Vai al contenuto
cybermod

Urgente: certificato di conformità impianto gas

Buongiorno a tutti, ho già firmato un contratto di affitto con il proprietario, il quale mi aveva detto (a voce) che le spese da sostenere per l'attivazione del gas erano solo quelle inerenti all'attivazione dell'utenza e alla cauzione del contatore.

Fin qui ci siamo, però la società del gas mi ha richiesto un certificato di conformità dell'impianto che, a detta del proprietario, sarebbe a mio carico (150€).

Tale certificato non è presente perchè l'impianto è stato fatto in un epoca dove non veniva richiesto.

Quando fu installato il contatore infatti non fu necessario per la società erogante il servizio gas.

Tra l'altro il certificato dovrà essere a noi intestato.

 

Quindi: Io devo spendere 150euro (del quale non sapevo) per certificare un impianto di una casa non mia presa in affitto, e intestarmi tale certificato????

 

Mi suona molto strano.....

 

Vi ringrazio come al solito!

Scritto da cybermod il 20 Mag 2013 - 11:17:42: Buongiorno a tutti, ho già firmato un contratto di affitto con il proprietario, il quale mi aveva detto (a voce) che le spese da sostenere per l'attivazione del gas erano solo quelle inerenti all'attivazione dell'utenza e alla cauzione del contatore.

Fin qui ci siamo, però la società del gas mi ha richiesto un certificato di conformità dell'impianto che, a detta del proprietario, sarebbe a mio carico (150€).

Tale certificato non è presente perchè l'impianto è stato fatto in un epoca dove non veniva richiesto.

Quando fu installato il contator [...]

Buongiorno,

ritengo del tutto improbabile che tu debba farti carico della dichiarazione di rispondenza UNI10738.

Fatti forte della tua posizione e fallo presente al proprietario, lui deve darti la casa in ordine e completa di tutte le necessarie documentazioni tecniche.

E' un suo obbligo.

 

 

 

1 KGrazie,

a presto

Nanojoule

nanojoule@alice.it

 

La critica è facile, l'arte è difficile

sono d'accordo con te caro, ma vorrei comportarmi e chiedere quello che di legge è giusto.... onde evitare di passare dalla parte del torno, mi spiego?

 

Dopo un giro di telefonate, ho queste informazioni:

- lo stabile è stato costruito circa 40 anni fa

- il proprietario ha acquistato l'immobile nel 2008 e dallo stesso ente erogante al quale ci vorremmo appoggiare noi, non è stato richiesta nessuna certificazione (a memoria del proprietario) mentre a detta della Erogasmet, dovrebbe essere stata richiesta una autocertificazione

- se l'impianto è stato costruito o modificato DOPO il 13 marzo 1990, allora serve la dichiarazione di conformità.

- il proprietario ha fatto delle verifiche ed asserisce: "l'impianto risale al 1995. Nel guardare la documentazione, il metano è stato portato in quell'anno e sul contratto del vecchio fornitore viene indicato lo stesso anno anche per l'installazione del contatore (che ricordo oggi non esserci più).

Non serve la certificazione ma il Di.Ri (dichjiarazione di rispondenza) visto che l'impianto è antecedente al 27/03/2008, data di entrata in vigore della legge".

 

 

io, ragazzi, sbrocco!

 

 

Scritto da cybermod il 20 Mag 2013 - 12:09:30: sono d'accordo con te caro, ma vorrei comportarmi e chiedere quello che di legge è giusto.... onde evitare di passare dalla parte del torno, mi spiego?

 

Dopo un giro di telefonate, ho queste informazioni:

- lo stabile è stato costruito circa 40 anni fa

- il proprietario ha acquistato l'immobile nel 2008 e dallo stesso ente erogante al quale ci vorremmo appoggiare noi, non è stato richiesta nessuna certificazione (a memoria del proprietario) mentre a detta della Erogasmet, dovrebbe essere sta [...]

Buongiorno,

per i motivi che hai elencato e come ti ho detto prima, il proprietario della casa deve darti la dichiarazione di rispondenza UNI10738.

Fattela dare.

 

 

 

1 KGrazie,

a presto

Nanojoule

nanojoule@alice.it

 

La critica è facile, l'arte è difficile

 

Modificato Da - nanojoule il 20 Mag 2013 12:27:36

dice che non ce l'ha..... e che è a carico mio.

 

Come faccio a fargli capire che la cosa è a carico suo? Oggi pomeriggio chiamerò anche il sunia di competenza

 

 

nano, davvero grazie per il supporto!!!!

 

Premetto, e forse ingenuamente, che non ritengo il proprietario voglia raggirarmi, ma a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca!!!

 

A sua detta, ha dovuto fare la stessa cosa lui nel nuovo appartamento dove è andato (si è trasferito lontano).

 

Dalla mia, gli sto comunicando che se gli hanno fatto pagare quei soldi, probabilmente li ha pagati ingiustamente.

 

Ci tengo a mantenere dei buoni rapporti e a comportarmi nel giusto, chiaramente pretendo lo stesso

 

 

Scritto da cybermod il 20 Mag 2013 - 13:38:23: nano, davvero grazie per il supporto!!!!

 

Premetto, e forse ingenuamente, che non ritengo il proprietario voglia raggirarmi, ma a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca!!!

 

A sua detta, ha dovuto fare la stessa cosa lui nel nuovo appartamento dove è andato (si è trasferito lontano).

 

Dalla mia, gli sto comunicando che se gli hanno fatto pagare quei soldi, probabilmente li ha pagati ingiustamente.

 

Ci tengo a mantenere dei buoni rapporti e a comportarmi nel giusto, chiar [...]

Hey, attenzione al nick ....10 alla meno 9 sta bene, manca un newton ed un metro!!!!

 

 

 

 

1 KGrazie,

a presto

Nanojoule

nanojoule@alice.it

 

La critica è facile, l'arte è difficile

Salve,

Sono d'accordo con nanojoule. Non si è mai visto l'inquilino pagare per avere la conformità di un impianto a gas (o elettrico).

Purtroppo anche se lei ha ragione mi rendo conto che si tratta di una questione non facile da risolvere.

Nell'eventualità ritengo che lei possa terminare legittimamente il contratto di affitto chiedendo i danni al proprietario.

E' una tremenda scocciatura però forse con una lettera scritta da un avvocato o una sorta di "mediazione" anche da parte del SUNIA come propone lei possono esserle d'aiuto.

Auguri e coraggio.

 

 

 

 

Certo è che con tutte queste leggi che si susseguono non è che sia molto facile per i proprietari essere in regola. Comunque bisogna capire cosa chiede esattamente la società del gas. Tra l'altro i tecnici che si occupano di verificare tali impianti non sempre hanno voglia di farlo.

certo, avete ragione, ecco perchè ho cercato di informarmi correttamente anche tramite voi, per sapere cosa mi compete e cosa no.

 

Alla luce dei fatti, delle telefonate e dei siti contattati, il proprietario si occuperà della cosa a sue spese.

Mail scritte ed sms salvati.

 

Vedremo strada facendo cosa succederà. L'importante è che la cosa non sia di mia competenza perchè allora sarei io a mancare e a mettermi nel torto

 

 

×