Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
110538 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Superbonus 110%, l'Agenzia delle Entrate rilascia la guida operativa
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Superbonus 110%, l'Agenzia delle Entrate rilascia la guida operativa

L'Agenzia delle Entrate specifica quali interventi possono usufruire del superbonus 110%

Redazione Condominioweb  

Nella giornata di ieri l'Agenzia delle Entrate ha rilasciato la Guida operativa per il così detto Superbonus 110%.

In un primo momento si era creduto che l'Agenzia avesse emanato l'atteso provvedimento su sconto in fattura e cessione del credito, ma non è così.

Come ricorda la stessa Agenzia dell'introduzione della Guida il decreto Rilancio ha incrementato al 110% l'aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Una misura che dovrebbe funzionare da leva per il rilancio del settore edilizio e da forte incentivo per l'efficientamento energetico del patrimonio immobiliare destinato a uso abitativo.

Superbonus e colonnine elettriche nei condomini

Nella guida rilasciata nella giornata di ieri l'Agenzia ha messo in evidenza:

1. in che cosa consiste l'agevolazione e la sua cumulabilità con altre;

2. chi può usufruirne;

3. quali sono gli interventi agevolabili, con la chiara indicazione della distinzione tra interventi trainanti e trainati;

4. le alternative alla detrazione (cessione del credito e sconto in fattura);

5. i controlli dell'Agenzia;

6. gli adempimenti di tipo amministrativo e tecnico cui bisogna far fronte per ottenere il beneficio in esame (asseverazione, ecc.).

Operatività del superbonus 110%

In teoria il superbonus 110% è già operativo dall'1 luglio e può essere usufruito con una detrazione della spesa effettuata da utilizzarsi in cinque anni e con rate di pari importo.

Di fatto in tanti, tantissimi, attendono l'emanazione di due provvedimenti, per i più fondamentali, ai fini del godimento del beneficio.

Il riferimento è ai requisiti degli interventi ammessi al superbonus unitamente ai costi massimi di riferimento e al provvedimento su sconto in fattura e cessione del credito.

Rispetto al primo, spiega la Guida, nelle more dell'adozione del decreto da parte del Ministero dello Sviluppo economico (MISE), continuano ad applicarsi i decreti 19 febbraio 2007 e 11 marzo 2008 (cfr. comma 3- ter articolo 14 del decreto-legge n. 63 del 2013).

Come dire: chi volesse far partire subito i lavori saprebbe già quali interventi far eseguire per poter ottenere la detrazione del 110%.

Attestato prestazione energetica, asseverazione e superbonus 110%

Ricordiamo che per la fruizione del beneficio, indipendentemente dal fatto che si opti per la detrazione "classica" ovvero per lo sconto in fattura o cessione del credito, è necessario che:

- il miglioramento di prestazione energetica sia di almeno due classi, raggiungibile anche grazie alla combinazione di interventi trainanti e trainati;

- un tecnico abilitato attesti ciò mediante A.P.E. nella forma della dichiarazione asseverata (anche per la forma dell'asseverazione e le modalità di trasmissione della medesima si è in attesa di un decreto attuativo del MISE).

Cessione del credito e sconto in fattura, lo stato dell'arte

L'art. 121 del decreto Rilancio consente ai soggetti che sostengono, negli anni 2020 e 2021, spese per gli interventi in esame di optare, in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione spettante, alternativamente:

- per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, di importo massimo non superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati. Qui lo sconto può arrivare al 100%. E' il fornitore che ne beneficerà nella misura del 110%;

- per la cessione di un credito d'imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successive cessioni. Qui si tratta direttamente della cessione della detrazione in misura pari al 110%.

Per le modalità concrete di fruizione di queste forme di agevolazione si è in attesa del famigerato provvedimento dell'Agenzia delle Entrate.

Bonus 110%, esempio pratico calcolo

Il meccanismo è già noto per il bonus al 65, 75 e 85%. Resterà da capire quanto le banche e gli intermediari finanziari agevoleranno il ricorso a questa modalità - che in teoria consentirebbe i famosi lavori gratis - ed a che costo.

Superbonus, detrazione, cessione del credito e sconto in fattura

Guida Superbonus110

Cerca: superbonus guida agenzia delle entrate

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento