Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
pierfrancesco

Transazione a seguito di decreto ingiuntivo per quote condominiali - ripartizione spese

Ho letto giorni fa questa interessante articolo su quanto in oggetto:

https://www.condominioweb.com/decreto-ingiuntivo-transazione-sempre-possibile.11626

 

Se per ipotesi in un condominio in cui ci sono 10 unità immobiliari, il condòmino n°10, a fronte di un debito di 100 euro, avanza proposta di transazione pari a 90 euro, le restanti 10 euro a parere vostro come andrebbero ripartite?

Mi spiego meglio con dei passaggi pratici:

1) emesso d.i. al condòmino n.10 per euro 100 (esempio);

2) pervenuta proposta di transazione pari a 90euro da parte del condòmino 10;

3) discussione in assemblea sulla possibilità di accettare transazione;

 

a questo punto possono aprirsi 2 strade:

3a) l'assemblea non accetta, dunque l'amm.re deve procedere con altri atti giudiziari per il recupero delle somme (per le quali passerà del tempo e per le quali richiede subito un anticipo spese legali)

 

3b) accetta proposta di transazione: se l'assemblea accetta (suppongo maggioranza >500 millesimi tab.A/proprietà) la differenza fra quanto richiesto e offerto (cioè 10 euro) come va ripartita? fra tutti i condòmini (incluso il moroso) oppure escludendolo dal riparto? E se qualcuno si oppone (minoranza), è tenuto a sobbarcarsi la differenza dello 'sconto' praticato al condòmino moroso?

Qualcuno ha mai avuto un caso simile?

grazie in anticipo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La differenza verrà ripartita per millesimi di proprietà o in parti uguali all'unanimità..............ovviamente lasciando fuori il moroso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao Kurt, grazie!

1) Lasciando fuori il moroso OK.

2) Il metodo di riparto (millesimi o parti uguali) lo stabilisce ovviamente l'assemblea?

3) All'unanimità ....dei presenti? e gli assenti accetterebbero questo ulteriore onere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

2) Si.

3) All'unanimità dei condomini e no solo dei presenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

grazie Kurt.

In merito al punto 3) mi pare di capire che ci voglia l'unanimità del condominio (escluso il condomino che propone transazione). Quindi bisogna riparametrare su base 1000 tutti i proprietari non tenendo conto del 'moroso'.

 

Rileggendo ora quanto riportato sul sito a questo articolo:

https://www.condominioweb.com/controversie-giungere-ad-una-transazione-quali-sono-i-quorum-deliberativi-necessari.1245

mi pare che la decisione possa essere presa anche dalla maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

No, perchè la regola è la ripartizione per millesimi, regola derogabile solo all'unanimità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

quindi, concludendo...

il quorum deliberativo per "accollo spese condòmino inadempiente" è ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×