Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
120880 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Detrazioni irpef in condomini senza amministratore

La presenza dell'amministratore è necessaria per godere dei benefici fiscali?
Avv. Alessandro Gallucci Avv. Alessandro Gallucci 

Che si tratti di detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia nella misura del 50% della spesa, di interventi di efficientamento energetico e riduzione del rischio sismico rientranti, o meno nel superbonus, la domanda che ci spesso si pone è la seguente: come fare per godere delle detrazioni se non c'è l'amministratore?

Partiamo dal dato certo: l'assenza di amministratore condominiale non è preclusiva del godimento delle detrazioni.

Si badi: sulla scorta di quella che è la legislazione attualmente in vigore e la sua interpretazione da parte dell'Agenzia delle Entrate non v'è differenza se l'amministratore è assente in contesti nei quali la nomina non è obbligatoria ovvero lo è.

Precisiamo meglio: più che non esserci differenza, l'AdE non ha mai detto che l'assenza in contesti di obbligatorietà di nomina è preclusiva per i condòmini del godimento delle agevolazioni.

Superbonus 110% e la circolare dell'Agenzia delle Entrate, cosa dice?

In effetti le norme non specificano nulla al riguardo.

Altro aspetto da tenere in considerazioni: spesso l'Agenzia fa riferimento ai condòmini minimi per individuare tutti quei condòmini nei quali non c'è obbligo di nomina.

Com'è noto "nell'accezione condominialistica" del termine, il condominio minimo è quello che si compone di due sole unità immobiliari: anche sull'argomento tale individuazione da parte dell'ente è ai nostri fini indifferente.

Entriamo nel dettaglio affrontando il quesito del nostro lettore.

Detrazioni IRPEF in condomini senza amministratore, il quesito

Nel condominio al quale partecipo siamo sette diversi proprietari. Lo scorso anno, dopo l'entrata in vigore della riforma del condominio, abbiamo deciso di revocare l'amministratore e autogestirci.

Adesso si è palesata la necessità di eseguire una serie d'interventi manutentivi; siccome siamo tutti lavoratori nessuno ha il tempo di "star dietro" alla pratica, allora ho proposto di nominare nuovamente un amministratore che segua solamente i lavori.

Per ottenere il risarcimento occorre la prova del danno conseguente alla mancata detrazione Irpef

La riposta dei miei vicini non lascia molte speranze: "Già stiamo spendendo così tanto di lavori, perché quest'altro costo?" Io però mi sono chiesto: al di là del costo, senza amministratore noi rischiamo di perdere le detrazioni irpef per i lavori di ristrutturazione?

No, la nostra risposta è che la presenza dell'amministratore non è necessaria per godere dei benefici fiscali, ma è comunque indispensabile porre in essere determinati adempimenti; vediamo quali.

Come fare per godere del beneficio della detrazione fiscale per i lavori di ristrutturazione delle parti comuni nella misura del 50% della spesa sostenuta (valevole fino al 31 dicembre 2014, ma che secondo fonti giornalistiche verrà prorogata anche a tutto il 2015, così come previsto dall'art. 16-bis del Testo unico delle imposte sui redditi, ovvero il d.p.r. 22 dicembre 1986 n. 917) nei condomini senza amministratore?

Detrazioni IRPEF in condomini senza amministratore, le norme

L'Agenzia delle entrate, già nel 1998 - con una propria circolare - ebbe modo di specificare che in quella compagine in cui - non correndo l'obbligo - non era stato nominato un amministratore, i condomini che volevano godere dei benefici fiscali di cui stiamo trattando dovevano:

a) richiedere il codice fiscale della compagine (sempre obbligatorio ai sensi del d.p.r. n. 605 del 1973);

b) eseguire tutti gli adempimenti previsti dalla legge a nome del condominio stesso.

Oltre a questi adempimenti, diceva l'Agenzia delle Entrate i bonifici dovevano essere effettuati indicando, oltre al codice fiscale del condominio, anche quello del condomino che effettuava il pagamento (circolare n. 57/E del 1998).

A questo punto, come si suole dire, la domanda sorge spontanea: se spetta ad un condomino effettuare i versamenti, egli potrà farlo dal proprio conto corrente o dovrà aprirne uno intestato al condominio?

Sempre l'agenzia delle entrate, con una circolare del maggio 2014 ha chiarito il versamento "può avvenire tramite conto corrente bancario o postale intestato a uno dei condòmini, a tal fine delegato dagli altri, o tramite conto appositamente istituito".

Anche in questo caso, dicono dall'agenzia, "la detrazione spetta in ragione delle spese effettivamente sostenute da ciascuno" (circolare n. 11/E del 21 maggio 2014).

Sebbene la soglia numerica di condomini oltre la quale la nomina diviene obbligatoria sia aumentata (da cinque a nove), l'intero impianto resta immutato. In buona sostanza nei condomini senza amministratore spetta ad uno dei condomini assumersi il compito di richiedere il codice fiscale e di pagare la ditta a mezzo bonifico tramite il proprio conto o tramite un conto dedicato al condominio, certificazione alla fine l'importo versato da ciascun condomino, cosicché questi possano usufruire delle detrazioni fiscali nella misura di legge.

Superbonus IRPEF in condomini senza amministratore

Quanto al superbonus la situazione non è differente.

Al riguardo è stata la stessa Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 24/E del'8 agosto 2020 ad affermare che "al fine di beneficiare del Superbonus per i lavori realizzati sulle parti comuni, i condomìni che, non avendone l'obbligo, non abbiano nominato un amministratore non sono tenuti a richiedere il codice fiscale. In tali casi, ai fini della fruizione del beneficio, può essere utilizzato il codice fiscale del condomino che ha effettuato i connessi adempimenti. Il contribuente è comunque tenuto a dimostrare che gli interventi sono stati effettuati su parti comuni dell'edificio".

Non solo: nel provvedimento Prot. n. 283847 reso sempre l'8 agosto 2020 in relazione alla Comunicazione inerente a sconto in fattura e cessione del credito, il Direttore dell'Agenzia ha espressamente specificato che tale adempimento è posto in essere da uno dei condòmini a tal fine incaricato.

Superbonus in condominio e tetti massimi di spesa: la Risoluzione n. 60/2020

Cerca: amministratore detrazioni fiscali

Commenta la notizia, interagisci...
Danielabi
Danielabi 11-07-2021 09:56:04

Buongiorno, vorrei far notare che la circolare 3/2016 di AdE, al punto 1.7 stabilisce, contraddicendo quanto sostenuto sino a quel momento, che non sia d'obbligo chiedere l'attribuzione del codice fiscale per il condomìnio minimo, per gli interventi edilizi e per gli interventi di riqualificazione energetica, a condizione che i pagamenti siano effettuati con il bonifico cosiddetto "parlante". Sono anch'io dell'idea che anche i condomìni minimi debbano chiedere (sempre) l'attribuzione del codice fiscale in quanto sostituti d'imposta, ma si deve prendere atto che AdE, nel solo caso degli interventi che danno diritto a detrazioni, ritiene non sia necessario.

rispondi
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento