Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
106625 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Impianto idrico: il gestore non può addebitare all'utente la perdita d'acqua occulta
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Impianto idrico: il gestore non può addebitare all'utente la perdita d'acqua occulta

Il fornitore viene meno a obblighi contrattuali e di buona fede riscuotendo costi relativi a fuoriuscite dai tubi posti al di sotto dell'appartamento.

Avv. Maurizio Tarantino 

La vicenda. Tizio aveva chiesto al giudice adito l'annullamento di tre fatture riferite al pagamento di tariffa idrica relativa alla civile abitazione a questa intestata. In particolare,il richiedente deduceva che la fattura recapitata era il frutto di una errata contabilizzazione ed emessa sulla base di un misuratore che presentava malfunzionamenti, e che peraltro successivamente a tali richieste, era stata riscontrata una perdita "occulta" dell'impianto idrico che costituiva la ragione dei maggiori consumi.

Per tali ragioni, il ricorrente aveva chiesto nel giudizio una statuizione in termini di accertamento negativo del credito asseritamene vantato dalla società beta, oltre al risarcimento dei danni "esistenziali" subiti dall'istante in dipendenza della condotta serbata dalla convenuta.

Costituendosi in giudizio, la società convenuta eccepiva che la perdita, di fatto riscontrata al di sotto della proprietà privata del consumatore, non poteva essere imputabile al gestore, bensì alla incuria dello stesso proprietario che non avrebbe proceduto alle dovute attività di manutenzione.

=> Consumi idrici eccessivi a causa di aria nei tubi: Comune condannato ad adottare gli accorgimenti necessari per la corretta determinazione dei consumi

Il ragionamento del Giudice di Pace.Preliminarmente, il giudice ha osservato che in materia di competenza, certamente il giudice di pace può statuire in tale questione, atteso che in materia di riscossione di somme riferite a consumi idrici, il concessionario non esercita alcuna attività impositiva, ma occupa la posizione processuale del creditore in un rapporto processuale di natura civilistica (contratto di somministrazione) nel quale le posizioni delle parti sono assolutamente paritetiche.

Premesso ciò, quanto al merito della vicenda, la domanda è risultata fondata in quanto, nel corso del giudizio, è stato dimostrato che i consumi in eccesso contabilizzati e richiesti in pagamento erano di fatto ricollegabili ad una perdita idrica occulta che insisteva al di sotto del pavimento dell'abitazione attorea; ciò' emergeva anche dalla documentazione in atti e dal comportamento concludente della stessa convenuta.

In argomento, in altro precedente (citato in pronuncia), è stato evidenziato chein caso di perdita occulta, il consumo addebitato non può essere posto a carico dell'utente ma del gestore, il quale ha omesso di rispettare gli obblighi contrattuali, come integrati dalla normativa di settore (D.P.C.M. 29.4.1999), nonché il precetto della buona fede nell'esecuzione del contratto (Giudice di Pace di Brindisi 8888/17).

Premesso quanto innanzi esposto, secondo il giudice di Pace di Cassino, muovendo dal presupposto di cui all' art. 1227, comma 2 c.c.,sussisteva a carico della convenuta una condotta omissiva; di talché,il consumo addebitato non poteva essere posto a carico dell'utente, ma del gestore, che aveva omesso di rispettare gli obblighi contrattuali e il precetto della buona fede nell'esecuzione del contratto.

=> Perdita occulta e malfunzionamento dell'impianto idrico interno. Il condominio deve pagare ugualmente le fatture

In conclusione, alla luce di tutto quanto innanzi esposto, è stata accolta solo la domanda per quanto attiene all'accertamento negativo del diritto alla riscossione. Invece, quanto alla domanda accessoria del risarcimento dei danni, questa è stata respinta (mancava la prova del danno subito).

TABELLA RIEPILOGATIVA

OGGETTO DELLA PRONUNCIA

Annullamento fatture da perdita occulta di acqua

RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1127 c.c. - D.P.C.M. 29.4.1999

PROBLEMA

Il consumatore aveva chiesto l'annullamento delle fatture riferite al pagamento della tariffa idrica relativa alla civile abitazione in quantovi era stata una errata contabilizzazione a causa di malfunzionamenti (perdita occulta dall'impianto idrico).

LA SOLUZIONE

Il giudice ha accolto l'istanza di accertamento negativo del credito sulla base della giurisprudenza di merito formatasi in analoghe circostanza Difatti, quando i segnali della perdita non possono essere colti dai non addetti ai lavori, il gestore che addebita ugualmente i relativi costi all'utente compie una condotta omissiva rilevante ai sensi dell'articolo 1227, secondo comma, c.c.

Di conseguenza, riscuotendo somme per consumi non effettivi, il fornitore del servizio viene meno agli obblighi contrattuali.

LA MASSIMA

"Devono essere annullate le bollette dell'acqua quando il gestore addebita all'utente consumi legati alla perdita occulta nell'appartamento. In tale situazione, il gestore viene meno a obblighi di natura contrattuale e al precetto di buona fede nell'esecuzione dello strumento negoziale sotteso alla fornitura del servizio" (Giudice di Pace di Cassino sentenza n. 4811 del 13 novembre 2018)

Sentenza inedita
Scarica Giudice di Pace di Cassino n. 4811 del 13 novembre 2018

Cerca: perdita impianto idrico

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento