Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
110272 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Occupare una casa per stato di necessità non è reato
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Occupare una casa per stato di necessità non è reato

L'assoluzione dall'accusa di invasione di edificio scatta perché si configura lo stato di necessità per l'attualità del rischio di un grave danno all'integrità della persona

Avv. Maurizio Tarantino 

La vicenda . Tizia era stata citata a giudizio per rispondere del reato di cui agli artt.. 633. 639 bis c.p. e del reato di cui agli arti. 61 n.2 e 635 comma 2 c.p.

La stessa imputata riferiva di aver occupato il predetto appartamento dopo aver ricevuto uno sfratto esecutivo. Ha precisato che al momento del suo accesso, l'appartamento era libero e la porta aperta.

Quanto alle motivazioni di tale gesto ha riferito che al momento dei fatti era in preda al panico, che già all'epoca era seguita dal Cps e che doveva proteggere i propri figli che non stavano bene.

=> L'illecita occupazione di un immobile è scriminata dallo stato di necessità (gravidanza e invalidità)?

La documentazione prodotta dalla difesa confermava la condizione di estremo disagio in cui si trovava l'imputata al momento dei fatti di cui la medesima riferiva, fornendo elementi ulteriori che portarono a ritenere che tale situazione integrasse la causa di giustificazione prevista dall'art. 54 c.p.

Dalla richiamata documentazione emergeva infatti che l'imputata, con a carico due figli, all'epoca dei fatti di anni 8 e 20 (quest'ultimo disoccupato), dopo aver lavorato per un periodo come colf per 6 ore settimanali e aver abitato in un appartamento sito nello stabile di cui all'imputazione, regolarmente affittato, era rimasta priva di occupazione e non era stata più in grado di pagare i canoni di locazione, con conseguente sfratto per morosità.

Dalla medesima documentazione risultava inoltre che la donna era in cura presso il Dipartimento di Salute mentale a causa di un Disturbo Ansioso Depressivo aggravato da disturbo di personalità con tratti borderline (certificalo in atti) - diagnosticato già all'epoca dell'atto contestato.

Inoltre, anche i figli erano affetti da altre patologie (asma, epatite B, Sindrome di Beckwith-Wiedemann).

Il ragionamento del giudice. Preliminarmente, il giudice adito ha osservato che lo stato di necessità di cui al menzionalo art. 54 c.p. sussiste allorché l'agente sia stato costretto a commettere il fatto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causalo né altrimenti evitabile e sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.

Nel caso di specie, secondo il giudice, l'attualità del rischio di un danno grave all'integrità della persona era rappresentata dal pericolo per la propria incolumità al quale i figli risultavano esposti trovandosi in assenza di dimora nelle sopra descritte condizioni di salute, stante la gravità delle patologie dalle quali i suddetti risultavano affetti.

In proposito,è condivisibile la giurisprudenza secondo la quale "in tema di stato di necessità, sussistono tutti i requisiti previsti dall'art. 54 c.p., nei confronti di chi ammalato gravemente, privo di casa e dì risorse economiche occupi, nella stagione invernale, un appartamento disabitato per salvare se stessa e i figli da un grave danno alla salute" (Cass. pen. Sez. 2. Sentenza n. 7756 del 07 04 1972.).

=> Sgombero di occupazione abusiva, attenzione ai minori

In conclusione , il fatto è stato considerato non punibile in quanto commesso in presenza dì una causa di giustificazione.

TABELLA RIEPILOGATIVA

OGGETTO DELLA PRONUNCIA

OCCUPAZIONE IMMOBILE

RIFERIMENTI NORMATIVI

54 C.P.

PROBLEMA

Una donna perde il lavoro e l'alloggio nel fabbricato poichè non può più pagare l'affitto. Con i figli malati, decide dunque di entrare inun altro appartamento dello stesso stabile.

LA SOLUZIONE

Secondo il Tribunale, lo stato di necessità di cui al menzionalo art- 54 c.p. sussiste allorché l'agente sia stato costretto a commettere il fatto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causalo né altrimenti evitabile e sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.

LA MASSIMA

Deve essere assolta la mamma sfrattata che occupa la casa popolare perché il figlio è malato. In tale situazione il fatto non costituisce reato in quanto sussiste lo stato di necessità per l'attualità del rischio di un danno grave all'integrità della persona, in quanto i figli minori risultava affetti da malattie. Tribunale di Milano, Sezione X Penale, 10 gennaio 2019 n. 13466

Cerca: occupazione immobile

Commenta la notizia, interagisci...
Pietrantonio Storelli
Pietrantonio Storelli giovedì 29 agosto 2019 alle ore 16:12

Sicuramente non di proprietà di quella categoria politicizzata di giudici che considerano la proprietà propria sacra ed intoccabile, mentre terra di conquista quella di chi, dopo anni di sacrifici e duro lavoro, è riuscito a crearsi una casa ma non fa parte di quella congrega.
VERGOGNA.

GAETANO BIZJAK
GAETANO BIZJAK sabato 31 agosto 2019 alle ore 17:48

non si capisce bene ma era una casa popolare vuota?
la costituzione cosa dice in merito alla proprietà privata

Pietrantonio Storelli
Pietrantonio Storelli sabato 31 agosto 2019 alle ore 22:33

Cosa vuol dire se era una casa popolare vuota?, cosa vuol dire cosa dice la costituzione in merito alla proprietà privata?. Ma stiamo scherzando?. Ma quale diritto ha chiunque di entrare in una casa che non sia di sua proprietà?, ma esiste ancora il diritto alla proprietà privata o chiunque può appropriarsene quando e come vuole. Ma stiamo scherzando?.

    in evidenza

Dello stesso argomento


La giurisprudenza romana: stop alla COSAP

La giurisprudenza romana: stop alla COSAP. Molti edifici condominiali presentano delle griglie o grigliature, materialmente insistenti sul marciapiede o sul sedime stradale, ma appartenenti al Condominio