Vai al contenuto
deltafox27

Urgente consiglio per abuso amministratore - Spese

Buongiorno a tutti,

 

Vorrei chiedervi se risulta normale che l' amministratore senza aver riscontro dalla proprietaria dell' appartamento ma sentendo un condomino faccia pagare nella ripartizione delle spese l' acqua condominiale per un totale di 2 persone anziché una persona come regolarmente risulta presso l' ufficio anagrafe.

Nel merito un condomino ha dichiarato che vede entrare nel mio appartamento un altra persona, ha comunicato questo dato all' amministratore ed in modo autonomo aggiungeva un ulteriore quota di una seconda persona nelle spese dell' acqua nel bilancio delle ripartizioni delle spese.

All' anagrafe risultò soltanto io come proprietaria ed aggiungo che ogni tanto mi vengono a trovare ma nessun' altra persona abita in modo fisso e continuativo.

 

Come dovrei comportarmi?

Ringrazio chi volesse aiutarmi.

premesso che la spesa del consumo dell'acqua andrebbe ripartita a consumo e non per numero di persone che abitano all'interno dell'appartamento, in ogni caso se tu puoi dimostrare che vivi solo dovrai pagare per una persona.

Ma perchè l'acqua condominiale la pagate in base al numero di persone presenti nell'u.i??

Come lo dovrei dimostrare , non basta i dati che hanno presso il comune che vivo da sola, come dovrei comportarmi ? Devo inviare qualche lettera di diffida?

 

Anch' io penso che si debba fare con contatore dell' acqua installato ma non lo vogliono fare?

 

Che tipo di lettera dovrei fare

Come lo dovrei dimostrare , non basta i dati che hanno presso il comune che vivo da sola, come dovrei comportarmi ? Devo inviare qualche lettera di diffida?

 

Anch' io penso che si debba fare con contatore dell' acqua installato ma non lo vogliono fare?

 

Che tipo di lettera dovrei fare

che vivi da sola dovrebbe già risultare nella scheda anagrafica condominiale, quindi non dovresti mandare nessun altro documento, manda una lettera all'amministratore facendo presente che vivi da sola, come da scheda anagrafica a suo tempo sottoscritta e quindi hai l'obbligo di pagare una sola quota dell'acqua, specificando che eventuali aggiunte di quote non verranno pagate, in quanto non pertinenti al tuo nucleo familiare composto da una sola persona

Se è così, puoi autocertificare il tuo stato di famiglia, alleghi la copia della tua C.I. e spedisci l' a/r all'Amministratore. Deve prendere atto che sei la sola componente del nucleo familiare e non potrà imputarti quote diverse.

Non vorrei ricordare male ma la scheda anagrafica non contiene il dato "componenti nucleo familiare"

Se è così, puoi autocertificare il tuo stato di famiglia, alleghi la copia della tua C.I. e spedisci l' a/r all'Amministratore. Deve prendere atto che sei la sola componente del nucleo familiare e non potrà imputarti quote diverse.

Non vorrei ricordare male ma la scheda anagrafica non contiene il dato "componenti nucleo familiare"

con la scheda anagrafica si può dimostrare di essere l'unico proprietario, bisognerà poi allegare un'autocertificazione che attesti che non ci sono altre persone, familiari e non, ad occupare l'appartamento.

Ok grazie a tutti, per quanto riguarda il contatore dell'acqua a casa posso farlo installare in casa anche se il condominio e' contrario.. Sarebbe più comodo per tutti avere il contatore dell' acqua per i consumi

Ok grazie a tutti, per quanto riguarda il contatore dell'acqua a casa posso farlo installare in casa anche se il condominio e' contrario.. Sarebbe più comodo per tutti avere il contatore dell' acqua per i consumi

l'installazione dei contatori individuali sarebbe la cosa più giusta, in questo modo ognuno pagherebbe per quello che consuma, non capisco perché il condominio non dovrebbe essere d'accordo

Perché ricordo che 2 anni fa era stato richiesto ma non avevano accettato, posso farlo in maniera individuale? O bisogna che il condominio lo deliberi

Perché ricordo che 2 anni fa era stato richiesto ma non avevano accettato, posso farlo in maniera individuale? O bisogna che il condominio lo deliberi

per procedere alla ripartizione delle spese del consumo dell'acqua in base ai consumi tutti gli appartamenti dovrebbero essere dotati di relativo contatore. Se lo installi soltanto tu non risolvi il problema

Giusto, Josefat, e per avere valore legale l'autocertificazione dello stato di famiglia va accompagnata dalla C.I. in copia. Così si avrà uno strumento di difesa in più in caso di azione di recupero coatto da parte dell'amministratore. Tutto quì.

Il consumo idrico può essere ripartito in diversi modi. tale ripartizione può essere frutto di delibera assembleare, di regolamento condominiale..

La famigerata legge 102 del luglio 2014 che impone obbligo di ripartitori di calore, interviene anche per ripartire acqua calda 8se non sono presenti gia' dei contalitri individuali), di conseguenza dal 1 gennaio 2017 adeguandovi alla norma e mettendo dei contalitri individuali le spese verranno ripartite per forza in base agli effettivi consumi

nel caso esposto la legge 102/2014 non c'entra . essa c'entrerebbe se ci fosse impianto centralizzato di riscaldamento e acqua calda sanitaria .

 

ma qui c'e' solo un impianto idrico comune che serve i vari appartamenti . l'acqua calda sanitaria non e' fornita tramite un impianto centralizzato .

nel caso esposto direi che trova applicazione il D.P.C.M. 4 marzo 1996

 

- - - Aggiornato - - -

 

Estratto del D.P.C.M.

8.2.8. Misurazione.

La misurazione dei volumi consegnati all'utente si effettua, di regola, al punto di consegna, mediante contatori, rispondenti ai requisiti fissati dal decreto del Presidente della Repubblica 23 agosto 1982, n. 854, recepente la direttiva comunitaria n. 75/33. Là dove esistono consegne a bocca tarata o contatori non rispondenti, deve essere programmata l'installazione di contatori a norma.

In relazione a quanto disposto dall'articolo 5, comma 1, lettera c), della legge *5 gennaio 1994, n. 36, dove attualmente la consegna e la misurazione sono effettuate per utenze raggruppate, la ripartizione interna dei consumi deve essere organizzata, a cura e spese dell'utente, tramite l'installazione di singoli contatori per ciascuna unità abitativa.

Grazie, veramente il nos reglamento condominiale non esiste, almeno da trent'ann che abito qui non si è mai trovato,. Dicono che tanti anni fa.Però abbbaiamo contattori per ogni apprtamento, potrei chiedere distacarsi, ma a quale condozioni? L'azienda chiedereà autorizzaione dell'amm.re?

Leggendo l'apertura della discussione, si deduce che l'amministratore su segnalazione di un altro condomino ha aumentato il consumo d'acqua a deltafox.

A questo punto mi chiedo se non deve essere l'amministratore o il condomino segnalatore a dimostrare che in quell'appartamento ci sono due persone anziché 1

×