Vai al contenuto
basilico

Trasmissione telematica per riqualificazione energetica

Ciao a tutti,

volevo chiedervi è normale che l'amministratore richieda un pagamento a suo favore per la redazione della dichiarazione telematica dei dati richiesti?

 

Grazie

Sera,mmmm... questi amm.ri che si inventano ....meglio modificare le norme e rendere più trasparenti le regole. Ogni tanto sento qualche amm.re che si fà pagare e si inventa le leggi a suo favore. La norma è chiara.

Sera,mmmm... questi amm.ri che si inventano ....meglio modificare le norme e rendere più trasparenti le regole. Ogni tanto sento qualche amm.re che si fà pagare e si inventa le leggi a suo favore. La norma è chiara.

Appunto, le norme sono state modificate e le regole sono trasparenti.

L'amministratore presenta il preventivo del suo compenso analiticamente, (ogni singola voce), tra cui il compenso per ognuno degli adempimenti fiscali.

Non credo che l'amministratore punti una pistola alla tempia dei condòmini e li obblighi ad accettare.

I condòmini sono liberi di accettare o trovarsi un amministratore che costi meno o addirittura possono nominare come amministratore un condòmino che amministri gratis, come faccio io:

 

Art. 1129 c.c.... L'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta...

Se una norma cambia in corso d'opera, penso che l'Amministratore abbia tutto il diritto di chiedere un compenso aggiuntivo, sta poi all'assemblea approvare o meno il consuntivo spesa. Se l'AdE si inventa ogni anno una nuova procedura, l'Amministratore non può presentare sempre un preventivo dettagliato, quindi...

chiedere un compenso aggiuntivo,

sta poi all'assemblea approvare o meno il consuntivo spesa

Cioè, per adesso gli si paga la /maggiorazione/ che ci impone...

Poi,

per la prossima stagione del prossimo mandato, potremmo licenziarlo e sceglierne un altro ?

 

--img_rimossa--

Cioè, per adesso gli si paga la /maggiorazione/ che ci impone...

Poi,

per la prossima stagione del prossimo mandato, potremmo licenziarlo e sceglierne un altro ?

 

--img_rimossa--

Purtroppo è una noività per tutti, questa della dichiarazione all'AdE delle spese detraibili e insieme alla Cu e il 770 già presenti va a creare un'ulteriore mole di lavoro non preventivata, che a mio parere ha diritto ad un compenso.

Oltretutto, perchè fare gratis una cosa sanzionabile in caso di errori?

Appunto, le norme sono state modificate e le regole sono trasparenti.

L'amministratore presenta il preventivo del suo compenso analiticamente, (ogni singola voce), tra cui il compenso per ognuno degli adempimenti fiscali.

Non credo che l'amministratore punti una pistola alla tempia dei condòmini e li obblighi ad accettare.

I condòmini sono liberi di accettare o trovarsi un amministratore che costi meno o addirittura possono nominare come amministratore un condòmino che amministri gratis, come faccio io:

 

Art. 1129 c.c.... L'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta...

Il mio disappunto e che nulla viene richiesto pero quando presenta il rendiconto comprensiva di una voce non inserita nel preventivo da lui stilato, chiede sempre la ratifica perchè qualche condomino si lamenta. Comportamento un po strano perchè si salva in calcio d'angolo.

×