Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
108367 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Quanto può essere alta una recinzione di confine?

La recinzione di confine deve avere una particolare altezza? Vi è qualche norma che lo disciplina?
Avv. Anna Nicola Avv. Anna Nicola - Foro di Torino 

Recinzione di confine

La recinzione di confine viene installata al fine di tener separate le abitazioni, i cortili ed i giardini di due o più strutture immobiliari facenti capo a soggetti diversi abitati adiacenti.

È chiaro che se gli immobili fossero di proprietà di un medesimo soggetto, questi non avrebbe necessità di erigere la recinzione. Essendo di unica proprietà, non avrebbe alcuna tutela da garantire, essendo titolare sia attivo sia passivo della situazione. Ove però questo soggetto dia in locazione uno dei due immobili, è chiaro che occorre il rispetto anche solo della privacy degli uni e degli altri.

Prendiamo in considerazione il caso in cui un soggetto voglia erigere una recinzione proprio sulla linea di confine che corre tra la sua proprietà e quella del vicino.

Posso costruire un muro di recinzione del mio giardino?

Recinzione condivisa

A norma dell'art. 874 c.c., il proprietario di un fondo contiguo al muro altrui può chiederne la comunione per tutta l'altezza o per parte di essa, purché lo faccia per tutta l'estensione della sua proprietà. Ove scaturisca la comunione, i costi sopportati vengono assunti da entrambi i soggetti in modo assolutamente paritario.

Con ciò la recinzione si presume condivisa tra i proprietari dei due immobili. Le condizioni per poter giungere a questa conclusione sono le seguenti: la recinzione deve trovarsi sul suolo comune ad entrambi i proprietari e dividere proprietà appartenenti a diversi proprietari.

Muro di cinta

Se la separazione degli immobili fosse data da un muro di cinta, l'altezza massima di quest'ultimo, a meno che non sia diversamente indicato nel regolamento comunale, non potrebbe superare i 3 metri.

La norma di riferimento può essere l'art. 892 c.c., il cui tenore è il seguente:

"Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali.

Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine:

1) tre metri per gli alberi di alto fusto.

Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;

2) un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto.

Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;

3) mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

La distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo, e di due metri per le siepi di robinie.

La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell'albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina.

Le distanze anzidette non si devono osservare se sul confine esiste un muro divisorio, proprio o comune, purché le piante siano tenute ad altezza che non ecceda la sommità del muro."

Siepi sul confine, di chi sono e chi deve pagare le spese di manutenzione

Si ricorda poi che l'art. 886 c.c. dispone che "Ciascuno può costringere il vicino a contribuire per metà nella spesa di costruzione di muri di cinta che separano le rispettive case, i cortili e i giardini posti negli abitati. L'altezza di essi, se non è diversamente determinata dai regolamenti locali o dalla convenzione, deve essere di tre metri."

Alla domanda che ci siamo posti inizialmente possiamo allora così rispondere.

Regolamenti e usi locali

In primo luogo occorre verificare i regolamenti locali o usi locali, che non dettino regole in tema di altezza sia della recinzione, sia del muro sul confine. Ove vi sia, si rende necessario rispettare l'altezza indicata nella norma locale.

Ove quest'ultima nulla sancisca al riguardo, allora valgono le norme codicistiche.

La prevalenza delle norme locali su quelle codicistiche è data dalle stesse norme di riferimento che qui abbiamo analizzato.

Se vi è un muro divisorio posto sul confine, a norma dell'art. 892 c.c. le piante possono essere anch'esse sul confine a patto che non superi l'altezza del muro divisorio.

L'altezza del muro divisorio è ex art. 886 c.c., quando non vi siano previsioni locali, pari al massimo a 3 metri. Quindi anche le piante e le recinzioni possono essere a quest'altezza.

Altezza minima dei parapetti dei balconi e delle scale

Conclusione

Si può quindi concludere che la recinzione deve avere meno di tre metri di altezza se collocata a una distanza dal confine inferiore a tre metri o a quella determinata dai regolamenti o norme locali.

Ove così non sia, quando il muro è posto ad una distanza maggiore, può avere un'altezza pari o superiore ai tre metri.

La recinzione divisoria, o come si sul dire, sul confine, può essere alta fino a tre metri.

Distanza dei tubi dal confine

Commenta la notizia, interagisci...
Magaldi
Magaldi 31-08-2021 15:04:37

Se il muro di confine è con la ferrovia???!!!!
Penso cambia tutto il discorso
Si può abbattere il muro esistente per costruirne uno diverso e più alto?

rispondi
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento