Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
109533 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Contatori di sottrazione solo in alcuni immobili: legittimo l'addebito dei costi in base ai consumi effettivi
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Contatori di sottrazione solo in alcuni immobili: legittimo l'addebito dei costi in base ai consumi effettivi

Obbligatoria per legge l'installazione dei contatori differenziati

Dott.ssa Marta Jerovante  

Il fatto Una società, proprietaria di una unità immobiliare condominiale, cita in giudizio il Condominio, contestando la validità di una delibera assembleare relativamente alla contabilizzazione dei propri consumi di acqua potabile, e censurando la legittimità dell'installazione di un contatore di sottrazione presso il proprio immobile: l'attrice lamenta che in due sole unità - tra cui appunto la propria - si è proceduto ad installare i contatori individuali, e che la ripartizione sulla base dei consumi effettivi e misurati possa avvenire soltanto nell'ipotesi in cui tutte le unità condominiali dispongano di un contatore di sottrazione. Diversamente, il solo riparto possibile è per millesimi.

=> Vi siete mai chiesti come si ripartisce la bolletta dell'acqua quando mancano i contatori individuali?

=> Se non paghi le quote condominiali per oltre due annualità, il condominio ti chiude l'acqua

Obbligatoria per legge l'installazione dei contatori differenziati. Il Tribunale di Milano (sentenza del 6 febbraio 2018, n. 1280) ha in primo luogo rammentato come la misurazione dei consumi idrici sia imposta dalla legislazione vigente: alle Regioni è infatti affidato il compito di adottare «norme e misure volte a razionalizzare i consumi e eliminare gli sprechi», tra quali, in particolare l'installazione di contatori per il consumo dell'acqua in ogni singola unità abitativa nonché di contatori differenziati per le attività produttive e del settore terziario esercitate nel contesto urbano (art. 146, d.lgs. 152/2006 del 3 aprile 2006-Testo Unico in materia ambientale.

Al riguardo si segnala invero una certa disomogeneità nelle legislazioni regionali, nelle quali si passa dal richiamo alla necessità di installare contatori per singola unità abitativa - cui solo in alcuni casi fa seguito la previsione di una disciplina specifica -, al mero rinvio a provvedimenti successivi.

Peraltro il legislatore regionale, in alcuni casi, ha optato per l'adozione di un regolamento ad hoc, in altri casi si è limitato ad integrare la disciplina in articoli di altre disposizioni).

Dalle citate previsioni discende dunque la legittimità, anzi l'obbligatorietà dell'installazione del contatore, da chiunque effettuata, con conseguente addebito dei costi in base ai consumi effettivi rilevati; non occorre pertanto alcuna delibera assembleare autorizzativa della predetta installazione.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Cerca: installazione dei contatori differenziati

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento