legislazione vigente iscritto agli specifici ordini e collegi professionali».

Potranno pertanto incorrere in responsabilità penale ai sensi della nuova disposizione Ingegneri, Architetti, Geometri ciascuno nell'ambito delle proprie competenze.

Sentenza
Scarica Rel n. 31 Cassazione Ufficio del Massimario e del Ruolo Servizio penale 2022

Scarica Prot. n.259 22 Circolare n.23 22 giugno 2022 RPT Informativa su linee guida per asseveratori

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento