Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
riccardo1972

Validita' assemblea condominiale straordinaria in seconda co

Salve a tutti cortesi gestori del forum ed esperti di amm.ne condominiale.

Volevo domandare quali sono i quorum costitutivi e deliberativi delle ss. tipologie di assemble condominiale:

1)assemblea ordinaria

a) prima e seconda convocazione

b) assemblea straordinaria (prima e seconda convocazione).

 

Il quesito e' dovuto al mio dubbio sulla validita' di una assemblea straordinaria (seconda convocazione) che ha deliberato sull'affidamento dell'incarico di redigere un capitolato ad un tecnico professionista. In seconda convocazione erano presenti la maggioranza dei condomini ma non c'era la maggioranza dei millesimi (i presenti rappresentavano i 420/1000 del condominio).

La deliberazione assembleare (anche se fosse per altre materie come il rifacimento del tetto, facciata, rimozione eternit e relativo affidamento a ditt) risulta essere comunque valida? I condomini anche quando si trattera' di decidere sui lavori straordinari de quo manterranno piu' o meno la stessa maggioranza numerica.

Grazie x la cordiale assistenza - i miei migliori saluti

 

riccardo ivani . savona

 

riccardo ivani

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

I quorum e le maggioranze deliberative non cambiano se l'assemblea è ordinaria o straordinaria.

In 1° convocazione il quorum costitutivo è di tanti condomini che rappresentino i due terzi del valore dell'intero edificio e due terzi dei partecipanti al condominio, le delibere sono approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio, salvo altre maggioranze per casi particolari come p.es. innovazioni.

In 2° convocazione non c'è quorum costitutivo, ossia in pratica è quello con cui si possono effettuare le delibere, che possono essere di varia natura e maggioranze diverse, p.es. la spesa per un capitolato potrebbe essere approvata con la maggioranza minima 1/3 (teste) e 1/3 (mlm), questo quorum potrebbe essere valido anche per la rimozione dell'eternit considerando che potrebbe trattarsi di spese non notevole

Per il rifacimento del tetto probabilmente la maggioranza potrebbe essere quella per le spese notevoli, ovvero almeno 1/3 dei partecipanti al condominio rappresentanti almeno 500 mlm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao pAolo, sei sicuro che per il rifacimento del tetto (se spesa notevole entità) siano sufficienti 1/3 dei partecipanti al condominio con 500 mm?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao pAolo, sei sicuro che per il rifacimento del tetto (se spesa notevole entità) siano sufficienti 1/3 dei partecipanti al condominio con 500 mm?

Paolino Pao scrive giustamente "almeno 1/3" (valore minimo inderogabile) e comunque sempre in maggioranza.

Esempio: un condominio di 10 persone. (1/3 è rappresentato da 4 condomini); se questi 4 condomini hanno 510 millesimi ma i restanti 6 condomini (con 490 mil.) votano contrario la delibera non è approvata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Paolino Pao scrive giustamente "almeno 1/3" (valore minimo inderogabile) e comunque sempre in maggioranza.

Esempio: un condominio di 10 persone. (1/3 è rappresentato da 4 condomini); sei questi 4 condomini hanno 510 millesimi ma i restanti 6 condomini (con 490 mil.) votano contrario la delibera non è approvata.

Il post ripreso da Michele è del 2010 e quanto scrito da Paolino, valido allora, oggi non lo è più.

Oggi anche in seconda convocazione c'è in quorum costitutivo affinchè un'assemblea sia ritenuta valida.

In seconda convocazione il quorum costitutivo è dato da almeno 1/3 di teste e 1/3 di millesimi.

Per deliberare una spesa di notevole entità, sia in prima che in seconda convocazione, occorre la MAGGIORANZA DEGLI INTERVENUTI che rappresenti almeno 500 millesimi.

Se all'assemblea si presentano in 10 e sono favorevoli solo in 4 mi pare ovio che non c'è maggioranza perchè 4 sono minori degli altri 6 presenti.

 

La novità della riforma sta nel fatto che non occorre più che la maggioranza delle teste favorevoli debba rappresentare almeno 1/3 dei partecipanti (partecipanti = aventi diritti al voto, assenti compresi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×