Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
105447 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
MAPI. Rendere effettivo l'aggiornamento degli amministratori di condominio. Registro senza oneri a carico. No all'albo.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

MAPI. Rendere effettivo l'aggiornamento degli amministratori di condominio. Registro senza oneri a carico. No all'albo.

MAPI contrario ad un registro nazionale degli amministratori di condominio tenuto presso il Ministero della Giustizia

Redazione Condominioweb 

Il Mapi ha partecipato alla riunione tenutasi Giovedì 9 Maggio a Roma, convocato dal Sottosegretario alla Giustizia Onorevole Jacopo Morrone, che ha visto la collaborazione di ben 37 associazioni, esponenti a vario titolo della realtà condominiale.

L'incontro si è contraddistinto per un clima di collaborazione tre le istituzioni presenti ed ha rappresentato un momento di reale confronto tra tutti i partecipanti.Le parti all'esito della verifica delle varie posizioni in ordine alla istituzione di un Registro degli Amministratori di condominio o di un Albo, ad eventuali modifiche della legislazione condominiale si sono date appuntamento per un nuovo incontro prima della pausa estiva.

Il Mapi in occasione dell'evento ha ribadito la propria posizione. A nostro parere non è importante modificare la struttura dei corsi, che non abbisogna di alcuna modifica, ma rendere effettivo l'aggiornamento degli amministratori di condominio, tutti gli amministratori anche i condomini dello stabile, obbligandoli ad aggiornarsi, impedendo l'acquisizione di incarichi da parte di chi non è formato e aggiornato Noi avanziamo la nostra proposta, ossia, la modifica del 14° comma dell'articolo 1129 del Codice civile prevedendo, a pena di nullità, per l'amministratore l'obbligo all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo di fornire al condominio idonea prova dell'adeguamento agli obblighi di formazione e/o aggiornamento professionale.

Inoltre, chiediamo la modifica dell'articolo 71 Bis delle Disposizioni di Attuazione al Codice civile nella parte in cui esonera gli amministratori interni (condomini dello stabile amministrato) dall'obbligo di formazione.

Non siamo contrari a un registro nazionale degli amministratori di condominio tenuto presso il Ministero della Giustizia, sulla falsariga del medesimo organismo già previsto per la mediazione civile e commerciale, purché non si riduca in esperimento di burocratizzazione che imponga esclusivamente nuovi oneri e costi per l'amministratore professionista.

L'istituzione di un registro telematico degli amministratori di condominio tenuto dal Ministero della Giustizia dovrebbe indicare i dati anagrafici e fiscali di ogni amministratore, i riferimenti dell'associazione di categoria presso la quale è iscritto e presso il quale ha frequentato i corsi annuali di formazione e/o aggiornamento obbligatorio in base al Dm 140/2014.

Il nuovo istituto, senza alcun costo, dovrebbe evidenziare i professionisti aggiornati e iscritti alle associazioni di categoria già riconosciute dalla Legge 4/2013, attribuendo un valore aggiunto alle medesime, a scapito degli improvvisatori e i dopolavoristi che gravano di ulteriori problemi la già difficile quotidiana gestione condominiale.

Tra l'altro il Mapi da tempo e dotato di un registro telematico dei propri iscritti.

Concetto diametralmente opposto e che ci vede nettamente e convintamente contrari è l'istituzione di un albo di diritto pubblico degli amministratori di condominio! L'accenno potrebbe riaccendere le speranze di alcuni, che, da tempo chiedono un intervento del legislatore che istituisca il nuovo albo professionale, con tutto quello che ne consegue; un nuovo esame di stato, una nuova cassa previdenziale autonoma, una nuova legge professionale ad hoc e ……………. nuovi oneri per gli amministratori! L'idea ci vede assolutamente contrari, tanto più che in tema di amministrazione condominiale non esiste alcuna riserva di legge per l'esercizio dell'incarico, che attualmente secondo il nostro ordinamento giuridico può essere svolto da ogni condomino dello stabile, senza bisogno di alcun titolo di studio, né tantomeno alcuna competenza in materia.

La promozione di nuovi albi in materie in cui, per fortuna, il legislatore ha introdotto una buona legge di natura liberale, che senza moloch burocratici favorisce una tutela privatistica delle professioni appare evidentemente paradossale.

La circostanza che più stupisce è che nel dibattito si sentono posizioni a favore dell'albo posizioni, forse inconsapevoli che la paventata creazione di un nuovo albo degli amministratori di condominio rappresenterebbe la fine delle associazioni per come oggi le conosciamo e del primo esperimento, in Italia, di una gestione libera e concorrenziale delle professioni intellettuali, che verrebbe prematuramente stroncata.

Avv. Gerardo Michele Martino

Presidente Mapi

Cerca: aggiornamento amministratori di condominio

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento