Vai al contenuto
salvoweb

Veranda aumento millesimi

Buongiorno

ho già letto post sul tema e risposte relative. Tuttavia per sicurezza vi descrivo la mia situazione specifica per essere sicuro dell'atteggiamento da tenere nei confronti dei miei condomini.

Dopo l'acquisto di un immobile ho finalizzato la domanda di condono di un terrazzo trasformato in veranda coperta.

L'immobile cuba circa 50mq ed il terrazzo-veranda aperto su tre lati da finestre di ca 16mq coperto con una tettoia più bassa (2,4m) del mio soffitto (3m). Il palazzo in cui è ubicato è composto di 12 appartamenti, due per ogni piano. Il condono mi è stato concesso per una veranda coperta (e non per una stanza)

Durante una recente riunione condominiale 3 condomini architetti hanno presentato richiesta di variazione dei millesimi del palazzo asserendo che il mio coefficiente di utilizzazione della veranda a seguito della concessione del condono si elevava da 0,22 (terrazzo) ad 1,00 (vano). A mio avviso, essendomi stato concesso il condono per una veranda coperta, tale coefficiente si eleva semmai a 0,5 (loggia) vanificando tra l'altro la loro richiesta di variazione dei millesimi in quanto sarei al di sotto di un aumento del 20% previsto dall'art. 69 introdotto dalla Riforma del Condominio.

Tuttavia la veemenza/perseveranza delle loro affermazioni mi ha indotto a scrivervi in quanto non capisco su quali basi esse siano fondate (essendo tra l'altro i tre soggetti persone che queste cose le trattano per mestiere).

A vostro avviso, su quali basi loro fanno leva? Hanno il titolo per potermi fare causa laddove non acconsentissi? (la maggior parte del Condomio è dalla loro parte, in quanto ampliando i miei millesimi ne gioverebbero tutti..)

Ringrazio anticipatamente chi saprà rispondermi sul tema

 

Grazie ancora per il vostro supporto

Salvo

Tutto sta a vedere se la tua modifica rientra o no nel 1/5 previsto dall'art. 69 Dacc, la loro tesi potrebbe essere sbagliata o giusta, non si può dire in maniera certa ed infallibile, comunque possono citarti ugualmente in giudizio, a questo punto sarà il Giudice che nominerà un CTU a dire l'ultima parola.

Buongiorno Tullio

ti ringrazio davvero per la tua pronta risposta.

Mi chiedo su cosa possano fare leva se la concessione che ho ottenuto è per una veranda (e non ho titolo per poter alzare muri che possano "chiudere" il vano-terrazzo).

Il CTU cosa potrebbe ravvisare di diverso?

Buongiorno Tullio

ti ringrazio davvero per la tua pronta risposta.

Mi chiedo su cosa possano fare leva se la concessione che ho ottenuto è per una veranda (e non ho titolo per poter alzare muri che possano "chiudere" il vano-terrazzo).

Il CTU cosa potrebbe ravvisare di diverso?

La veranda ha un coefficiente di c.a. 0,40 mentre il balcone scoperto è di circa 0,20, per cui il tuo spazio ora verandato ha raddoppiato del valore precedente, questo dovrebbe essere il calcolo da fare, ora non so se questo comporterà l'aumento di 1/5 stabilito dall'art 69 Dacc, come detto lo deve valutare il Giudice, quello che potranno sostenere i tuoi vicini non posso saperlo ma se sono del mestiere avranno "forse" argomenti validi per farlo passare come vano da coefficiente 1,00, ma non si può dire se sarà accolta la domanda, vedi questo link, dove si dice questo;

http://www.condomini.altervista.org/CoefficientiMilesim.htm

 

Ed ecco qui la domanda piu' comune: "Nel caso di realizzazione di una veranda, il condomino che la realizza deve pagare di più?". La risposta, secondo quanto detto dall'art. 69 delle disposizioni di attuazione del codice civile, spetta soltanto al giudice. Infatti e' solo Lui che può valutare se c'e' un'alterazione sostanziale nei rapporti di superficie, aiutandosi di solito con un tecnico. Ma certamente pochi metri quadrati spesso non sono talmente significativi da giustificare una revisione.

Grazie Mavelot, lo sapevo, è talmente evidente, supera solo se si considera il coefficiente di 1,00. Come dicevo a Tullio, mi sembra strano che 3 architetti propendano per questa visione nonostante il mio titolo parli di veranda ad uso residenziale

Grazie Mavelot, lo sapevo, è talmente evidente, supera solo se si considera il coefficiente di 1,00. Come dicevo a Tullio, mi sembra strano che 3 architetti propendano per questa visione nonostante il mio titolo parli di veranda ad uso residenziale
Infatti è questa la parte che sembra strana, come dicevo non so se la domanda dei vicini potrà essere accolta e far passare una veranda da 0,40 come vano abitativo da 1,00, e non posso garantirti non essendo il Giudice, che l'eventuale richiesta dei tuoi vicini sia rigettata, purtroppo predire il futuro per me è impossibile.

Salve

ho verificato la questione con un tecnico che mi ha tranquillizzato dicendomi che sia in termini di mq che mc il mio incremento non supera il 20% secondo quanto disciplinato dall'art 69 del dacc, trattandosi nella fattispecie di una veranda.

Tuttavia, mi rimane un dubbio circa l'atteggiamento dei miei condomini. Possono loro variare comunque i millesimi applicando un criterio meramente soggettivo? Se si, a quali strumenti posso ricorrere per dirimere la questione? Sinceramente, vorrei evitare di dar seguito poi ad azioni legali onerose per entrambe le parti

 

PS: Tullio che ne pensi?

 

Grazie a tutti

Salve

ho verificato la questione con un tecnico che mi ha tranquillizzato dicendomi che sia in termini di mq che mc il mio incremento non supera il 20% secondo quanto disciplinato dall'art 69 del dacc, trattandosi nella fattispecie di una veranda.

Tuttavia, mi rimane un dubbio circa l'atteggiamento dei miei condomini. Possono loro variare comunque i millesimi applicando un criterio meramente soggettivo? Se si, a quali strumenti posso ricorrere per dirimere la questione? Sinceramente, vorrei evitare di dar seguito poi ad azioni legali onerose per entrambe le parti

 

PS: Tullio che ne pensi?

 

Grazie a tutti

Non si possono variare i mlm a maggioranza se non ci sono i motivi previsti dall'art 69 Dacc, e se i condomini decidono e modificano i mlm senza requisiti, non ti rimane che impugnare iniziando dalla mediazione con l'assistenza di un legale.
×