Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
112188 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Contatori intelligenti, bolletta smart e rivoluzione delle tariffe energetiche. Ecco tutti i vantaggi.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Contatori intelligenti, bolletta smart e rivoluzione delle tariffe energetiche. Ecco tutti i vantaggi.

In arrivo grandi novità nel settore dell'energia elettrica.

 

Le famiglie numerose potrebbero risparmiare fino a 600 euro l'anno.

I contatori di ultima generazione. L'Italia può vantare un primato importante nello sviluppo di reti elettriche intelligenti. Infatti, Enel è stata la prima azienda al mondo a installare, nel 2001, i nuovi contatori elettronici presso tutti i propri clienti, anticipando di ben cinque anni il recepimento della direttiva UE del 2006 circa "gli usi finali di energia, l'efficienza e i servizi energetici".

Enel è stata ulteriormente lungimirante rispetto all'imposizione, nel 2009, da parte della Commissione Europea agli Stati membri dell'elaborazione di piani nazionali per l'installazione dei nuovi contatori.

L'azienda, compiendo l'innovazione successiva, ha messo a punto il progetto Meters and More, presentato lo scorso 18 febbraio, che consentirà sia il trasferimento e lo scambio bidirezionale di dati tra contatori "intelligenti" e sistemi centrali di gestione sia la definizione di uno standard paneuropeo per gli Smarts Meters, ancora inesistente.

Benefici economici e ambientali dei contatori intelligenti. Maggiore efficienza di rete e migliore operatività dei distributori di energia sono le caratteristiche dei contatori intelligenti che rendono possibile un maggior risparmio energetico.

Essi, inoltre, condurranno alla realizzazione delle Smart Grids, cioè le reti elettriche intelligenti con il compito di rivoluzionare la distribuzione e gestione dell'energia elettrica nonché il sistema di generazione.

In questo modo, molti impianti a fonti rinnovabili presenti sul territorio potranno essere connessi in rete. E a beneficiarne, oltre che la tasca dei clienti, sarà anche l'ambiente.

L'Italia, modello per gli altri Paesi europei ed extraeuropei. L'Enel rappresenta un modello per gli altri Paesi europei, che stanno seguendo il suo esempio. Difatti, mentre la Svezia ha completato nel giugno 2009 l'installazione dei nuovi contatori elettronici presso tutte le utenze, Norvegia, Irlanda, Paesi Bassi, Francia e Spagna hanno anch'esse avviato programmi di sostituzione. Li hanno, poi, annunciati Portogallo e Malta, Gran Bretagna e Finlandia.

Come se non bastasse, si aggiungano anche Stati Uniti, India e Cina tanto che un recente studio di ABI Research ha indicato la triplicazione del numero di contatori intelligenti nel mondo nei prossimi quattro anni.

Maggiore consapevolezza per i consumatori. I vantaggi di un contatore elettronico sono numerosi. Innanzitutto, il cliente, avendo una maggiore consapevolezza del consumo effettuato, è in grado di scegliere la tariffa più conveniente alle proprie esigenze.

Infatti, attraverso il display del contatore elettronico è possibile visualizzare una serie di informazioni relative all'energia elettrica consumata e avere un controllo diretto della propria fornitura e dei propri consumi.

Ad esempio, il valore della potenza assorbita (kW) è aggiornata automaticamente ogni due minuti.

Inoltre, grazie al contatore elettronico, l'azienda elettrica può effettuare da remoto operazioni di modifica contrattuale, come attivazioni o cessazioni, senza l'intervento dell'operatore.

La nuova bolletta 2.0. Ad accompagnare questa innovazione, dalle prossime settimane un'altra novità importante sarà rappresentata dalla bolletta 2.0, sul modello delle bollette in vigore negli Stati Uniti.

Si tratterà di una bolletta su un foglio unico, in formato A4, con voci chiare e semplici per tutti, che andrà a sostituire le otto facciate che attualmente riceve ogni cittadino.

Un passo importante verso la trasparenza, che consentirà agli utenti di confrontare i servizi offerti da fornitori diversi e potersi tutelare meglio.

Addio alla tariffa progressiva. L'Authority per l'energia è già al lavoro, con un documento di consultazione (www.autorita.energia.it), ha avviato un progetto volto alla modifica delle tariffe elettriche al fine di eliminare il principio delle progressività.

L'ipotesi più suffragata sarebbe la realizzazione di uno schema che prevede tariffe di rete uniformi per tutti e non più progressive.

Tale nuovo sistema, secondo alcune proiezioni, avvantaggerebbero i clienti che durante l'anno consumano fino a 6000 kWh l'anno (per esempio le famiglie numerose) o chi si vorrà utilizzare le pompe di calore.

Di contro saranno penalizzati i nuclei familiari piccoli o i single, ovvero tutti coloro che non consumano oltre i 1.500 kWh. Ovviamente sarà l'Authority ad individuare la soluzione più equa per tutti.

La riforma proposta dall'Autorità, non vedrà la luce prima del 2018. L'implementazione del nuovo sistema prevede un percorso graduale, che si svilupperà nell'arco di due anni e che consentirà di introdurre la nuova struttura tariffaria a regime non prima del 1 gennaio 2018.

L'ENEL non può ritenersi responsabile del black-out

Cerca: contatori enel

Commenta la notizia, interagisci...
Salvatore
Salvatore venerdì 30 marzo 2018 alle ore 19:48

Come al solito i single saranno penalizzati. ...

    in evidenza

Dello stesso argomento