Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Chiarale

Valore legale di un preventivo

Salve. Da poco ho finito i lavori di ristrutturazione di casa. Ovviamente la cifra stanziata inizialmente è stata intaccata di un bel pò e, nonostante abbia già dato praticamente tutti i soldi sia alla ditta che al Geometra e ai suoi vari consulenti(spesa che è cresciuta un bel pò durante i lavori, nonostante il direttore dei lavori sia stato sostituito da me in quanto sempre assente), ora mi stanno tartassando per avere i soldi restanti. Premetto che tra me e la ditta è stato stipulato un simil contratto firmato da entranbi le parti prima dell'inizio dei lavori, mentre il Geometra mi ha presentato un preventivo(che poi è lievitato) e c'è stato solo un accordo sulla parola..

Visto che le telefonate stanno diventando minacciose, vorrei sapere se l'accordo verbale tra me e lui ha un qualche valore legale o se sta solo CERCANDO di mettermi paura per farsi dare prima i soldi..

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non ho capito ... contesti il conto dell'impresa, del tecnico, l'importo lavoro o ... cosa?

 

Giuseppina

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'accordo verbale non ha valore.

Sulla base di quello che lui ha svolto può emettere notula/fattura. Se già l'avesse emessa, controlla che ciò sia stato effettivamente svolto e che le voci siano coerenti coll'eventuale tariffario approvato dall'ordine.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
L'accordo verbale non ha valore.

Sulla base di quello che lui ha svolto può emettere notula/fattura. Se già l'avesse emessa, controlla che ciò sia stato effettivamente svolto e che le voci siano coerenti coll'eventuale tariffario approvato dall'ordine.

Se ti riferisci all'onorario del tecnico, il tariffario del'ordine non esiste più da anni.

 

Continuo comunque a non capire Chiarale cosa cotesta esattamente.

 

Saluti

 

Giuseppina

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se ti riferisci all'onorario del tecnico, il tariffario del'ordine non esiste più da anni.

 

Continuo comunque a non capire Chiarale cosa cotesta esattamente.

 

Saluti

 

Giuseppina

Così mi pareva, infatti ho scritto "eventuale". Anche se due anni e due mesi scarsi non è che sia un tempo immemore.

A me pare contesti l'onorario del tuo collega.

 

Il preventivo fa fede fino a un certo punto. In quanto se ci si accorge di aver dimenticato qualcosa (o sorgano delle esigenze nuove), o lo si integra, oppure si deve essere in grado di dimostrare che le prestazioni per le quali si richiede il corrispettivo non sono state svolte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve. Io contesto il fatto che, in sede di preventivo del Geometra, le varie spese per progettazione, rilievi, etc. era intestate al Geometra stesso,senza indicare che altri tecnici avrebbero preso parte al progetto, mentre adesso sono proprio questi stessi tecnici a richiedermi i soldi che il Geometra non ha loro corrisposto. Inoltre il compenso del Geometra è lievitato rispetto al preventivo, senza che ci sia nulla che giustifichi tale aumento, anzi. Tutto qui. Visto che per quanto il Geometra ha fatto già mi sembra esosa la richiesta che mi ha fatto, vorrei sapere come comportarmi, cioè se lui può imugnare davanti ad un giudice il preventivo che mi ha fatto o se gli posso contestare la cifra richiesta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

A fronte di un preventivo scritto, qualunque esso sia, si può instaurare un contradittorio.

In presenza di soli accordi verbali dubito si possa spuntare qualcosa. Il geometra o la collaborazione di terzi a cui ha attinto il geometra attesta la prestazione avvenuta e che solo a te,come committente, spetta saldare... Impossibile non ritenere che in corso d'opera almeno un tuo assenso verbale non sia stato dato, a maggior ragione se tu stesso ti sei sostituito al D.L.

Non è un caso se ora riscontri problemi col solo geometra (+ terzi), ma la logica conseguenza di patti approssimativi a monte, che hanno lasciato ampio margine operativo a quei liberi professionisti e conseguentemente pure ampio margine discrezionale sulle rispettive parcelle.

Saluti 🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Prova a cercare in rete il codice deontologico (se disponibile), della categoria e vedi se quello che contesti non sia consentito.

Tieni presente che in caso di giudizio il giudice penso disporrebbe una ctu per stimare una congrua remunerazione di quanto effettivamente svolto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quali sono le prestazioni di terzi cui ti riferisci?

 

Faccio un esempio: se il "terzo" è uno strutturalista e tu hai firmato il progetto strutturale, hai automaticamente accettato quella prestazione (peraltro non discutibile se necessaria).

 

Per il resto, puoi agire giudizialmente contro il geometra per le SUE prestazioni non per quelle di terzi. In sostanza dovrai fare tante azioni giudiziarie quanti sono i tecnici che ti chiedono soldi.

 

saluti

 

Giuseppina

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×