Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
110381 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Panni stesi ad asciugare? Come far rimuovere lo stenditoio al vicino
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Panni stesi ad asciugare? Come far rimuovere lo stenditoio al vicino

Panni stesi ad asciugare? L'azione tesa alla rimozione dello stenditoio dev'essere considerato come negatoria servitutis

Avv. Alessandro Gallucci  

Un condomino, per facilità di descrizione del fatto lo chiamiamo Tizio, fa causa al vicino, che chiamiamo Caio, il quale abita al piano superiore. Il motivo: quest’ultimo usa uno stenditoio che aggetta sul suo terrazzo sottostante.

Posizionare i panni su quella struttura, al fine di farli asciugare, configurerebbe una servitù di stillicidio e Tizio ritiene questo fatto assolutamente illegittimo e quindi promuove un’azione giudiziaria contro Caio per ottenerne la rimozione.

Caio si difende dicendo che quella struttura era presente fin dal momento della costruzione dello stabile: in sostanza a suo modo di vedere Tizio non poteva contestare uno stato di fatto consolidato da tempo e comunque consentito dal regolamento condominiale. In primo grado questa tesi viene accolta dal Tribunale.

L’appello di Tizio ribalta l’esito del giudizio di merito: non può sussistere una servitù di stillicidio.

Da qui il ricorso per Cassazione di Caio: con uno tra i vari motivi di un articolo ricorso ” denuncia la violazione e falsa applicazione di norme di legge, sostenendo che la Corte di Appello ha fatto erronea applicazione della disposizione dettata dall'art. 908 c.c., che vieta ai proprietari degli edifici di assoggettare il fondo inferiore allo scolo delle acque, laddove la fattispecie avrebbe dovuto essere inquadrata nell'ambito dell'art. 844 c.c., relativo alle asserite ma non provate immissioni”.

Secondo la Cassazione “ il motivo è manifestamente infondato, avendo i giudici di merito correttamente qualificato come actio negatoria servitutis la domanda attrice, con la quale, come si evince dalla esposizione in fatto della vicenda processuale contenuta nella sentenza impugnata (v. pag. 2), la (…) aveva chiesto la condanna della convenuta alla eliminazione dei due stenditoi installati sulle finestre dell'appartamento sovrastante, "costituenti servitù di stillicidio a carico del proprio immobile l'azione con la quale il proprietario di una terrazza chiede la rimozione di uno stenditoio, collocato nel confinante e dificio ed aggettante sulla terrazza stessa con conseguenti immissioni (nella specie, "gocciolio di panni e creazione di ombra"), deve essere qualificata come negatoria servitutis, ai sensi dell'art. 949 c.c., implicando i fatti posti in essere dal vicino l'affermazione di un diritto di natura reale sulla terrazza, il cui esercizio per il tempo prescritto dalla legge potrebbe comportare l'acquisto per usucapione della servitù (Cass. 30-3-1989 n. 1561).

Qualora, pertanto, la parte agisca in giudizio per ottenere la rimozione degli stenditoi abusivamente apposti dai proprietari degli appartamenti sovrastanti al suo alle proprie balconate e la conseguente cessazione dello sgocciolio sul terrazzo antistante al proprio appartamento, la disciplina applicabile è quella della actio negatoria servitutis e il giudice, nell'esercizio del suo potere di qualificazione della domanda, non può inquadrare la fattispecie nella disciplina delle immissioni, la quale è fondata su presupposti di fatto diversi da quelli dedotti dall'attore (Cass. 6-12-1978 n. 5772)" (Cass. 16 agosto 2012, n. 14547).

Cerca: panni stenditoio asciugare

Commenta la notizia, interagisci...
Raffaele
Raffaele giovedì 31 marzo 2016 alle ore 19:55

Buonasera, anche noi abbiamo un problema del genere se non peggio. Noi abitiamo in una palazzina di un piano e noi siamo al piano rialzato, i signori del primo piano non fanno altro che stendere i panni ASCIUTTI che tiene per ore e ore giorni e giorni e adesso le tiene per settimane, cosi facendo mi copre la LUCE che non entra in casa. Sono anni che gli dico di non stendere la roba asciutta e non fare dispetti. Questa non fa altro che farli e oltre a questo fa un dei rumori spostando mobili a tutto andare. Volevo mandare una immagine ho visto che non si può. C'è quancuno che mi sa dire cosa fare? grazie...

Caio
Caio sabato 11 giugno 2016 alle ore 19:16

Buona sera,
purtroppo questa cattiva abitudine di appropriarsi di diritti che non si hanno, è diventata un'abitudine x molti Condomini.
Da 16 anni ho sopportato lo stendimento dei panni dai balconi nel mio cortile di proprietà esclusiva ed ora,leggendo alcune Vs: L'usucapione,diritti di chi esercita tali abusi e come comportarsi nei Loro riguardi.Spero solo di fare in tempo ,perchè da quanto letto,dovrebbero passare 20 anni, perchè Questi si approprino del diritto di usucapione.
Ho cercato in tutti questi anni la convivenza di un buon vicinato,ma Questi,l'hanno presa per cretinaggine e fanno valere solo ciò che Gli appartiene(conviene).Ho comunicato all'Amministratore di dire ai Spg: Condomini di non sciorinare i panni e di togliere gli stendi panni attaccati ai balconi.Sono trascorsi 30 giorni e non si è fatto sentire.
Per favore desidererei un Vs consiglio.
Vi ringrazio anticipatamrnte
Caio

    in evidenza

Dello stesso argomento