Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
111987 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Siepe sintetica sulla ringhiera del balcone
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Siepe sintetica sulla ringhiera del balcone

Regole e limiti per l'installazione di siepi sintetiche sui balconi in condominio

Avv. Alessandro Gallucci  

La riservatezza che si vuole avere nell'uso del balcone, sovente si scontra con il decoro e quindi l'estetica dell'edificio: è il caso dell'installazione di una siepe sintetica sulla ringhiera che ci viene descritto dal nostro lettore.

Questo il quesito: «Buongiorno amici di Condominioweb! Vi spiego cosa è successo.

Abito in città, via non proprio centrale, ma comunque di buon traffico. La mia casa è al primo piano. Lo scorso anno ho installato la tenda da sole. Nessuna contestazione, non ero il primo e ho seguito i colori degli altri.

Quest'anno per avere più privacy ho apposto alla ringhiera del balcone una siepe sintetica. Così, a pranzo o a cena, ma più semplicemente quando voglio star seduto sul balcone, non ho rogne di alcun genere. Nessuno sguardo indiscreto, insomma.

Risultato? L'amministratore, ambasciator non porta pena, mi ha chiamato per dirmi di lamentele per l'installazione. La siepe è obbrobriosa gli hanno detto, va tolta!

Davvero devo eliminarla? Grazie per l'aiuto, continuate così, date le risposte i problemi di molti».

=> Cosa si può fare sul balcone di casa?

Grazie, caro lettore, non vorremmo far mancare proprio con lei la dote oracolare che ci ha riconosciuto. Restiamo umili, come si dice, e proseguiamo.

Siepe sintetica e decoro dell'edificio

Quando si menziona il decoro architettonico - come ci spiega la giurisprudenza, in assenza di definizioni legislative, si fa riferimento all'estetica «del fabbricato data dall'insieme delle linee e delle strutture che connotano lo stabile stesso e gli imprimono una determinata, armonica fisionomia ed una specifica identità» (Cass. n. 851 del 2007).

Il decoro, l'estetica quindi, può essere modificato. La modifica, però, non deve essere un'alterazione, un peggioramento.

Sempre la Corte di Cassazione ci rammenta per che alterazione del decoro deve intendersi «un pregiudizio economico che comporti un deprezzamento sia dell'intero fabbricato che delle porzioni in esso comprese, per cui, sotto tale profilo, è necessario tener conto dello stato estetico del fabbricato al momento in cui l'innovazione viene posta in essere» (così Cass. 25 gennaio 2010 n. 1286).

Un'opera permanente è certamente diversa da una amovibile, ma un'installazione facilmente amovibile che abbia i caratteri della stabilità, qual è quello della siepe sintetica agganciata alla ringhiera del balcone, può essere considerata permanente.

Che vuol dire? Se appoggio, installo, ecc. un qualcosa per uno o due ore, al massimo pochi giorni, difficilmente quel singolo comportamento potrà essere considerato lesivo, al più si potrà agire per vietarlo in futuro.

L'opera permanente, invece, può essere specificamente avversata, ossia si può instaurare un contenzioso per ottenerne la rimozione.

L'installazione di una siepe sintetica sulla ringhiera del balcone può essere uno di questi casi, ma la valutazione va fatta volta per volta.

=> Posso mettere una fioriera sul balcone?

È la prima installazione del genere?

Qual è lo stato di manutenzione dell'edificio?

Ci sono altre installazioni in generale che hanno già modificato o comunque inciso sull'estetica?

Prima di ciò o comunque unitamente, laddove si sia agito provvedendo all'installazione senza porsi troppe domande, è utile verificare anche il contenuto del regolamento condominiale, ove esistente

Siepe sintetica sulla ringhiera del balcone, decoro e regolamenti

Il regolamento condominiale, obbligatorio quando i condòmini sono più di dieci, deve contenere norme circa il decoro dell'edificio.

Il regolamento assembleare, cioè quello adottato a maggioranza, può porre una disciplina del decoro che non sia limitativa del diritto dei singoli sulle parti comuni e/o di proprietà esclusiva.

Che vuol dire?

Che, ad esempio, se si tratta di balcone incassato (il cui fronte è solitamente parte integrante della facciata), ovvero aggettante (il cui parapetto va considerato, in relazione alla struttura, sempre di proprietà esclusiva), il regolamento può porre dei limiti alle installazioni in relazione a colori, forme, ecc., ma non può vietarne alcune a priori.

Tradotto per la siepe sintetica sulla ringhiera: il regolamento assembleare può dare regole per individuarne colore e magari tipologia, ma di certo non per dire si può ovvero non si può installare.

Discorso diverso guardando al regolamento contrattuale.

La giurisprudenza, ormai da anni, afferma che è «del tutto legittimo che le norme del regolamento di condominio - ove di natura contrattuale, id est predisposte dall'unico originario proprietario dell'edificio ed accettate con i singoli atti d'acquisto dai subentrati condomini ovvero adottate con il consenso unanime di questi ultimi in sede assembleare, questione, comunque, non sollevata in questa sede - possano derogare od integrare la disciplina legale ed, in particolare, possano dare del concetto di decoro architettonico una definizione più rigorosa di quella accolta dall'art. 1120 CC, estendendo il divieto d'immutazione sino alla conservazione degli elementi attinenti alla simmetria, all'estetica, all'aspetto generale dell'edificio quali risultanti nel momento della sua costruzione od esistenti in quello della manifestazione della volontà negoziale» (Cass. 6 ottobre 2009 n. 11121).

Guardando allo specifico caso della siepe sintetica sulla ringhiera del balcone, la conclusione non può che essere la seguente: in caso di regolamento condominiale contrattuale che ponga il divieto di assoluta immutazione dell'estetica dell'edificio, anche mediante installazioni amovibili, il condòmino che l'ha installata deve togliere la siepe sintetica. Non facendolo andrebbe incontro ad una causa persa.

=> Piante sporgenti dal balcone, le cose da sapere

Cerca: siepe sintetica ringhiera balcone

Commenta la notizia, interagisci...
Giorgio Rovelli
Giorgio Rovelli 15-09-2020 19:46:44

Balcone aggettante al quale è stata messa una siepe sintetica sulla ringhiera.
Il regolamento contrattuale stipula: E' vietata qualsiasi attività dei condomini nelle proprietà esclusive che sia incompatibile con il decoro dell'edificio e con la sua sicurezza.
Sì può interpretare questa clausola come "che ponga il divieto di assoluta immutazione dell'estetica dell'edificio"?

rispondi
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento