Vai al contenuto
Salvadani

Verbale assemblea ordinaria c'è un tempo massimo per trasmetterlo?

Buongiorno,

vorrei sapere se c'è un tempo massimo entro cui l'amministratore deve trasmettere ai condomini il verbale dell'assemblea ordinaria e se incorre in qualche sanzione se non lo rispetta.

 

Al 28/03/14 c'è stata l'ultima assemblea ordinaria di condominio e qualche giorno dopo è stato trasmesso, via pec, un verbale con parecchie imprecisioni e senza nessuna firma. Ho segnalato le imprecisioni ed ho chiesto che mi fosse inviata la scansione del verbale originale, ma fino ad oggi (04/06/14) non ho ricevuto nulla.

 

Domanda correlata: l'amministratore è obbligato a trasmettere i documenti via pec o e-mail ai condomini che lo richiedono o può continuare ad inviare il cartaceo?

 

Ringrazio anticipatamente e saluto.

Daniela

È interesse dell'amministratore far si che il verbale venga trasmesso nel più breve tempo possibile, specialmente a coloro che risultavano assenti. La trasmissione tramite pec ha valore legale qualora mittente e destinatario siano entrambi titolari di pec.l'amministratore deve avere la certezza che il destinatario riceva quanto spedito. Qualsiasi mezzo che possa provarla é utilizzabile.

Domanda correlata: l'amministratore è obbligato a trasmettere i documenti via pec o e-mail ai condomini che lo richiedono o può continuare ad inviare il cartaceo?
Non credo esistano norme in merito (pec o e.mail), attendi eventuali altri pareri 🙂

In teoria via PEC, dovrebbe averti mandato la copia conforme ed ad ogni modo la Pec non garantisce l'arrivo degli allegati.

 

In pratica ti deve mandare Raccomandata con ricevuta di ritorno.

 

Se manda documenti via e-mail sarà un suo problema in caso di contestazione giudiziaria spiegare la sua incompetenza.

Ciò non toglie comunque puoi sempre andare nel suo ufficio e chiedere una copia o addirittura una fotocopia del verbale trascritto in un registro tenuto dallo stesso.

Vi ringrazio per le risposte.

 

Chiedevo se l'amministratore è obbligato a inviare i documenti via pec perché è la modalità che io preferisco.

Possiedo una Pec e da quest'anno finalmente anche l'amministratore se ne è dotato, quindi le convocazioni di assemblea ora le invia, a chi l'ha richiesto, via pec. Prima della scorsa assemblea ordinaria avevo chiesto che mi inviasse le scansioni di alcuni documenti via mail, ma mi ha fatto le fotocopie e me le ha consegnate a mano prima dell'assemblea:mad:

 

All'assemblea io sono stata presente per parte della discussione, poi ho dovuto andare via, prima delle votazioni dei vari punti all'ordine del giorno e non (si è parlato anche di un lavoro da fare per sistemare un tubo della fognatura che non nera all'o.d.g.) .

Quando l'amministratore mi ha inviato il verbale via pec (senza nessuna firma) ho subito risposto facendo notare le imprecisioni e chiedendo la scansione dell'originale, ma non ho più avuto notizie.

Da quel che mi avete scritto comunque mi pare di capire che così potrò impugnare il verbale senza più il limite dei 30 giorni.

Non esiste un tempo max per la trasmissione del verbale, si può anche inviare solo alle persone assenti all'assemblea in modo che questi abbiamo i famosi 30 giorni per impugnare l'assemblea.

L'amministratore non è obbligato ad inviarti la copia per PEC o email può anche inviarti la copia tramite raccomandata

Ho chiesto di andare a vedere il verbale in originale e altri documenti, dopo aver ricevuto il verbale errato via pec, ma l'amministratore mi ha risposto che la visione dei documenti è consentita solo prima dell'assemblea, non dopo.

L'amministratore non è obbligato a far pervenire il verbale agli assenti all'assemblea con Pec, potrà perciò decidere lui quale sistema tra i 4 disponibile, Pec, Fax, Raccomandata postale o consegna a mano.

Per inciso chi era presente all'assemblea non ha il diritto di ricevere il deliberato, invece gli assenti lo hanno, per far terminare il periodo previsto per eventuali impugnazioni.

Ho chiesto di andare a vedere il verbale in originale e altri documenti, dopo aver ricevuto il verbale errato via pec, ma l'amministratore mi ha risposto che la visione dei documenti è consentita solo prima dell'assemblea, non dopo.
L'amministratore non poteva dire questo, ogni condomino ha il diritto di visionare i verbali e documenti ed ottenere copia a loro spese in qualsiasi tempo.

 

I condomini possono esercitare, in ogni tempo, la vigilanza ed il controllo sullo svolgimento dell'attività di gestione delle cose, dei servizi e degli impianti comuni e, perciò, di prendere visione dei registri e dei documenti che li riguardano, sempre che la vigilanza ed il controllo non si risolvano in un intralcio all'amministrazione, non siano contrari al principio della correttezza e che delle attività afferenti alla vigilanza ed al controllo i condomini si addossino i costi. Non è necessario, pertanto, che i condomini specifichino la ragione per cui vogliono prendere visione o estrarre copia dei documenti, spettando all'amministratore l'onere di dedurre e dimostrare l'insussistenza di qualsivoglia interesse effettivo in capo ai condomini istanti, perché i documenti non li riguardano, ovvero l'esistenza di motivi futili o inconsistenti e comunque contrari alla correttezza. (Cassazione, sez. seconda civ., 29.11.2001 n.15159)

×