Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
111922 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Liberi di «abusare»? La legge delega sulla semplificazione potrebbe aumentare gli interventi di edilizia libera
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Liberi di «abusare»? La legge delega sulla semplificazione potrebbe aumentare gli interventi di edilizia libera

Legge delega sulla semplificazione e codificazione: aumentare gli interventi senza titoli autorizzativi nell'ambito delle costruzioni

Angelo Pesce 

Approvata dall'ultimo Consiglio dei Ministri, la legge delega in materia di semplificazione e codificazione prevede, fra i vari titoli, di intervenire sulla normativa edilizia per razionalizzare e semplificare i titoli abitativi e ampliare i casi per i quali non sarà necessario alcun titolo autorizzatorio, assicurando a tutto il settore livelli minimi ulteriori di semplificazione.

Sempre più edilizia libera.

Sulla base dei principi prospettati dal governo, in base ai quali il settore dell'edilizia sarebbe frenato dalla burocrazia e afflitto da illegalità e corruzione, la semplificazione delle procedure potrebbe essere una soluzione.

Aumentare i casi di edilizia libera, razionalizzare e semplificare i titoli abilitativi edilizi diversificando le procedure e i contributi in base alla natura dell'intervento e al carico urbanistico prodotto, porterebbe ad una ripresa del settore; fra le ipotesi prospettate si punta anche ad individuare interventi di trasformazione urbanistico-edilizia e di conservazione eseguibili senza alcuna autorizzazione.

=> La lista dei lavori in casa che non hanno bisogno di permessi. Il glossario entra in vigore

Attualmente, sulla base del Testo Unico dell'Edilizia in vigore (D.P.R. 380/2001), rientrano in quest'ambito tutti quegli interventi subordinati al rilascio del Permesso di Costruire e relativi a:

  • nuova costruzione
  • ristrutturazione urbanistica;
  • ristrutturazione edilizia che:
  1. portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente;
  2. comportino modifiche della volumetria complessiva, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, aumento di unità immobiliari;
  3. limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d'uso;
  4. comportino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli ai sensi del D.Lgs. 42/2004 (Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio).

Con l'eventuale modifica della legge delega, alcuni di questi interventi potrebbero essere liberalizzati.

La realtà è che una interpretazione estensiva di dette liberalizzazioni, potrebbe incrementare i casi di abusivismo edilizio.

Va ricordato anche che è già in vigore il Glossario dell'edilizia libera con il quale è stato stilato un elenco (seppur non esaustivo) degli interventi realizzabili senza permessi ma che restano, tuttavia, assoggettati al pieno rispetto dei vincoli indicati dagli strumenti urbanistici comunali vigenti e delle normative di settore (norme antisismiche, sicurezza, antincendio, tutela dal rischio idrogeologico, efficienza energetica, tutela del patrimonio culturale e paesaggistico di cui al D.Lgs. n. 42/2004).

Il Glossario ha semplificato l'elenco degli interventi sia per fornire una individuazione univoca delle opere edilizie, sia per favorire un uso più agevole da parte dei tecnici, dei semplici cittadini e della Pubblica Amministrazione.

La nuova legge delega, in sostanza, vorrebbe fornire un elenco dettagliato delle attività soggette a titolo autorizzatorio, tutto il resto rientrerà fra le opere libere.

=> Edilizia libera. I Comuni non possono prevedere titoli abilitativi diversi da quelli previsti dal Glossario

Modulistica. Altro punto previsto dalla legge delega, è relativo alla razionalizzazione burocratica attraverso l'adozione di moduli unificati che possano definire in maniera chiara ed esaustiva, la tipologia del procedimento e i dati necessari.

Non è molto chiaro cosa si intenda fare, poiché già col precedente Governo (Riforma Madia), l'accordo con le Regioni, le Province autonome, gli Enti locali, ANCI e UPI aveva portato all'adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze.

=> Glossario unico. l dubbi del Consiglio di Stato accrescono le incertezze interpretative

Con lo Sblocca Italia, infatti, erano state apportate importanti novità in ambito edilizio, prima con l'approvazione dei modelli unici di SCIA e Permesso di Costruire e poi con quelli della CIL (Comunicazione di Inizio Lavori) e della CILA (la stessa con asseverazione del tecnico abilitato).I modelli unici, implementati con indicazioni relative anche agli adempimenti in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro (D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) potevano, sin dalla loro adozione, essere adeguati (cioè modificati o integrati) dalle Regioni alle legislazioni vigenti, ma solo in alcune parti e adottati successivamente dai vari enti locali.

Il provvedimento ha favorito l'adozione di CIL e CILA, ampliando il campo ad interventi anche di una certa entità, senza dover più ricorrere al Permesso di Costruire o alla SCIA. Infine, dallo scorso giugno è attiva la versione digitale dei modelli unici per l'interoperabilità, lo scambio dati fra i vari enti.

=> Il singolo condomino, può utilizzare il lastrico comune per installare un impianto di proprietà?

Cerca: semplificazione edilizia

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento