Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
107306 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Prostituzione in condominio. Concedere una stanza in comodato ad una "lucciola" integra il reato di favoreggiamento.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Prostituzione in condominio. Concedere una stanza in comodato ad una "lucciola" integra il reato di favoreggiamento.

Prostituzione in condominio. Quando scatta il favoreggiamento?

Avv. Maurizio Tarantino  

La «consapevolezza» del padrone di casa ha permesso di valutare «la gratuità del contratto» come chiaramente finalizzata ad agevolare l'esercizio della prostituzione.

"Integra il reato di favoreggiamento della prostituzione, previsto dall'art. 3, n. 8, Legge n. 75 del 1958, la condotta di colui che concede in comodato d'uso ad una prostituta un immobile nella propria disponibilità, nella consapevolezza che la beneficiaria vi eserciterà la prostituzione, in quanto la gratuità del contratto sottintende la preminente finalità di agevolare l'esercizio della prostituzione altrui e ne costituisce diretto ausilio".

Questo è il principio di diritto espresso dalla Corte di Cassazione Penale con la sentenza n.40328 del 28 settembre 2016 in merito al reato di favoreggiamento della prostituzione in condominio.

Favoreggiamento alla prostituzione; nessun reato se il canone di locazione non è esagerato

I fatti di causa. La Corte d' Appello di Cagliari, con sentenza, confermava la sentenza di primo grado con la quale il Tribunale della medesima città aveva condannato Tizio alla pena di anni 1 mesi 4 di reclusione ed euro 200 di multa per il reato di cui all'art. 3, n. 8, L. 75/1958.

La Corte territoriale, in particolare, rilevava la piena sussistenza dell'elemento oggettivo del reato ascritto alla prevenuta nonché di quello soggettivo. Avverso tale pronuncia, Tizio promuoveva personalmente ricorso per cassazione.

=> Quando l'affitto alla prostituta integra gli estremi del favoreggiamento?

Lo sfruttamento della prostituzione altrui. L'art. 3 n. 8 della c.d Legge Merlin 75/1958 prevede che "È punito con la reclusione da due a sei anni e con la multa da euro 258 a euro 10.329, salvo in ogni caso l'applicazione dell'art. 240 del codice penale… chiunque in qualsiasi modo favorisca o sfrutti la prostituzione altrui".

Il reato di favoreggiamento della prostituzione si concretizza, sotto il profilo oggettivo, in qualunque attività idonea a procurare favorevoli condizioni per l'esercizio della prostituzione, mentre sotto il profilo soggettivo è sufficiente la consapevolezza di agevolare il commercio altrui del proprio corpo senza che abbia rilevanza il movente dell'azione (Cass. Pen., sez. III, sentenza 20 novembre 2013, n. 6373).

La locuzione "favorire" costituisce sinonimo di "aiutare", "rendere agevole", "facilitare", con la conseguenza di dover ritenere ricompresi nell'ambito di applicazione della norma tutte quelle condotte che, in qualsiasi modo vengano poste in essere, siano idonee a sorreggere la prostituzione altrui, senza tuttavia addivenire ad un vero e proprio sfruttamento economico di tale attività.

In particolare il reato di favoreggiamento della prostituzione si perfeziona favorendo in qualsiasi modo la prostituzione altrui, così che non si rende necessaria una condotta attiva, essendo sufficiente ogni forma di interposizione agevolativa quale quella di mettere in contatto il cliente con la prostituta (Cass. Pen., sez. III, sentenza 20 marzo 2001, n. 10938).

=> Non è ravvisabile il favoreggiamento della prostituzione se si concede l'appartamento a prezzo di mercato

Cenni sul contratto di comodato. Con tale tipologia contrattuale (disciplinata dagli articoli 1803 e seguenti del codice civile) una parte (comodante) consegna all'altra (comodatario) un bene mobile o immobile perché questi se ne possa servire per un tempo o per un uso determinato con l'obbligo poi di restituirlo.

Si tratta di un contratto essenzialmente gratuito anche se non è esclusa la possibilità di far ricorso a un comodato c.d. "modale" o "oneroso" a patto che l'onere imposto non sia di una consistenza tale da far venir meno la natura tipica del contratto.

Non deve comunque trattarsi di un corrispettivo per il godimento della cosa.

Per quanto possa sembrare una modalità molto semplice per gestire determinati rapporti che si basano sulla fiducia e sulla cortesia, in realtà si tratta di una scelta contrattuale che può creare problematiche di non poco conto, se non altro sotto il profilo procedurale.

Abitazione, locazione e prostituzione. In giurisprudenza di legittimità è stato osservato che per ravvisare una casa di prostituzione e quindi per integrare il reato è necessario che, all'interno della stessa casa vi sia un minimo di stabile organizzazione della prostituzione, implicante una pluralità di persone esercenti contestualmente il meretricio negli stessi locali, e l'intervento di un soggetto che predisponga, sovrintenda e sfrutti l'attività delle persone che si prostituiscono, alla stregua di quanto avveniva prima della legge Merlin nelle c.d. "case di tolleranza" (Cassazione Penale, sentenza 31/07/2013 n° 33160).

Diversamente, secondo alcuni giudici, non sarebbe ravvisabile il favoreggiamento della prostituzione nel fatto di chi conceda in locazione, a prezzo di mercato, un appartamento ad una prostituta, anche se sia consapevole che la conduttrice vi eserciterà la prostituzione (Cass.

Penale con le pronunce del 4 febbraio 2014 n. 7338, 19 febbraio 2013 n. 33160 e 23 febbraio 2012 n. 7076).

Locazione appartamento a prostituta

Il ragionamento della Corte di Cassazione. Secondo gli ermellini, nel caso in esame, non trovava applicazione l'orientamento secondo cui la mera concessione di un immobile a una prostituta, anche se nella consapevolezza dell'uso che questa ne faceva, non integrava il reato di favoreggiamento della prostituzione; difatti, in questo caso non ci si riferiva alla fattispecie della locazione, nella quale la prostituta paga per l'uso dell'appartamento un corrispettivo, ma alla diversa fattispecie della comodato.

A tal proposito, i giudici di Piazza Cavour hanno avuto modo di precisare che il comodato essendo un contratto a titolo gratuito, sottintende la preminente finalità di agevolare l'esercizio della prostituzione altrui e risulta, dunque, pienamente idoneo ad integrare la condotta punita dalla disposizione incriminatrice, che si concretizza in qualunque comportamento che abbia effetto di facilitazione (In tal senso Corte di Cass. Penale 1 aprile 2016 n. 13229, 30 maggio 2014 n. 29734 e 11 febbraio 2014 n. 6373).

Concedere un immobile a una prostituta in comodato ad uso gratuito

Le conclusioni. Alla luce di tutto quanto innanzi esposto,la Corte di Cassazione Penale con la pronuncia in commento ha respinto la domanda di Tizio e per l'effetto ha confermato la decisione della corte territoriale della condanna al favoreggiamento della prostituzione.

=> Carcere per chi affitta l'appartamento ad un gruppo di transessuali.

Scarica Corte di Cassazione, sez. III Penale, 28 settembre 2016, n. 40328

Cerca: prostituzione condominio favoreggiamento

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


Sexy shop «liberi». Anche in condominio?

Si apre nel tuo condominio un sexy shop? Inutile lamentarsi, meglio entrarci! Il sexy shop resta!. L'apertura di un sexy shop in un condominio, comporta un pregiudizio per gli abitanti dello stabile? Cosa dice la legge.