Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
116639 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Revisione delle tabelle millesimali: quale l'onere della prova a chi la richiede?
Inviaci un quesito

Revisione delle tabelle millesimali: quale l'onere della prova a chi la richiede?

Con sentenza del 26 gennaio 2021, il Tribunale di Crotone si è pronunciato in materia di revisione delle tabelle millesimali.

Avv. Luca Palmerini  

Descrizione della vicenda processuale

Con formale atto di citazione, il signor Tizio conveniva in giudizio il Condominio Via dei Mircacoli 12 di Crotone, in persona dell'Amministratore in carica, per l'ottenimento della revisione delle tabelle millesimali allegate al regolamento condominiale asserendo che l'ultima revisione, effettuata dall'Arch. Mevio ed approvata dall'assemblea condominiale con verbale del 15.09.2017, fosse errata.

Secondo la tesi di Tizio, l'Arch. Mevio aveva attribuito all'unità immobiliare di sua proprietà, millesimi maggiori rispetto a quelli reali; l'Arch. Mevio, aveva, infatti, annesso al giardino pertinenziale un terreno e due magazzini, non rientranti, a detta di Tizio, tra i beni condominiali.

Tabelle millesimali: revisione, presupposti e deliberazione

Per l'attore, il professionista Mevio aveva, altresì, applicato criteri di spesa relativi alla manutenzione delle scale e dell'ascensore, senza, però, considerare che l'appartamento di proprietà di Mevio non fosse posto al primo piano dello stabile, ma bensì al piano terra rialzato, ragion per cui non era in alcun modo servito né dalle scale, né dall'ascensore.

L'appartamento di Mevio, quindi, non doveva, ad ogni modo, concorrere alla ripartizione delle loro spese di esercizio e di pulizia.

Il Condominio, a sua volta, si costituiva regolarmente nel giudizio promosso da Tizio dinanzi al Tribunale Civile di Crotone.

Il suddetto ente di gestione, nella propria comparsa difensiva, evidenziava che la revisione delle tabelle millesimali operata dall'Arch. Mevio era stata chiesta dall'assemblea condominiale per operare un adeguamento delle stesse alle mutate condizioni dell'edificio.

Il Condominio, pertanto, chiedeva al Tribunale di rigettare la domanda avversaria, deducendo l'infondatezza, in fatto ed in diritto, della pretesa avanzata.

Il Tribunale, dopo idonea istruzione probatoria, faceva precisare le conclusioni alle parti ed emetteva la sentenza oggetto del presente commento, al termine della discussione.

Nomina amministratore e redazione tabelle millesimali: no al procedimento di volontaria giurisdizione

Revisione tabelle millesimali, la normativa di riferimento

Art. 1118 co. I c.c.

"Il diritto di ciascun condomino sulle parti comuni, salvo che il titolo non disponga altrimenti, è proporzionale al valore dell'unità immobiliare che gli appartiene.

Il condomino non può rinunziare al suo diritto sulle parti comuni(2)

Il condomino non può sottrarsi all'obbligo di contribuire alle spese per la conservazione delle parti comuni, neanche modificando la destinazione d'uso della propria unità immobiliare, salvo quanto disposto da leggi speciali.

Il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma".

Revisione tabelle millesimali, quali le condizioni

Art. 68 disp. att. c.c.

"Ove non precisato dal titolo ai sensi dell'articolo 1118, per gli effetti indicati dagli articoli 1123, 1124, 1126 e 1136 del codice, il valore proporzionale di ciascuna unità immobiliare è espresso in millesimi in apposita tabella allegata al regolamento di condominio.

Nell'accertamento dei valori di cui al primo comma non si tiene conto del canone locatizio, dei miglioramenti e dello stato di manutenzione di ciascuna unità immobiliare".

Art. 69 disp. att. c.c.

"I valori proporzionali delle singole unità immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui all'articolo 68 possono essere rettificati o modificati all'unanimità. Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista dall'articolo 1136, secondo comma, del codice, nei seguenti casi:

1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;

2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.

Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali espressi nella tabella millesimale allegata al regolamento di condominio ai sensi dell'articolo 68, può essere convenuto in giudizio unicamente il condominio in persona dell'amministratore. Questi è tenuto a darne senza indugio notizia all'assemblea dei condomini.

L'amministratore che non adempie a quest'obbligo può essere revocato ed è tenuto al risarcimento degli eventuali danni.

Le norme di cui al presente articolo si applicano per la rettifica o la revisione delle tabelle per la ripartizione delle spese redatte in applicazione dei criteri legali o convenzionali".

Non basta il cambio della destinazione d'uso per giustificare la revisione delle tabelle millesimali

Revisione tabelle millesimali, le motivazioni del Tribunale

Secondo il Tribunale di Crotone, la domanda proposta da Tizio non merita accoglimento.

I valori delle unità immobiliari di proprietà esclusiva dei singoli condomini e il loro proporzionale ragguaglio in millesimi al valore dell'edificio vanno individuati con riferimento al momento dell'adozione del regolamento e la tabella che li esprime è soggetta ad emenda solo in relazione ad errori, di fatto e di diritto, attinenti rispettivamente

- alla determinazione degli elementi necessari al calcolo del valore delle singole unità immobiliari;

- ovvero a circostanze sopravvenute relative alla consistenza dell'edificio o delle sue porzioni, che incidano in modo rilevante sull'originaria proporzione dei valori.

Per quanto sopra illustrato, è evidente che il diritto di chiedere la revisione delle tabelle millesimali è condizionato dall'esistenza di uno od entrambi i presupposti indicati dall'art. 69 disp. att. cod. civ.

Non tutti gli errori presenti nelle tabelle e non tutte le variazioni edilizie comportano la revisione

Per il Tribunale, la ricorrenza dei suddetti presupposti va dimostrata da chi domanda la revisione delle tabelle, in base alla regola generale del riparto dell'onere probatorio e, quantomeno, con riferimento agli errori obiettivamente verificabili (vedasi Cass. civ., sez. II, sentenza n. 25790 del 14.12.2016).

Nel caso di specie, l'attore (Tizio) non aveva assolto al proprio onere probatorio, in quanto non aveva provato che le tabelle millesimali revisionate dall'Arch. Mevio fossero "conseguenza di un errore", così come stabilito dall'art. 69, co. I n. 2 c.c..

Sulla base delle illustrate motivazioni, il Tribunale di Crotone ha dichiarato infondata la domanda formulata da Tizio che è stato, di conseguenza, condannato alla refusione delle spese di lite.

Frazionamento orizzontale dell'appartamento e revisione delle tabelle millesimali

Scarica Trib. Crotone 26 gennaio 2021 n. 76

Cerca: revisione tabelle millesimali

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento