Vai al contenuto
SignoraAnna

Videocamere di sorveglianza su giardino privato in condominio

Buongiorno.

Sono proprietaria di un appartamento in una palazzina di 5, con cortile e giardino privati confinanti con i giardini di altri condomini (separati da una rete alta 1 metro). L'ingresso privato dà sul marciapiede e parcheggio pubblico.

In seguito a brutte vicissitudini con i condomini confinanti, avvenute negli ultimi anni (tra cui anche aggressioni verbali e lanci di cibo addosso nell'ultimo anno!) e in seguito a fatti poco chiari che si verificano da qualche anno nel mio giardino (oggetti rotti, taglio dei cavi di elettrodomestici, ecc.), un anno fa ho detto all'amministratore nostro di voler installare delle videocamere di sorveglianza sul mio giardino e dentro al mio garage. Mi ha subito risposto "NON PUO'! DEVE CHIEDERE IL PERMESSO AI CONDOMINI!". Ho risposto che mi risultava di non dover chiedere alcun permesso se installo su mia proprietà videofilmando solo la mia proprietà, allora mi ha risposto "PERO' DEVE PRIMA COMUNICARLO AI CONDOMINI IN ASSEMBLEA CONDOMINIALE, PERCIO' DEVE ASPETTARE LA PROSSIMA TRA UN ANNO!".

Ho quindi atteso e tra poco ci sarà la nuova assemblea.

Ho bisogno di sapere quindi se è vero quanto dettomi dall'amministratore e cosa è mio diritto e dovere circa l'argomento in questione e riguardo la mia proprietà.

Grazie,

Anna

Non occorreva attendere un assemblea ed il relativo permesso per l'installazione di un sistema di videosorveglianza nella tua proprietà privata esclusiva (giardino privato, posto auto privato ecc ecc), ma potevi farlo senza chiedere nulla a nessuno a queste condizioni;

 

Quando l’installazione di sistemi di videosorveglianza viene effettuata da persone fisiche per fini esclusivamente personali - e le immagini non vengono né comunicate sistematicamente a terzi, né diffuse (ad esempio attraverso apparati tipo web cam) - non si applicano le norme previste dal Codice della privacy. In questo specifico caso, ad esempio, non è necessario segnalare l’eventuale presenza del sistema di videosorveglianza con un apposito cartello.Rimangono comunque valide le disposizioni in tema di responsabilità civile e di sicurezza dei dati. È tra l’altro necessarioanche per non rischiare di incorrere nel reato di interferenze illecite nella vita privata - che il sistema di videosorveglianza sia installato in maniera tale che l’obiettivo della telecamera posta di fronte alla porta di casa riprenda esclusivamente lo spazio privato e non tutto il pianerottolo o la strada,ovvero il proprio posto auto e non tutto il garage.

http://www.garanteprivacy.it/documents/10160/2416443/Vademecum+-+Il+condominio+e+la+privacy+-+versione+pagina+singola.pdf (pag. 15)

Quindi, come sospettavo, sono stata, per l'ennesima volta, presa in giro dall'amministratore che regge il gioco ai condomini (sospetto che vogliano farmi andare via da anni per avere il mio appartamento che farebbe diventare il loro una casa unica abbinata! Ma sono solo sospetti.).

Chiedo: devo fare richiesta ai Vigili e mettere cartelli che avvisano che l'area è videosorvegliata, come mi hanno detto di fare?

Aggiungo che il garage è esclusivo, privato e chiuso da basculante.

Grazie per la risposta,

Anna

Se tu riprendi esclusivamente parti di tua esclusiva proprietà, non è necessario nessun cartello che avvisi la presenza delle videocamere, è scritto anche nell'allegato del Garante della Privacy che ti avevo allegato nel messaggio #2

 

- In questo specifico caso, ad esempio, non è necessario segnalare l’eventuale presenza del sistema di videosorveglianza con un apposito cartello

×