Vai al contenuto
lemienuvole123

Un seminterrato quando deve pagare in millesimi un lastrico privato?

Sono proprietaria di un locale seminterrato che è alla base di poco meno di 2/3 del condominio. In fase di ristrutturazione della palazzina sono stati ristrutturati anche 3 lastrici solari privati che in proiezione coprono parte del locale. In fase di ripartizione spese è stata applicata la regola del 1/3 proprietario solaio e 2/3 condomini sottostanti. La mia ripartizione è stata fatta calcolando il totale dei millesimi. E' giusto così o deve essere presa in considerazione la proiezione della colonna a cui fa parte il terrazzo? io in questo modo vado a pagare 3 volte in modo molto superiore il rifacimento di questi solai. Spero di essere stata chiara

solo per la parte di immobile (metri quadrati) che risulta coperto dalla proiezione verticale del terrazzo.

in sostanza i tuoi millesimi totali vanno riparametrati (come partecipazione alla spesa) in funzione della superficie "coperta" così come vanno riparametrati tutti i millesimi di chi deve partecipare.

Buongiorno, mi collego al quesito in argomento per chiedere un’altra informazione:

In un condominio composto da 4 scale, con cortile di accesso, lastrico solare e numerosi terrazzi a livello, la parte sottostante seminterrato, ricadente per la maggior parte sotto il cortile e solo nella parte perimetrale sotto i quattro fabbricati, fino a qualche anno fa era costituita da un solo locale adibito a deposito e per il quale gli ex proprietari contribuivano alle spese previste per la tabella A in ragione di 36 millesimi. Circa 3 anni fa nel locale sono stati realizzati e venduti 45 box. In seguito a numerosi interventi di ristrutturazione dei terrazzi a livello e di danni in appartamenti dovuti sempre per problemi ai detti terrazzi, nel ripartire i due terzi delle spese sostenute tra i locali box sottostanti ed i condomini ricadenti nella verticale geometrica oggetto dei lavori, sono state sempre emesse quote per 36 millesimi dell’importo complessivo senza tenere conto, nonostante le proteste fatte in assemblea, che secondo me i box dovrebbero partecipare alla spesa calcolando la stessa solo per i millesimi di proprietà ricadenti sotto la verticale interessata e non sempre per tutta l’area box, ovvero al massimo 4 o 5 millesimi e non 36 altrimenti, secondo me molto ingiustamente, il proprietario di un appartamento sottostante di 100 mq partecipa solo per 3 millesimi mentre il proprietario di un box di 20 mq deve pagare una cifra esagerata o, in alternativa, la stessa cifra divisa tra tutti i proprietari dei box con conseguente lamentela di chi non ricade nella verticale interessata ai lavori straordinari. Vorrei un chiarimento, anche se possibile con riferimenti normativi certi, al fine di stabilire una volta per tutte quale somma spetta pagare ai proprietari dei box da me amministrati per detti lavori, ovvero la contabilità deve essere fatta sempre sui 36 millesimi originali o su quelli effettivi sottostanti la parte interessata ai lavori. Ringrazio anticipatamente

 

Non riprendere un vecchio post. Inserisci il tuo quesito in una "nuova" discussione. Staff

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×