Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
113362 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Mancata custodia e infiltrazioni in condominio. Il proprietario è responsabile salvo il caso fortuito.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Mancata custodia e infiltrazioni in condominio. Il proprietario è responsabile salvo il caso fortuito.

In tema di infiltrazioni, la responsabilità “per mancata custodia” è esclusa solo dal caso fortuito

Avv. Giuseppe Nuzzo  

In tema di infiltrazioni, la responsabilità “per mancata custodia” è esclusa solo dal caso fortuito, che può essere rappresentato, con effetto liberatorio totale o parziale, anche dal fatto del soggetto danneggiato, avente impulso causale autonomo e carattere di imprevedibilità e di assoluta eccezionalità. Questo il principio di diritto richiamato dal Tribunale di Lecce nella sentenza n. 452 del 1° febbraio 2017.

Infiltrazioni facciata condominiale. Chi paga i danni?

Come noto, l'art. 2051 c.c. dispone che “Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito”.

“Custode”, ai fini della disposizione in esame, è colui che ha il potere di vigilanza e di controllo sulla cosa, e tale potere può essere di diritto ma anche solo di fatto. L'ipotesi contemplata dalla norma sussiste quando la cosa produca da sola un danno. Diverso è il caso in cui il danno deriva dall'opera dall'uomo. In tale frangente si applica la generale previsione di cui all'art. 2043 c.c.

Come sottolineato dal giudice salentino nella sentenza in commento, la responsabilità prevista dall'art. 2051 c.c. ha carattere oggettivo e, perché possa configurarsi in concreto, è sufficiente che sussista il nesso causale tra la cosa in custodia ed il danno arrecato.

Danni da infiltrazioni. No al lucro cessante per l'immobile già in pessimo stato di manutenzione.

A tal proposito,non rileva la condotta del custode e l'osservanza o meno di un obbligo di vigilanza (Cass. civ. n. 4476/2011; n. 8229/2010; n. 26086/2005). Non a caso – sottolinea il Tribunale di Lecce – la dottrina parla di “rischio di custodia” più che di “colpa nella custodia”.

Mi piove dal tetto a causa della mia riparazione, il condominio non rimborsa!

Il caso – Il proprietario di un immobile sito al quinto piano citava in giudizio il proprietario dell'appartamento sovrastante, per sentirlo dichiarare responsabile per i danni da infiltrazioni cagionati al suo immobile.

Secondo l'attore, in particolare, a causa della rottura dell'impianto termico di pertinenza dell'appartamento del convenuto, copiose infiltrazioni d'acqua avevano provocato danni al suo immobile (alle superfici murarie, agli infissi ed all'impianto elettrico), tant'è che lo stesso aveva proposto innanzi al tribunale procedimento ex art. 696 bis c.p.c. per consulenza tecnica preventiva.Chiedeva dunque la condanna del convenuto al risarcimento dei danni, come quantificati dal CTU in sede di consulenza tecnica preventiva.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Tribunale di Lecce - Sentenza n. 452 del 1 febbraio 2017

Cerca: infiltrazioni responsabilità caso fortuito

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento