Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
109533 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
È legittimo sospendere il pagamento dei canoni d'affitto se il proprietario si rifiuta di riparare la caldaia?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

È legittimo sospendere il pagamento dei canoni d'affitto se il proprietario si rifiuta di riparare la caldaia?

Il conduttore non può ridursi il canone di locazione nel caso in cui si verifichi una riduzione o una diminuzione del godimento del bene locato

Avv. Giuseppe Nuzzo  

Il Tribunale di Ascoli Piceno, con sentenza n. 57 dell'11 febbraio 2014, segnalata dagli Avv.ti Sergio De Santis e Sarah Medori, ha condannato l'inquilino che si era autosospeso il versamento dei canoni di locazione a fronte della mancata riparazione, da parte del locatore, della caldaia difettosa, con conseguente impossibilità di poter usufruire di riscaldamento e acqua calda.

Il giudice ascolano ha stabilito che il conduttore non può unilateralmente sospendere il versamento del canone, ovvero ridurlo, nel caso in cui si verifichi una riduzione o una diminuzione del godimento del bene locato, quand'anche tale evento sia ricollegabile al fatto del locatore. (Leggi anche: Cedolare secca. Il conduttore può "autoridursi il canone"?)

Nel respingere l'opposizione allo sfratto proposta dall'inquilino moroso, il Tribunale ricorda che la sospensione dell'adempimento della prestazione (pagamento del canone) è legittima solo quando manca del tutto la controprestazione da parte del locatore (consegna della cosa), determinando altrimenti uno squilibrio tra le prestazioni delle parti, contrario al principio di buona fede.

La mancata riparazione della caldaia e gli eventuali danni conseguenti (muffa e umidità), dunque, non possono comunque essere eccepiti dal conduttore al fine di paralizzare l'intimazione di sfratto per morosità.

Il fatto - Il conduttore si opponeva allo sfratto eccependo di non aver pagato i canoni in quanto il locatore, a sua volta, non aveva provveduto alla riparazione della caldaia dell'immobile locato. Sosteneva, altresì, che il proprietario aveva già riscosso i soldi della fideiussore e che, quindi, non sussisteva alcuna morosità.

Disposto il mutamento di rito, si costituiva in giudizio il proprietario insistendo per lo sfratto anche alla luce di quanto previsto nel contratto di locazione che, all'art. 4, prevedeva: "il pagamento del canone o di quant'altro dovuto anche per oneri accessori non potrà essere sospeso o ritardato da pretese o eccezioni del conduttore, qualunque ne sia il titolo.

Il mancato pagamento, per qualunque causa, anche di una sola rata del canone (nonché di quant'altro dovuto per un importo pari ad una mensilità del canone) costituisce in mora il conduttore, fatto salvo quanto previsto degli art. n. 5 e 55 della legge 1978 n. 392, con i quali il legislatore ha predeterminato i casi di inadempimento grave in materia di locazioni di immobili destinati a uso abitativo nel caso che il conduttore sia moroso per più di una morosità ovvero per spese accessorie che complessivamente ammontino a due mensilità".

Il Tribunale ha rigettato l'opposizione allo sfratto ritenendo non provate le eccezioni del conduttore circa il mancato pagamento del canone per il cattivo funzionamento della caldaia. Circostanze che, al contrario, risultano smentite dalle prove prodotte dal proprietario.

Pertanto, ritenuto grave l'inadempimento del conduttore, il giudice ha dichiarato la risoluzione del contratto di locazione di cui trattasi, condannando l'inquilino al pagamento dei canoni scaduti. (Da non perdere: Risponde della morte dell'inquilino il proprietario che non controlla la caldaia.)

Quando di può eccepire l'inadempimento altrui? - La soluzione della controversia ruota intorno al principio "inadimplendi non est adimplendum" codificato nell'art. 1460 c.c., ai sensi del quale "nei contratti con prestazioni corrispettive, ciascun dei contraenti può rifiutarsi di adempiere la sua obbligazione, se l'altro non adempie o non offre di adempiere contemporaneamente la propria".

Sul punto, la sentenza in commento precisa che l'indagine diretta a stabilire a quale dei contraenti spetti esercitare il diritto di recesso va effettuata sulla base di una valutazione comparativa del comportamento di entrambe le parti, in modo da stabilire quali di esse abbia fatto venir meno, con il proprio comportamento, l'interesse dell'altro al mantenimento del negozio (cfr. Trib. Genova, n. 351/2009).

Avvenuta la consegna dell'immobile, scatta l'obbligo di pagare il canone - Quanto innanzi, applicato al contratto di locazione, comporta che il conduttore di un immobile non possa astenersi dal versare il canone, ovvero ridurlo unilateralmente, nel caso in cui si verifichi una riduzione o una diminuzione del godimento del bene, quand'anche tale evento sia ricollegabile al fatto del locatore.

Tale iniziativa può considerarsi legittima soltanto qualora venga completamente a mancare la controprestazione del locatore (il che deve escludersi nella specie, avendo comunque il locatore consegnato l'immobile e il conduttore tratto una utilitas dello stesso), costituendo altrimenti un'alterazione del rapporto contrattuale che determina uno squilibrio tra le prestazioni delle parti.

Inoltre, secondo il principio "inadimplendi non est adimplendum" sopra richiamato, la sospensione della controprestazione è legittima solo se conforme a lealtà e buona fede (cfr. Cass. civ. n. 13887/2011).

Si ringraziano gli Avv.ti Sergio De Santis e Sarah Medori per la segnalazione della sentenza.

La redazione di Condominioweb.com è lieta di ricevere sentenze ed ordinanze emesse dai Tribunali e Corti di Appello. Dopo una attenta valutazione, a suo insindacabile giudizio, sarà lieta di pubblicare il contributo assicurandone la visibilità sul portale di condominioweb ed anche sui suoi canali social.

Per invio di scrivi a redazione@condominioweb.com

Scarica Tribunale di Ascoli Piceno, n. 57 dell'11 febbraio 2014

Cerca: conduttore pagamento caldaia

Commenta la notizia, interagisci...
MLC
MLC lunedì 13 novembre 2017 alle ore 19:51

QUINDI: CONDOMINIO IN CRISI DI LIQUIDITA PER CATTIVA GESTIONE DELL'AMMINISTRATORE CACCIATO, L'ASSEMBLEA DELIBERA AL 73% DI DISMETTERE L 'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO PER IMPOSSIBILITA' A SOSTENERE LE SPESE DI RIPARAZIONE DELLA CALDAIA E DELLA CANNA FUMAIA....GLI INQUILINI CONDUTTORI DELLE VARIE ABITAZIONI LOCATE DAI CONDOMINI/PROPRIETARI CONTINUANO A PAGARE UN CANONE DI LOCAZIONE COME SE NULLA FOSSE STATO ?

    in evidenza

Dello stesso argomento


Che cosa fare per evitare lo sfratto immobiliare?

Che cosa fare per evitare lo sfratto immobiliare?. Il conduttore di un un'unità immobiliare ha tra i suoi principali obblighi quello di pagare i canoni pattuiti e gli oneri accessori (es. spese condominiali).