Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
111974 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Assemblee condominiali in videoconferenza: proposta di modifica normativa urgente
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Assemblee condominiali in videoconferenza: proposta di modifica normativa urgente

Convocazione in forma telematica e svolgimento delle Assemblee condominiali in videoconferenza.

 

LAIC -Lega Amministratori Immobiliari Condominiali esprime la più ampia adesione all'iniziativa assunta da Confassociazioni (Confederazione delle Associazioni Professionali che oggi raccoglie 612 associazioni professionali e d'impresa che rappresentano oltre un milione di professionisti iscritti di cui circa 209 mila imprese), sull' istanza (rivolta dalla stessa LAIC) di sottoporre al Governo una proposta di modifica normativa urgente al fine di rendere possibile lo svolgimento di assemblee condominiali in videoconferenza.

Queste le parole del Presidente dell'Associazione degli Amministratori Immobiliari, Avv. Lorenzo Cottignoli, per conto del Consiglio Direttivo e del Centro Studi nazionale:

"Come noto, l'attuale divieto di assembramento comporta, tra le proprie conseguenze, l'impossibilità di dare corso alla gestione, ordinaria e straordinaria, del patrimonio immobiliare condominiale, non potendosi riunire assemblee condominiali in presenza, per un lasso temporale che potrebbe protrarsi ben oltre il termine del 3 aprile 2020.

Il rischio della paralisi rispetto alla possibilità di operare l'esazione dei contributi condominiali e di non poter provvedere al pagamento delle forniture appare concreto ed imminente con conseguenze importanti sulla possibilità di mantenere in essere i servizi quali ad esempio, riscaldamento, luce, forza motrice ascensore, pulizia e sanificazione delle parti comuni, etc.

Nel mentre, appare indispensabile ad oggi garantire la continuità e l'efficienza dei suddetti servizi alle numerose famiglie costrette a rimanere presso le proprie abitazioni.

Confassociazioni, raccogliendo l'appello di LAIC, ha fatto proprie le istanze della categoria professionale, e ha condiviso l'urgenza della necessità di sottoporre al Governo una proposta di modifica del testo normativo vigente al fine di consentire la convocazione in forma telematica e lo svolgimento delle Assemblee condominiali in videoconferenza.

Ad oggi, stante l'incertezza della interpretazione normativa e la divisione della dottrina sul punto, LAIC ritiene serio il rischio di impugnazione della validità delle assemblee condominiali che dovessero tenersi in forma di videoconferenza, che provocherebbe un conseguente incremento del contenzioso, da cui discenderebbero inesorabilmente ulteriori costi a carico delle famiglie e un grave ritardo nella definizione giuridicamente certa di elementi chiave per la gestione del Condominio quali i bilanci, l'esecuzione di lavori straordinari, la nomina e la revoca dell'amministratore, etc.

LAIC osserva inoltre, come Confassociazioni abbia giustamente evidenziato che, con il Decreto Legge "Cura Italia" del 17.3.2020, sia stata prevista la possibilità di tenere in modalità videoconferenza riunioni di Assemblee di Società di capitali, la cui normativa, in via analogica e residuale, per quanto non espressamente previsto, si applica alla materia condominiale.

La modifica normativa, pertanto, potrebbe, in una prima ipotesi, essere inserita in un Decreto legge di prossima emissione che, vista l'urgenza in essere, intervenisse direttamente a modificare le norme del codice civile che regolano lo svolgimento dell'assemblea condominiale inserendovi la previsione espressa della modalità telematica, oppure, in una ipotesi alternativa, nell'intervento in sede di conversione in legge sul Decreto "Cura Italia", che modifichi, ampliandola, la norma che consente le assemblee in videoconferenza per le Società di capitali e la estenda, semplicemente, alle assemblee condominiali.

La diffusione di internet, quale strumento ormai capillarmente presente nelle case degli Italiani, sia mediante pc, che tablet o smartphone, renderebbe così facilmente realizzabile e senza spostamenti non necessari (ed oggi non consentiti!) lo svolgimento di assemblee condominiali, le quali auspicabilmente potrebbero tenersi in forme più rapide in termini di tempo, meno litigiose quanto alle modalità della loro esecuzione, con beneficio sia per i professionisti che le convocano che per i condòmini che vi partecipano."

Cerca: assemblee condominiali videoconferenza

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento