Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
111844 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
L'amministratore non commette alcuno spoglio di proprietà se fa ridisegnare le strisce del parcheggio.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

L'amministratore non commette alcuno spoglio di proprietà se fa ridisegnare le strisce del parcheggio.

Non commette spoglio del possesso l'amministratore che, sollecitato dai condomini o sulla base di una deliberazione assembleare, dispone la ritinteggiatura delle strisce per il parcheggio delle auto

Avv. Alessandro Gallucci  

I condomini della compagine Alfa, riuniti in assemblea, incaricano l’amministratore di procedere al rifacimento delle strisce di delimitazione dei posti auto, sostanzialmente sbiadite.

Per la ritinteggiatura il mandatario da incarico al portiere dello stabile: quest’ultimo agisce sulla base di una planimetria che riproduceva le strisce in modo difforme da quelle preesistenti.

La piantina non era stata consegnata al portiere dall’amministratore ma da uno dei condomini: il legale rappresentante della compagine, quindi, non era a conoscenza delle difformità.

Uno dei condomini, avvedutosi di tale difformità dei nuovi posti auto rispetto a quelli precedenti, decideva quindi di citare in giudizio l’amministratore condominiale accusandolo di spoglio della proprietà.

Questa la vicenda che ha portato alla sentenza n. 23538 dello scorso 10 novembre. La pronuncia ha escluso che l’amministratore avesse agito con l’animus spoliandi necessario per agire contro una persona con l’azione di reintegrazione ex art. 1168 c.c.

Dicono gli ermellini che “ secondo gli accertamenti di fatto compiuti dai Giudici nell'ambito dell'indagine ai medesimi riservata, è emerso che i condomini avevano dato informalmente incarico all'amministratore semplicemente di ridisegnare la strisce delimitanti i posti macchina, perchè sbiadite: dunque, i Giudici hanno escluso che l'amministratore avesse agito, ai sensi dell'art. 1130 c.c., n. 1, in esecuzione di una delibera emessa dall'assemblea nell'esercizio delle attribuzioni ad essa conferite, avendo piuttosto ritenuto che i condomini sollecitarono informalmente i poteri al medesimo spettanti ex art. 1130 c.c., n. 2), atteso che non si trattava di stabilire o modificare i posti auto a suo tempo assegnati quanto come detto di ripitturare la strisce già esistenti, in quanto sbiadite.

E i Giudici hanno chiarito come il (…), essendosi limitato a dare il relativo incarico al portiere, era del tutto ignaro che le strisce erano state apposte in difformità da quelli preesistenti, posto che ciò avvenne per l'iniziativa del condomino (…) che ebbe a consegnare direttamente al portiere (e non all’amministratore n.d.A.) la planimetria sulla base della quale vennero poi ridipinte le strisce di delimitazione dei posti auto.

Orbene, sulla base degli accertamenti compiuti, la sentenza ha correttamente escluso la sussistenza dell'animus spoliandi nell'amministratore, atteso che in tema di azione di reintegrazione del possesso a seguito di spoglio, l'animus spoliandi postula la consapevolezza nell'autore dello spoglio di acquisire la cosa contro la volontà espressa o tacita del possessore)” (Cass. 10 novembre 2011 n. 23538).

In definitiva: non commette spoglio del possesso l’amministratore che, sollecitato dai condomini o sulla base di una deliberazione assembleare, dispone la ritinteggiatura delle strisce per il parcheggio delle auto e questa, poi, viene eseguita difformemente dalla situazione di fatto e di diritto preesistente.

Al massimo, aggiungiamo noi, potrebbe essere considerato responsabile per non aver vigilato adeguatamente. L’onere della prova, in tal caso, graverebbe comunque su chi lo accusa.

Cerca: strisce spoglio amministratore

Commenta la notizia, interagisci...
Simonetta
Simonetta 20-09-2020 22:48:16

Buonasera Avv. Gallucci, abito in un complesso di 5 palazzi e la nostra amministratrice era al corrente che i condomini della prima palazzina a spese loro (non sappiamo se è vero) hanno ritinteggiato le strisce dei posti auto, davanti al loro portone, ma in comune con tutti e 5 i palazzi, da bianche in gialle. I condomini degli altri 4 palazzi non sono stati messi al corrente di questa operazione. Inoltre, sempre dietro richiesta della prima palazzina, ha provveduto ad affiggere sui muri, del parcheggio retrostante le "P" fin dove hanno deciso loro di ritenerlo opportuno e sempre sulla prima palazzina, hanno fatto affiggere affianco ai locali il divieto di parcheggio. Per gli altri 4 palazzi non c'è mai nulla, noi paghiamo soltanto, nonostante l'amministratrice sia stata invitata a farlo per tutti, ma dopo quasi un anno, nulla. Vorrei sapere se tutto questo è legale o se avrebbe dovuto fare un'assemblea quanto meno con i capi scala di tutti i palazzi. Grazie

rispondi
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento


Affittare il posto auto condominiale

Affittare il posto auto condominiale. La legge Tognoli, all’art. 9 n. 122/89, volendo sostenere gli interventi di ampliamento dei condomini, quali la costruzione a piano terra o nei sotterranei di parcheggi,