Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
108571 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Il condominio consumatore e le ipotesi di nullità delle clausole vessatorie della polizza assicurativa
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Il condominio consumatore e le ipotesi di nullità delle clausole vessatorie della polizza assicurativa

Le clausole che impediscono al condominio di adire l'autorità giudiziaria possono considerarsi vessatorie?

Avv. Giuseppe Zangari  

La vicenda. I contratti di assicurazione dei fabbricati condominiali si caratterizzano spesso per una evidente sproporzione in favore delle compagnie, poiché se è vero che possono essere oggetto di negoziazione determinati aspetti del rapporto come l'estensione della copertura o l'ammontare dei premi, ciò avviene nel solco di condizioni generali predisposte unilateralmente dalle compagnie medesime.

Così pure avviene nel caso di specie, ove un condominio cita la propria compagnia per non avere corrisposto integralmente l'indennizzo di polizza a seguito dell'incendio dell'autorimessa condominiale.

Oltre a contestare il merito della pretesa, la compagnia solleva un'interessante eccezione di carattere preliminare, ossia l'improponibilità dell'azione in virtù di una clausola di polizza che prevedeva il deferimento della stima del danno a un collegio peritale, con rinuncia da parte del condominio alla tutela giurisdizionale.

=> Condominio-consumatore e clausole vessatorie

=> Contratti ad esecuzione continuata, la lunga durata non è di per sé vessatoria

La sentenza. Il Tribunale rigetta l'eccezione(Trib. Treviso, n. 266/2018). L'art. 9.2. delle condizioni di polizza prevedeva l'impegno delle parti a demandare l'accertamento dell'entità del sinistro a periti nominati dalle medesime e, in caso di disaccordo fra gli stessi, a eleggere un terzo perito ed a sottostare alla decisione finale assunta a maggioranza.

La clausola è inquadrata dal Giudice alla stregua di una pattuizione che "…per giurisprudenza costante, ricorre quando le parti devolvono al terzo o ai terzi, scelti per la loro particolare competenza tecnica, non già la risoluzione di una controversia giuridica, ma la formulazione di un apprezzamento tecnico che preventivamente si impegnano ad accettare come diretta espressione della loro determinazione volitiva" (Cass. Civ., n. 18876/2007) e che, per altrettanto costante giurisprudenza, non rientra tra le clausole vessatorie di cui all'art. 1341, comma 2 c.c. né necessita, pertanto, della specifica sottoscrizione (Cass. Civ., n. 10332/2011).

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Cerca: polizza clausole vessatorie

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento