Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109835 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Come impedire che un appartamento in condominio venga utilizzato come casa di prostituzione
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Come impedire che un appartamento in condominio venga utilizzato come casa di prostituzione

Impedire la prostituzione in un appartamento condominiale

Avv. Alessandro Gallucci 

In casa propria ognuno fa che vuole! Non sempre è così. I troppi rumori possono portare da una condanna ed al risarcimento del danno, le alterazioni del decoro da una condanna alla remissione in pristino, e così via. E la prostituzione?

Si può evitare che uno dei condomini (uomo o donna è del tutto indifferente) si prostituisca nella propria abitazione? Si badi, parliamo soprattutto con riferimento al condomino, e non al conduttore perché in questo caso il discorso è più complicato.

In sostanza se il proprietario sa che l’inquilino si prostituisce come minimo potrebbe andare in contro a verifiche per comprendere se ha favorito o meno quest’attività; è noto infatti che il favoreggiamento, e non la prostituzione in sé, è reato.

Senza nessuna norma regolamentare, se l’attività si svolge nella massima discrezione, nessuno può dir nulla.

Niente schiamazzi, niente alterchi, niente sporcizia? Allora non si può far nulla; ma anche se ci fossero questi inconvenienti, sarebbero essi e non la prostituzione in sé ad essere sanzionati. Come dire: fate con più attenzione!

Ed allora? Tutto dipende dal regolamento condominiale contrattuale. In tal senso non vi sono dubbi, in dottrina e giurisprudenza, che " in materia di condominio negli edifici, l'autonomia privata consente alle parti di stipulare convenzioni che limitano il diritto dominicale di tutti o alcuni dei condomini sulle parti di loro esclusiva proprietà, nell'interesse di tutto il condominio o di una sua parte, e che vietano, in particolare, a tutti o ad alcuni dei condomini di dare alle singole unità immobiliari una o più destinazioni possibili, ovvero li obbligano a preservarne le originarie destinazioni per l'utilità generale dell'intero edificio, o di una sua parte" (Cass. 19 ottobre 1998 n. 10335). In che modo si può ottenere questo risultato? In due modi:

“1) elencando le attività non consentite (es. divieto di destinare gli appartamenti ad uffici);

2) riferendosi ai pregiudizi da evitare (es. divieto di destinazione ad attività che possano turbare la tranquillità, o ledere il decoro dell'edificio)” (Matteo Ceolin, Regolamenti di condominio e vincoli di destinazione, anche alla luce del nuovo art. 2645- ter c.c., Riv. notariato , 2009, 04, 873).

Tradotto in soldoni: il regolamento contrattuale può vietare tanto l’attività di prostituzione in sé e per sé, quanto tutte quelle attività che disturbino il riposo, la tranquillità il decoro e la sicurezza dell’edificio.

Nel primo caso il solo esercizio dell’attività di meretricio può essere impedito, al di là dell’effettivo pregiudizio provocato: siccome il regolamento la vieta non è possibile continuare.

E chi vuole ottenere la cessazione dell’illecito deve dimostrare solamente che in una casa c’è chi esercita la prostituzione. Null’altro.

Optando per la seconda scelta, invece, non conta l’attività in sé quanto, piuttosto, il pregiudizio recato ai condomini.

In questo contesto, quindi, la prostituzione esercitata con discrezione sarebbe lecita.

Cerca: prostituzione appartamento venga

Commenta la notizia, interagisci...
Enrico
Enrico venerdì 28 luglio 2017 alle ore 21:38

Questo è un problema che ho vissuto in prima persona nel condominio dove abito e vi racconto come ho risolto il problema in 3 giorni.
Abito in una palazzina composta da 5 appartamenti uno dei quali è stato affittato ad una ragazza orientale. Il primo giorno sembrava tutto tranquillo ma dal secondo giorno ho notato un continuo via vai di uomini e da qui ho iniziato ad insospettirmi.
Dopo aver effettuato un'attenta ricerca in vari siti sono risalito ad un profilo che poteva essere quello dell'inquilina dell'appartamento del mio condominio così ho pensato di fargli suonare il telefono un paio di volte per capire se effettivamente era quello che pensavo.
Pur troppo era proprio così il telefonino suonava nell'appartamento giusto!!!
A questo punto decisi di recarmi subito dai carabinieri per denunciare quanto avevo scoperto e che mi dava fastidio ottenendo questa risposta:
- come fa lei a dire che è una prostituta?
- ho ricercato il numero nei siti e una volta recuperato il numero di telefonino glie l'ho fatto squillare un paio di volte per assicurarmi che si trattasse dell'inquilina sopra casa mia
-haaa ho capito.... ma lo sa che a casa sua uno può fare quello che vuole
- anche no!!!!! se ci pensate voi entro 3 giorni a toglierla bene altrimenti ci penso IO.
Dopo 3 giorni il via vai è aumentato e a questo punto sono intervenuto così:
ho avvisato i vicini che probabilmente per un paio di giorni i telefonini avrebbero avuto difficoltà di ricezione in quanto ho installato un jammer sul soffitto della mia camera in corrispondenza del suo appartamento e poi al costo di 10 Euro mi sono iscritto nei 2 siti dove lei pubblicava gli annunci e sotto al suo annuncio il mio con scritto:
ATTENZIONE che la ragazza orientale che riceve a XXXX è in zona pericolosa in quanto rompono le auto e bucano le gomme....
Dopo 4 giorni se nè andata con tutte le sue valige....

Rita
Rita lunedì 14 gennaio 2019 alle ore 10:41

Ma questo può funzionare in un città...Io vivo lo stesso problema il commercialista del mio condominio ha affittato la casa due prostituta orientale lui dice che non sapeva che hanno regolare contratto di affitto e non può cacciare .... solo che la mia è una cittadina tranquilla dove è difficile che spaccano le gomme e le auto.
Potrei provarci giocando sulla peggiore paura degli uomini che vanno a trovarle...

Otty
Otty mercoledì 11 settembre 2019 alle ore 18:11

Buongiorno.la sera trovavo miei animali imPauriti e macchie ambigue. ho scoperto che il mio appartamento, quando sono al lavoro, viene usato x fare sesso con prostitute. Con l appoggio del vicinato, che è sicuramente pagato.sembra che leforze della ordine,non interessa.... Equi mi fermo. In questa sede, devo. Cosa posso fare per far finire questo schifo?
Ovviamente anche l amministratore farà finta di niente.
c'è qualcuno che mi può dare un consiglio x piacere?

    in evidenza

Dello stesso argomento